Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Mostre fotografiche

Mostre fotografiche

Fotografia Europea 2018 a Parma, presso lo Csac: FIGURE CONTRO. FOTOGRAFIA DELLA DIFFERENZA

FIGURE CONTRO. FOTOGRAFIA DELLA DIFFERENZA

Francesca Avanzini

Oggi, 21 aprile, nell’ambito di Fotografia Europea 2018, dedicata quest’anno a “RIVOLUZIONI. Ribellioni, cambiamenti, utopie”, apre allo CSAC di Parma, presso l’Abbazia di Valserena, che rimarrà fino al 30 Settembre, la mostra “Figure contro. Fotografia della differenza”. Non nel senso che ha dato il femminismo alla parola, ma come presa di distanza dal conformismo, da quello che un tempo si chiamava “il sistema”. “Abbiamo scelto autori”, spiega Cristina Casero, che insieme a Paolo Barbaro e Claudia Cavatorta ha curato la mostra, “che hanno puntato l’obiettivo su situazioni escluse dal racconto trionfalistico del boom economico (iniziato negli ’60, n.d.r.)”.

Perché sempre da lì si parte: quando si tratta di rivoluzioni, è giocoforza tornare al ’68 e dintorni, laboratori di ogni ribellione presente e futura, ancora fertili di suggestioni, come dimostra l’interesse non scolastico che, sempre nelle parole di Casero, hanno mostrato gli studenti in visita in anteprima alla mostra.

“L’esposizione è interamente realizzata con materiali appartenenti allo CSAC, ”continua la curatrice. ”E non si è trattato semplicemente di ‘tirare fuori dagli scaffali’, perché qui da noi il tema è sempre stato prioritario”.

VIAGGIO IN IRAN Mostra fotografica del colornese Stefano Anzola -Teatro Comunale di Colorno (PR)

Viaggio in Iran mostra fotografica

Domenica 29 ottobre dalle ore 17 - Casalmaggiore

Sala Fastassa, Teatro Comunale

VIAGGIO IN IRAN

Mostra fotografica del colornese Stefano Anzola

Domenica 29 ottobre, dalle ore 17.00, presso la Sala Fastassa del Teatro Comunale, in occasione della Presentazione al pubblico della Stagione 2017-2018 del Teatro Comunale, diretta da Giuseppe Romanetti, e nell’ambito del progetto ‘Stupor Mundi’, inaugura la mostra fotografica “Viaggio in Iran” del colornese Stefano Anzola, da anni impegnato in viaggi in vari Paesi del mondo di cui documenta, con rara sensibilità, gli aspetti ambientali, etnici e culturali. Circa 60 scatti fotografici che sanno svelare, con il rispetto dovuto, la società iraniana nelle sue abitudini, riti e sfera sociale.

La mostra rimarrà aperta, ad ingresso gratuito, sino al 30 novembre nei giorni di Fiera dalle 16.00 alle 19.00, nei giorni di spettacolo e nei fine settimana dalle ore 18.00 (a richiesta per gruppi e scolaresche 0375. 284422).

Dal 31 agosto al 27 settembre le fotografie dell’artista Misha Cattabiani nel Centro Cinema Lino Ventura di Parma

Dal 31 agosto al 27 settembre le fotografie dell’artista Misha Cattabiani nella mostra “Nient'altro che quello che (non) è”ospitata nello spazio espositivo LaZona del Centro Cinema Lino Ventura.

Parma 28 Agosto 2017 -Riprendono a fine agosto le esposizioni de LaZona, lo spazio espositivo situato all'interno del Centro Cinema Lino Ventura, nel complesso dell’Ospedale Vecchio.

La quarta mostra del progetto, dal titolo “Nient'altro che quello che (non) è”, vedrà esposte dal 31 agosto al 27 settembre le opere fotografiche dell’artista parmigiano Misha Cattabiani.

Le fotografie di Cattabiani, come suggerisce lo stesso artista «sono paesaggi interiori impressionisti nei quali, cercando di eliminare il superfluo, si arriva all'essenza del momento, all'impressione del ricordo; quasi un lavoro di "distillazione" della natura percepita per arrivare alla sostanza del paesaggio. La ricerca compositiva vira su forme semplici, grafiche; la prospettiva viene meno per lasciare spazio a un gioco di piani tonali, delicate nuance e macchie di colore. Non vi sono soggetti principali o secondari e la ricerca dell'equilibrio è sulla totalità del fotogramma come se fosse una tela da dipingere con armonie cromatiche e semplici linee. I paesaggi così si dilatano, si sfumano come i suoi colori, i contorni vengono meno per lasciare liberi i soggetti di espandersi e conquistare lo spazio intorno, il tempo ha smesso di esistere, l'hic et nunc si è rotto».

