Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Gallery

Gallery

Musica in Mostra: Concerto della Toscanini allo CSAC di Parma con Mihaela Costea, Carla They, Antonio Mercurio

Nell'esecuzione di Lebertango il Trio si è concesso vituosismi individuali e corali, molto coinvolgenti  che hanno riscosso grandi applausi e richiesta di bis, concesso, alla fine del concerto. LB 

Foto Luigi Boschi: Mihaela Costea

Gallery del concerto allo CSAC di Parma

In Pilotta arriva Gola Gola: ennesima banale mortifera provocazione al complesso monumentale di Parma, divenuto cimitero degli eventi culturali. La bulimia da cibo ubriaca la città

Cena allo CSAC da "Caduta degli dei" di Visconti, in versione volgare, priva dell'eleganza del grande regista. Qui è la caduta di una città nel ridicolo suicidario, in nome della gastronomia UNESCO.
Foto Marco Vasini: Cesare Azzali con Elisabetta Gregoracci

Foto Luigi Boschi: Gola Gola in Pilotta

La gastronomia UNESCO tra golosi, ipocriti e disastri parmigiani lasciati in eredità. Dalla cena di gala allo CSAC allo streetfood per il pueblo.

Stu Pasubio e WOPA (work out Pasubio) un deserto cementificato privo di vita sociale

La rigenerazione urbana non esiste. Un luogo d'angoscia non idoneo alla vita sociale. Un labirinto di cemento senza nemmeno una piazza, privo di orizzonte, solo il cemento e la linea ferroviaria. Il Wopa non può mutare con i consumi suicidari e mercatini dell'inutilità, né rigenerare questo agglomerato concentrazionario. Una struttura per ora funzionale agli interessi di bottega di pochi. Un progetto privo di qualità urbanistica e una speculazione immobiliare sbagliata che ha fallito il suo obiettivo. Direbbe Giovanni Sartori: "in marcia verso lo sfascio", andando avanti con la fumisteria, con la stravaganza costosa, senza un'idea di come andare avanti; un cavalcare il nulla senza finalità. La politica e l'urbanistica non possono basarsi sulla estemporaneità emozionale senza un programma dettagliato con finalità precise. Questa, inece, è la corsa verso il nulla.  LB  

Il Travaglio della Stu Pasubio (dossier insieme a SPIP E STT) 

Gazzetta di Parma del 2 febbraio 2016, pag. 37 - Doc. PDF

Parma, degrado ambientale e discariche abusive in zona Campus e via Liani

Parma 01 settembre 2015

Oggetto: degrado ambientale nella nostra zona (area Campus)

Gent.mo Assessore Folli,

Recentemente abbiamo letto una sua lettera indirizzata ai maestri Ghiretti e Pellacini e le anticipiamo che non è nostra intenzione di entrare nel merito delle vostre questioni, ma crediamo tuttavia di esserci coinvolti per una serie di cose:

-conveniamo con lei che il Comune sta operando per migliorare la raccolta differenziata della spazzatura e che civilmente ci adoperiamo per fare il nostro dovere.

-conveniamo con lei sugli effetti negativi dei cambiamenti climatici dovuti a tante ragioni legate alle eccessive combustioni di carburanti fossili e disboscamenti, ecc., ma in merito al disboscamento vorremmo ricordarle che il marzo di questo anno (prima di S. Giuseppe) è stato concesso ai “baracconi” d’installarsi nell’area del parcheggio Sud (zona Campus) e per fare ciò sono state “SPIANTATE decine di alberi”. Abbiamo segnalato la cosa a voi con una documentazione fotografica, ma non ci è stata data una risposta e dopo la partenza dei baracconi, sono stati abbattuti tutti alberi rimanenti e coperto le aiuole di terra, con asfalto?  Questo è in linea con “l’inversione di tendenza” che lei, nella sua lettera, ci consiglia? Non era forse meglio rimettere a dimora tutti gli alberi abbattuti anziché fare tabula rasa ed asfaltare il tutto?

Incontro sulla satira con gli autori all'Aula Magna dell'Università di Parma

Gallery vignette

Gallery autori


"La satira significa indignarsi, denunciare"

Staino:"La satira non deve avere limiti"

"la satira è un modo di fare informazione da un altro punto di vista"

M. Chierici: "Per fare satira deve esserci un sentire e un contesto comune, altrimenti non si capisce".

29 APRILE: INCONTRO all'aula Magna di Parma: "SATIRA IN PRIMA"
Per la prima volta insieme, Altan, Emilio Giannelli, Gino e Michele, Staino, Vincino e Fogliazza discutono del loro lavoro, che ha disegnato la storia d'Italia tra il pieno ‘900 e il 2000.

Quando nel 2011 era solo uno scheletro di ferro e cemento in un prato a nord di Parma vicino all'inceneritore

Foto scattate nel 2011 
e ci si chiedeva quale ne sarebbe stato l'uso? Scrivevo  “Sarebbe utile capire chi era interessato ad acquistare i terreni SPIP a prezzi fuori mercato. E qui ci sono mezze verità! Come mai il Comune ha favorito operazioni simili alla SPIP con Cesi, Edildomus e Scac? Interessante quell’enorme centro commerciale (progetto architetto Pietro Zanlari per le cooperative CESI di Imola) di cui si può ammirare da tempo solo lo scheletro vicino all’inceneritore. Un pensiero lungimirante come sviluppo urbanistico. Quale la contropartita? Perché così come è non ha logica di impresa.
Potremmo inoltre avere dalla Amministrazione, non certo da Calestani, una visione urbanistica e insediativa di tutta quella zona della città che non ci pare molto pensata se non per fare solo affari?”

Così come le Amministrazioni gestiscono il suolo e le aree, allo stesso modo gestiscono il patrimonio culturale pubblico! Il San Paolo con il Correggio che marcisce, l'Ospedale vecchio del 1200 in decomposizione, Il Palazzo del Governatore ristrutturato e inutilizzato, messo a bando per essere privatizzato.  

Articoli correlati


Anteprima Carnevale Viareggio 2014

Le foto pubblicate sono state inviate da un amico che il 16 febbraio 2014 si trovava a Viareggio. Domenica 23 febbraio, invece, il blog sarà a Viareggio a fotografare direttamente i Carri del Carnevale e il pubblico presente che li segue nel percorso. LB

Successo de La clemenza di Tito al Teatro Valli di Reggio Emilia 16 febbraio 2014

Tito Vespasiano Paolo Fanale
Vitellia Teresa Romano
Servilia Ruzan Mantashyan
Sesto Gabriella Sborgi
Annio Aurora Faggioli
Publio Valeriu Caradja

Direttore Eric Hull
Regia Walter Pagliaro
Scene e costumi Luigi Perego
Luci Andrea Ricci
Maestro del coro Stefano Colò

Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna
Coro Lirico Amadeus-Fondazione Teatro Comunale di Modena
 

Condividi contenuti