Home Argomenti Ambiente e Ecologia L’AUTO ECOLOGICA TUTTOFARE

L’AUTO ECOLOGICA TUTTOFARE

263
0

di DANIELE SPARISCI
(da la Repubblica.it)

Le batterie si ricaricano con pannelli solari ed energia catturata dal vento con una turbina eolica 

In nome dell’ecologia arriva l’auto tuttofare. La ricarichi con i pannelli solari sul tetto, la attacchi alla presa della corrente e addirittura catturi l’energia del vento con una turbina eolica. In poche parole, la benzina è solo un lontano ricordo. Si chiama Ecletic e porta la firma del carrozziere francese Venturi, davvero coraggioso nel mettere in discussioni i dogmi dell’industria automobilistica: questo è, infatti, il primo veicolo al mondo completamente autosufficiente, capace di accumulare energia anche quando è più fermo del traffico in tangenziale.
Grazie ai due metri quadri di celle fotovoltaiche, la Ecletic guadagna sette chilometri in più in autonomia, ai quali se ne aggiungono altri quindici generati dalla pala eolica che spunta dalla coda. E per chi non abita in un canyon o su spiagge assolate, c’è pur sempre il motore elettrico che si ricarica in cinque ore e arriva a coprire una distanza di 50 chilometri. La velocità, invece, è controllata elettronicamente per renderla ancora più parsimoniosa, ed per questo che la vettura non supera i 50 km orari.

Per Sacha Lakic, che l’ha progettata, la Ecletic è " moderna e intelligente e sfrutta tutta l’energia che trova intorno a se." E per quanto riguarda la linea, sicuramente anti-convezionale, spiega di essersi ispirato ai primi rover che atterrarono sulla Luna con la missione Apollo 15, ma alcuni spunti arrivano anche dalla Mini Moke e dalla Citroen Mehari.

Il resto è il solito brodo celebrativo che parla di rivoluzione e storia. In fondo, però, qualcosa di nuovo rispetto ai soliti prototipi destinati a rimanere pezzi unici, stavolta c’è. Ed è la produzione di duecento vetture, – spiega la Venturi- che saranno commercializzate a partire dal prossimo giugno (2007 n. d. r.) al prezzo di 24.000 euro, più di una berlina. Ma e’il biglietto da pagare all’ambiente.


(10 ottobre 2006)