Mauro Davoli, Nature vive: mostra al Labirinto della Masone, Fontanellato (PR)

“Mauro Davoli. Nature vive” mostra alla Magione - Fontanellato (PR)

“Mauro Davoli. Nature vive”

La Fotografia d’autore torna al Labirinto dopo il successo della mostra di Massimo Listri con un altro autore, Mauro Davoli, al quale l’editore Franco Maria Ricci è legato.
 
Le fotografie, diverse nei soggetti naturali, sono legate da una composizione impeccabile, curata nei minimi dettagli, da una ritmica alternanza di spazi vuoti, sfondi neri e oggetti, da una luce essenziale, che rende ancora più evidente il corto-circuito tra pittura e fotografia.
 
Negli anni Davoli ha continuato spesso a collaborare con Franco Maria Ricci, e proprio a coronamento di questo sodalizio le opere del fotografo saranno in mostra al Labirinto della Masone. Un’agile ma sontuosa guida alla mostra è stata curata dall’editore Ricci con la consueta eleganza bodoniana.

Dalla via Emilia al mondo: viaggi, operai e discoteche a Fotografia Europea

Torna dal 6 maggio a Reggio Emilia uno dei festival più amati in Italia. Punto di partenza, la storica strada attorno alla quale nacque un'intera regione e i fotografi che l'hanno raccontata. Tutti gli eventi di quest'anno, a partire dalla mostra sul gigante americano Walker Evans

di MICHELE SMARGIASSI

BOLOGNA - Trent’anni dopo, la via Emilia solca ancora una regione di terra e d’acqua, una fetta d’Italia che ancora si estende dagli Appennini alle onde (del Po e dell’Adriatico), attraversando il parmigiano, le discoteche e i carrelli elevatori, come quando la videro Luigi Ghirri e lo straordinario dream team di veggenti che mise assieme allora. Ma rivederla e rifotografarla oggi è un’avventura nuova. Cambiano i luoghi. Cambiano gli occhi. Da venerdì e fino al 10 luglio, a Reggio Emilia e altrove, questa terra torna a guardarsi allo specchio in un’edizione speciale, e allargata, di Fotografia Europea.

Mostra fotografica GHIZZARDI/BERENGO GARDIN Scatti inediti del grande fotografo italiano dall’Archivio Storico della Casa Museo “Pietro Ghizzardi” a Boretto (RE)

 

GHIZZARDI/BERENGO GARDIN

Scatti inediti del grande fotografo italiano dall’Archivio Storico
della Casa Museo “Pietro Ghizzardi”   

Opening
Sabato 16 maggio 2015, ore 17.30

Casa Museo Al Belvedere Pietro Ghizzardi - Boretto (RE)

alla presenza di

Gianni Berengo Gardin

Mostra a cura di Nicolò Cecchella e Giulia Morelli

realizzata nell’ambito di
FESTIVAL FOTOGRAFIA EUROPEA – EFFETTO TERRA | CIRCUITO OFF

 16 maggio - 29 giugno 2015
Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi” – Boretto (RE)

La Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi” e l’Associazione Culturale “Pietro Ghizzardi” – Centro Documentale e Archivio Storico sono liete di presentare, nell’ambito del Festival Fotografia Europea 2015 – Effetto Terra, l’esposizione fotografica GHIZZARDI/BERENGO GARDIN, 15 scatti inediti degli anni ’70 del grande fotografo italiano, appartenenti all’Archivio Storico della Casa Museo, in cui è immortalata l’essenza del pittore-contadino di Boretto.

La mostra inaugurerà, alla presenza di Gianni Berengo Gardin, sabato 16 maggio 2015 alle ore 17.30 e resterà aperta al pubblico, sino al 29 giugno, ad ingresso gratuito, per tutti i week-end del mese di maggio e giugno.

