Home Architettura Urbanistica Design Nuovo Tardini, si alla mozione. Lavagetto: “Ora un progetto in sintonia con...

Nuovo Tardini, si alla mozione. Lavagetto: “Ora un progetto in sintonia con la città”

184
1

Votato in Consiglio comunale l’atto della maggioranza che indica gli obiettivi del Comune da trasferire al Parma Calcio in vista del progetto definitivo. Bosi: “Grazie al Parma Calcio per il dialogo”

Tutto come previsto in Consiglio comunale nella seduta che ha discusso, dopo il passaggio in commissione consiliare, la petizione popolare e la mozione di maggioranza sul nuovo Tardini (votata dai quattro gruppi estensori dell’atto e anche da Azione, no di Fratelli d’Italia, astenuti gli altri gruppi di minoranza).
A pungolare il Pd, oggi in maggioranza e pronto a votare l’interesse pubblico nella prossima delibera di Giunta dopo il no espresso in Consiglio a gennaio 2022, è stata la capogruppo della Lega Laura Cavandoli: “Il Pd con l’assenso in Giunta dovrà ratificare quelli che erano stati i quattro voti contrari all’interesse pubblico del progetto espressi a gennaio 2022 dai consiglieri del Pd allora all’opposizione. Lo considero un cortocircuito interno”.

Nel corso del dibattito in Consiglio è intervenuto anche il vicesindaco Lorenzo Lavagetto per rivendicare il cambio di passo dell’azione amministrativa dopo le elezioni.

Lavagetto ha insistito in particolare sul punto della mozione che indica una riqualificazione a fasi dello stadio.

“Il Parma Calcio ha ribadito anche durante il percorso partecipativo di volere presentare un progetto di demolizione e ricostruzione totale dell’impianto. Oggi il Consiglio comunale dice chiaramente che quella direzione non trova l’appoggio dell’Amministrazione, che chiede una riduzione dei tempi del diritto di superficie e annessi. Si certifica dunque un passaggio del tutto nuovo, ovvero un Comune che sceglie e indirizza il processo dove ritiene più opportuno e lo fa dopo aver ascoltato la cittadinanza e aver promosso la partecipazione. Un Comune che chiede un progetto differente più in sintonia con le ragioni della città. L’interesse pubblico che entrerà nella delibera di Giunta si misura dunque in questo senso, in un progetto e in una prospettiva differenti”, ha sottolineato il vicesindaco in un intervento che è parso rivolto, oltre che a Cavandoli, anche agli alleati di maggioranza di Effetto Parma.

Effetto Parma che, con l’assessore allo Sport Marco Bosi, sui social parla di “importante passo avanti” a proposito della mozione approvata che impegna la Giunta a procedere con il progetto di riqualificazione dello stadio Tardini, “come scritto nel programma elettorale, fornendo indicazioni chiare e precise”.

L’assessore ringrazia i consiglieri e parla di un “documento che sintetizza il lavoro di questi mesi in cui insieme al Parma Calcio abbiamo lavorato al superamento di quelle criticità emerse nelle discussioni sul progetto preliminare. Così come ringrazio il Parma Calcio per l’attenzione dimostrata alle istanze rappresentate in questi mesi di dialogo”.

Da segnalare l’emendamento di Pietro Vignali, approvato, per tutelare il valore simbolico del nome Tardini. (04 APRILE 2023)

Fonte Link: parma.repubblica.it

articoli correlati 

Nuovo Tardini, verso delibera di Giunta sull’interesse pubblico

In commissione l’esame della petizione popolare e della mozione
Ci sarà una delibera di Giunta sull’interesse pubblico del progetto del nuovo Tardini (o almeno questo è l’indirizzo tecnico del segretario generale del Comune Pasquale Criscuolo); viene ribadito che la scuola Puccini – Pezzani non verrà demolita né ridimensionata; l’Amministrazione comunale intende favorire una ristrutturazione a stralci per ridurre gli impatti sui residenti ed evitare la chiusura dell’impianto almeno due anni a fronte di una demolizione e ricostruzione; in vista una consistente riduzione degli anni di concessione dell’impianto al Parma Calcio da determinare anche in base all’importo dell’investimento del club. [Ndr: ma si rende conto cosa dice, l’avvocato Segretario Generale?]

Questi i punti salienti emersi nel corso della commissione consiliare che ha affrontato la petizione dei cittadini e la mozione della maggioranza in preparazione della discussione in Consiglio comunale lunedì 3 aprile.

Al momento l’iter vede uno studio di fattibilità presentato dal Parma Calcio a cui farà seguito un progetto definitivo che, secondo l’intenzione della nuova Giunta, dovrà tenere conto appunto dei punti contenuti nella mozione della maggioranza.

Nell’introdurre la petizione in commissione, Anna Kauber ha sottolineato come la petizione e le sue oltre ottomila firme siano state una risposta al “mancato ascolto e alla mancata partecipazione dei cittadini interessati. La comunità non è stata resa artefice del proprio destino”.

Quanto invece alla mozione, “non mette in pericolo la prosecuzione dell’interesse del club verso il progetto”, assicura l’assessore allo Sport Marco Bosi, che ha annunciato anche l’intenzione da parte della società di proporre una serie di investimenti su spazi ed edifici pubblici, nell’area esterna allo stadio (casinetto Petitot ad esempio), che saranno decisi in accordo con l’Amministrazione comunale.30 Marzo 2023

Nuovo Tardini, la maggioranza fissa i paletti: concessione più breve e cantiere a stralci

Fonte Link: parma.repubblica.it

1 COMMENT