Home Argomenti Ambiente e Ecologia Rifiuti contaminati in arrivo a Paese

Rifiuti contaminati in arrivo a Paese

288
0

Solo risposte inquietanti e contraddittorie dall’assessore all’ambiente sull’interrogazione sui rifiuti contaminati in arrivo a Paese.

Il dibattito scaturito in Consiglio Comunale il 9 ottobre 2009, terminato oltre le 2.00 di notte, per trattare l’interrogazione sulla discarica TERRA che vorrebbe accogliere anche le terre e le rocce da siti contaminati, ha evidenziato alcuni aspetti preoccupanti e alcune evidenti contraddizioni da parte dell’amministrazione Pietrobon.

L’Assessore all’ambiente Vigilio Piccolotto del Popolo della Libertà ha in sintesi riportato quanto segue.

  • L’attuale amministrazione non ha informato la popolazione perché, a suo avviso,  non è nel suo stile fare delle proclamazioni pericolose come era nell’abitudine della precedente.
  • L’Amministrazione di Paese si sarebbe espressa in maniera negativa, già nel mese di agosto, nei confronti della eventuale autorizzazione della Provincia.
  • Secondo Piccolotto, le terre e le rocce che arriveranno dai siti contaminati sarebbero addirittura meno inquinate dei nostri terreni agricoli dove si raccoglie il tarassaco.
  • Si ricorre al TAR solo quando si ritiene che un provvedimento sia negativo.
  • I cofirmatari dell’interrogazione dovrebbero usare più prudenza prima di sottoscrivere qualcosa proposto dal sottoscritto.

Viene quindi da chiedersi se Pietrobon & company sono preoccupati o meno per i gravi sviluppi che potrebbe far registrare questa discarica.

Oppure è meglio pensare che sono preoccupati solo dalle domande che gli vengono rivolte tanto da invitare alla prudenza noi interroganti ancora prima di cominciare a rispondere?

Il comune risponde che non avvisa la popolazione per non allarmarla inutilmente, ma poi lo stesso comune manifesta contrarietà alla provincia sull’arrivo dei rifiuti.

Perché si manifesta questa contrarietà se non c’è nulla di preoccupante?

Si è disposti a ricorrere al TAR solo quando si ritiene che il provvedimento sia negativo, ma non si dice come si giudica la possibile autorizzazione in arrivo.

A sentire l’assessore Piccolotto quelle terre in arrivo da siti contaminati sono meno inquinate dei nostri terreni agricoli.

Di fronte a tutta questa serie di affermazioni in consiglio comunale ho rivolto all’assessore Piccolotto una semplicissima domanda: "Assessore, se queste terre sono migliori di quelle dove si coltiva il radicchio, perché non se le tengono dove sono?!"

Forse è opportuno che il Sindaco Pietrobon intervenga per chiarire il tutto, come giustamente ha già fatto a proposito dell’elettrodotto TERNA reintroducendo, in seguito ad un mio emendamento, nelle linee programmatiche della sua amministrazione quella contrarietà manifestata in campagna elettorale che poi era misteriosamente scomparsa nel documento proposto al Consiglio Comunale.

I cittadini di Paese sono stanchi dei troppi saccheggi ambientali ed economici avvenuti negli anni ai danni di Paese e non vogliono più i rifiuti inquinanti degli altri nel loro territorio, Paese ha già dato l’inverosimile, questo l’amministrazione Pietrobon lo deve tenere bene in mente! A buon intenditor poche parole.

Andrea Zanoni – Capogruppo Italia dei Valori di Paese

– Internet: www.andreazanoni.it – Email: zanoni@ecorete.it – Cell.347/9385856