Il fotografo parmigiano Mauro Davoli al MIA Fair dal 11 al 13 Aprile 2015

MIA Fair, nata nel 2011 da un’idea di Fabio Castelli, si è distinta dal tradizionale schema delle fiere d’arte italiane ed internazionali per il suo format originale: uno stand per ogni artista – ad ogni artista il suo catalogo. Composta da solo show, MIA Fair ha offerto un approccio inedito presentando in ogni stand una mostra personale e un percorso approfondito. Nel 2015, in occasione del suo 5° anniversario e della Esposizione Universale EXPO 2015 Milano, MIA Fair amplia il suo particolare format a stand collettivi che presentino un progetto curatoriale specifico, purché sia ispirato ai temi di Expo 2015
MIA Fair nasce con l’obiettivo di evidenziare il ruolo trasversale che la fotografia e l’immagine in movimento hanno assunto tra i linguaggi espressivi dell’arte e  del sistema dell’arte contemporanea.

CATALOGO INNOVATIVO: TECNOLOGIA E SOCIAL RESPONSIBILITY

Il catalogo MIA Fair è concepito in modo innovativo. Dalla prima edizione MIA Fair ha offerto ai suoi espositori e visitatori una brochure monografica per ogni stand. Dall’edizione 2014 MIA Fair si avvicina al mondo della tecnologia e dell’editoria green, trasformando il catalogo personale di ciascun espositore in un e-book sfogliabile su  qualunque supporto (tablet, smartphone, PC e Mac).  I visitatori potranno raccogliere le MIA Card personalizzate agli stand dalle gallerie presenti in fiera e scaricare il catalogo dal QR – code presente su ogni cartolina.

NATURA FORMATIVA DELL’EVENTO PER UN COLLEZIONISMO CONSAPEVOLE

MIA Fair prevede un ricco programma culturale, con eventi e conferenze dedicate al mondo dell’arte e della fotografia, che mira a supportare un collezionismo consapevole con approfondimenti e ospiti di rilievo nel panorama artistico italiano ed internazionale.

Stanislao Farri: sulle tracce della luce - Palazzo del Governatore di Parma

Farri a Palazzo del Governatore in mostra fino al 19 ottobre

Continua con successo al secondo piano di  Palazzo del Governatore la mostra fotografica di  Stanislao Farri “Sulle tracce della luce”, aperta al pubblico, ad ingresso gratuito, fino al 19 ottobre prossimo.

La mostra, promossa dal Comune di Parma, curata da Sandro Parmiggiani e organizzata da Arnaldo Amadasi e Giovanni Calori,  è aperta  da martedì a domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 14,30 alle 19,30. Le immagini sono riprodotte sul catalogo stampato da Grafiche Step, in distribuzione alla mostra.

Stanislao Farri, uno degli autori e degli interpreti più autentici della fotografia italiana, compie novant’anni,e Parma celebra l’evento a  Palazzo del Governatore, con un’ampia retrospettiva di circa 300 immagini.

Questa esposizione antologica dell’artista reggiano delinea un ritratto complessivo, di fotografo attento ed appassionato indagatore di temi (il volto di Parma, le architetture e le sculture, i cieli, le nuvole, il retaggio della memoria) e aspetti della vita quotidiana, e sperimentatore, anche attraverso il lavoro in camera oscura di soluzioni formali innovative.
DOCUMENTO PDF SULLA MOSTRA E SULL'AUTORE

 

Parma, residenza municipale 30 settembre 2014

Case sospese. Mostra fotografica di Ettore Moni


da UnType

15 febbraio 2014, dalle 18:30 

strada San Nicolò, 7 - 43100 Parma

Note: Case sospese è la nuova mostra del fotografo parmigiano Ettore Moni, una raccolta di immagini realizzate lungo la pianura bagnata dal Po con la tecnica del banco ottico. L'attenzione dell'artista si è infatti concentrata sulle cosiddette case sospese, le abitazioni galleggianti come capanne, palafitte o roulotte, costruite da quegli uomini che hanno fatto del Grande fiume la propria casa.

Galleria Centro Steccata presenta nella sede di Milano la prima mostra fotografica italiana di Bruno Aveillan

Bruno Aveillan

 la Galleria Centro Steccata presenta nella sede di Milano la prima mostra fotografica italiana di Bruno Aveillan “BOLSHOI UNDERGROUND & ALTRE STORIE” a cura di Francesco Gattuso.

