Home Argomenti Animali Abbandonano un cane, ma dimenticano il microchip

Abbandonano un cane, ma dimenticano il microchip

218
0

Mauro Favaro

(GAZZETTINO DI TREVISO)
PONZANO (TV) – Rinchiuso dentro una scatola di cartone sigillata con del nastro adesivo e abbandonato sotto la pioggia a pochi metri dalla cancellata. All’interno, spaesato e impaurito, un cane di pelo chiaro e di taglia media, trovato così dal personale che ieri mattina presto si accingeva ad aprire il canile di via Fossa a Ponzano. Solo il caso, o una briciola di pietas umana rimasta intatta, ha fatto in modo che un lato dello scatolone rimanesse leggermente sollevato permettendo alla bestiola di respirare sino all’apertura del canile. L’animale è stato subito soccorso e trasferito dentro la struttura, e dopo aver ricevuto le prime cure ed essere stato rifocillato si è sdraiato, denutrito e infreddolito, tra i cuscini posti dentro una cuccia. Negli anni molti hanno scelto di sbarazzarsi del migliore amico dell’uomo lasciandolo davanti ai cancelli del Rifugio del cane di via Fossa a Ponzano, come ricordano gli operatori, ma nessuno era mai stato abbandonato in modo così brutale. Questa volta, però, le mani che hanno compiuto il crudele gesto potrebbero avere anche un volto.

Per disattenzione, o per totale non curanza, infatti, chi ha rinchiuso la bestiola dentro lo scatolone non si è accorto che l’animale era stato registrato all’anagrafe canina con tanto di microchip inserito sottopelle. Un riferimento che permetterà di risalire ad almeno uno dei proprietari che tempo fa si erano presi cura del cane. In venti anni non ho mai visto una cosa del genere, chi l’ha fatto non può passarla liscia spiega la presidente, Bruna Tampieri c’è il microchip che potrà svelare l’identità dei proprietari e lunedì andremo a sporgere denuncia contro un abbandono così disumano. 14 SETTEMBRE 2008