La prima parte della mostra riguarda il backstage fotografico realizzato a Mosca nel 2010 dietro le quinte del Teatro Bolshoi durante le esecuzioni della celebre opéra di Johann Strauss 'Die Fledermaus' (Il pipistrello); Bruno Aveillan coglie dettagli, pose e momenti dei ballerini; un occhio discreto e al tempo stesso intenso, che esplora pose, attimi e vita dei protagonisti della vita del teatro.
La cancellazione della memoria e il corpo umano sono i temi privilegiati e ricorrenti nel lavoro di Aveillan, sono la linfa vitale di questa mostra, divisa tra-immagini fisse e immagini in movimento.

Dal 12 febbraio 2014 all’8 marzo 2014

Inaugurazione mercoledì 12 febbraio alle ore 18.30 nella sede di Milano in via Maroncelli 10

La sede della galleria di via Maroncelli 10 recentemente inaugurata è in una posizione strategica tra Corso Como e Porta Garibaldi, facilmente raggiungibile in metropolitana, in automobile o con i treni ad alta velocità della stazione Garibaldi; situata nel cuore pulsante del centro della Milano che si allarga e si trasforma velocemente in vista dell’Expo 2015.

“Un altro punto di vista”, concorso fotografico per amatori

PARMA - Nell’ambito del progetto “IT.A.CA’ –  Festival del Turismo responsabile in Italia”, che coinvolge diverse città dell’Emilia Romagna, a cui Parma partecipa per la prima volta, il Comune ha organizzato un concorso fotografico sul tema “Un altro punto di vista”.

Il concorso fotografico invita a raccontare, attraverso immagini, una città che può essere scoperta da chi non la conosce e riscoperta da chi ci vive.

La città e il suo territorio, con le loro pluralità di vita, coi loro ritmi e le loro relazioni, possono essere attraversati frettolosamente e distrattamente, come accade nella vita quotidiana per i luoghi abituali, oppure ammirati, vissuti, amati, “gustati”: tutto questo può essere colto e rappresentato attraverso l’occhio sensibile del fotografo.
Il concorso è promosso dall’Ufficio turismo del Comune di Parma, in collaborazione con Viaggi Verdi, Bioagriturismi Emilia e B&B Parma, nell’ambito di “IT.A.CA’ migranti e viaggiatori: Festival del turismo responsabile”, che si svolgerà dal 25 maggio al 2 giugno 2013 a Parma e in altre città dell’Emilia Romagna.

La partecipazione al concorso è gratuita, aperta a tutti i fotografi non professionisti e senza limiti d’età. Ogni partecipante potrà inviare un massimo di tre fotografie.

FOTO3: Un viaggio in bianco e nero

Foto di viaggio, ritratti di personaggi, istanti rubati, panorami sublimi o, al contrario, scenari desolanti, reportage struggenti, studi formali di geometrie o linee grafiche, foto astratte, palazzi senza cuore che si alternavano a testimonianze di un’antica grandezza. Un compendio eterogeneo, suggestivo e alle volte bizzarro. Questo vuole offrire FOTO3, la mostra fotografica organizzata dall’Associazione Tapirulan con il patrocinio dell’Università di Parma. La mostra verrà inaugurata sabato 17 dicembre alle 18 presso la galleria Sant’Andrea (Strada Cavestro 6/a, Parma) e sarà visitabile fino a giovedì 22 dicembre. Una carrellata di istantanee di quasi 50 autori che provengono un po’ da tutta Italia. Il filo conduttore è il bianco e nero, lo spunto è quello della terza edizione del concorso di fotografia di Tapirulan al quale anche quest’anno hanno partecipato quasi trecento autori. Le foto in mostra sono dunque il risultato di un impegnativo lavoro di selezione per offrire al visitatore tutte le multiformi sfaccettature delle immagini disarmate dal colore, ma non certo meno affascinanti. La mostra, ad ingresso gratuito, è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, rimane chiusa domenica mattina e lunedì mattina. Per informazioni si può consultare il sito www.tapirulan.it

Galleria Sant'Andrea / Str Cavestro Giordano 6 A - 43121 Parma

Quando gli zar scoprirono il dagherrotipo

L'arte della fotografia nella Mosca dell'800

Grande mostra al Museo storico della capitale russa. Ritratti di Nicola I e Alessandro II, tra i primi a sposare la tesi dell'immagine come massima espressione pittorica possibile. Prima che l'assassinio di Alessandro II e la Rivoluzione ponessero problematiche di diritti e censura

dal nostro corrispondente NICOLA LOMBARDOZZI

Un set fotografico per il vostro pet al Tearose di Monza

pubblicato: sabato 22 maggio 2010 da doretta

Brigitte Bardot

(petsblog.it) Se state progettando una gita nei dintorni di Milano, cogliete al volo l'occasione e portate con voi il vostro cucciolone. Al Tearose di Monza ci sono celebrazioni in onore di BB, Brigitte Bardot, fino al 14 giugno. In questa occasione, per rendere omaggio alla sua passione per gli animali, domenica 23 maggio, dalle 13 alle 19, verrà allestito un set fotografico per i vostri amici animali.

Ma non è tutto: ci sarà persino uno stilista per dare una sistematina al vostro cane o gatto (non so se vale anche per i criceti) prima di essere fotografato come un vip. Dimenticavo: le foto potrete farle insieme e verranno esposte nella giornata conclusiva dell'evento.

Via | Vanity Fair
Foto | Flickr

Trionfo italiano al Sony photography awards 2010

Stefano Biolchini

(ilsole24ore.com) - 25 aprile 2010 - Cannes - Imperdibile. La impetrante immagine dei tre agnellini pronti ad essere sacrificati sull'altare delle nostre tavole gli hanno valso l'Iris d'oro. Il servizio fotografico di Tommaso Ausili si è aggiudicato indiscutibilmente il prestigioso World Photography Awards Photographer of the Year con il reportage dedicato alla macellazione degli animali dal titolo La morte nascosta.

Realizzato come ci ha detto "in Umbria lo scorso anno" gli aveva già fruttato il terzo posto al World press Photo. Si tratta di un reportage crudo in grado di svelare la morte degli animali senza per altro ridursi al semplice sentimento di disgusto. "Ho cercato di mostrare queste morti senza concentrarmi sull'orrore tout court.

Baci troppo osé, stop alla mostra dalla giunta bergamasca

L'esposizione fotografica organizzata dalle associazioni di gay e lesbiche contro l'omofobia giudicata "inopportuna" per il governo cittadino.

immagine di separazione baci rubati mostra bergamo(varesenews.it) La Giunta di Bergamo ha deciso di non concedere il quadriportico "del Sentierone" alle associazioni contro l'omofobia per la mostra fotografica "Baci rubati", una raccolta di immagini che ritraggono baci tra persone dello stesso sesso e di sesso diverso. Un appuntamento che faceva parte, ormai l'imperfetto è d'obbligo, della rassegna organizzata per la giornata mondiale contro l'omofobia a cui l'amministrazione comunale ha aderito lo scorso ottobre. La motivazione ufficiale è una pura questione di "decoro". Siccome il quadriportico è una delle zone più frequentate della città, l'amministrazione ha ritenuto di non concedere tale spazio perché avrebbe potuto turbare i passanti.

Ambiente - Vado a vivere in città

Fino al 4 aprile al Museo di Scienze Naturali di Torino una mostra fotografica racconta l'adattamento all'ambiente urbano di piante e animali, esseri umani compresi

(galileonet.it) Antenne televisive al posto degli alberi: ritrae un caso esemplare di adeguamento all'ambiente cittadino la fotografia che nei giorni scorsi si è aggiudicata il primo premio (sezione flora e fauna) del concorso "Adattarsi in città" promosso dal Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino   in collaborazione con la cooperativa Arnica. Le prime trenta classificate tra le 160 fotografie pervenute da Piemonte, Liguria e Sardegna sono esposte fino al 4 aprile nelle sale del Museo. (g.d.o.)

I documenti sui cambiamenti climatici di Gary Braasch

pubblicato: lunedì 18 gennaio 2010 da Marina in: Clima Web&Blog Persone Nord America

Gary Braasch documenta da oltre 12 anni i cambiamenti climatici

Gary Braasch fotografo ambientalista, ha al suo attivo diversi siti web tra cui World View of Global Warming in cui ha deciso di depositare documenti, per lo più sue immagini, che attestano i cambiamenti climatici.

Il progetto è nato circa 12 anni fa e da allora Gary ha messo su un archivio fotografico di sicuro interesse, oltre ad aver pubblicato Earth under fire, il libro in cui raccoglie la sua esperienza di fotografo ambientalista e in cui testimonia come sia riuscito a toccare con mano gli effetti del riscaldamento globale.

Attualmente le sue foto sono in mostra fino al 15 marzo prossimo presso l' American Association for the Advancement of Science di Washington.

Foto | Earth under fire

(ecoblog.it)

Condividi contenuti