Home Argomenti Animali Diritti animali

Diritti animali

260
0

Gli appelli al maggior rispetto per gli animali e l’ambiente lanciati in occasione della Pasqua non possono ovviamente essere dimenticati ora che la festa è finita. A maggior ragione quest’anno che le celebrazioni per la Resurrezione di Cristo capitano a pochi giorni dalla festa altrettanto importante per la beatificazione di Karol Wojtyla, un "rivoluzionario" in fatto di etica cristiana e diritti animali.

Così ho pensato di riproporvi un articolo scritto dal biblista ed esperto di simbologia religiosa Monsignor Mario Canciani per ricordarvelo e per prepararvi a questo 1 maggio. Eccolo.

Dobbiamo riconoscere che la morale cristiana non ha elaborato fin qui un pensiero coerente e sistematico sulla sperimentazione animale. È indubbio anzi che gli uomini di chiesa spesso hanno veicolato teorie caratterizzate da profonda insensibilità e indifferenza etica.
Uno spartiacque tra le due mentalità è stato indicato da Papa Giovanni Paolo II: «Non solo l’uomo ma anche gli animali hanno un soffio divino».

A Valencia in Spagna, dove sono stato chiamato dalla TV canale 9, il giornalista Alfons Clorenç ha iniziato il dibattito così crudelmente: «Fin qui sapevamo che un pollo rappresentava delle calorie; ora sappiamo che ha anche un’anima. Come la mettiamo?»
Ho avuto davanti agli occhi subito la visione al rallentatore di un’infinità di polli in batteria in gabbie dove in 45 cm. di spazio vivono strette l’una all’altra 9 galline. Aveva ragione Bentham al periodo dell’esplosione dell’epoca industriale in Inghilterra: «Non si tratta di veder se gli animali abbiano la parola o l’intelligenza, quanto piuttosto se possono soffrire».
Mi ha commosso la lettura di I poteri mentali dell’uomo e quelli degli animali inferiori di Charles Darwin: «È noto l’amore del cane per il suo padrone: e tutti sanno che nell’agonia della morte egli accarezza il padrone; e ognuno può aver sentito dire che il cane che soffre mentre viene sottoposto a qualche vivisezione e lecca la mano dell’operatore; e quest’uomo, a meno di avere un cuore di sasso, deve provare rimorso fino all’ultima ora della sua vita».
Tuttora nella deontologia medica impera una concezione esclusivamente "strumentale" degli animali. Essi sono considerati unicamente in termini di utilità e di vantaggio per l’essere umano. Questo è l’atteggiamento ancora dominante nella nostra cultura, ma non è più giustificabile una concezione della realtà che potremmo chiamare di tipo piramidale in cui l’uomo sta al vertice e la di sopra di tutto.

Forse il Cristianesimo, per quanto concerne il rapporto uomo-animale si è ispirato alla linea greco-aristotelica e non a quella biblica. Un antropocentrismo esagerato è del tutto alieno dalla visione scritturistica, dove il creato non è semplicemente un "fondale" per l’uomo ma una realtà viva e palpitante.

L’essere umano nei confronti delle creature animate e inanimate non ha soltanto dei diritti ma anche dei doveri. La Sollecitudo reis socialis (34, 26) parla del rispetto che si deve alla natura di ciascun essere e della sua mutua connessione in un sistema ordinato, che è appunto il cosmo.
La rinnovata comprensione della creazione ci deve spingere ad avere prospettive adeguate entro le quali possiamo comprendere ciò che è giusto o è ingiusto fare. Bisognerà attivare un’autentica responsabilità verso la vita globale del pianeta e non soltanto verso la vita umana.
Occorrerà debellare la sopraffazione arbitraria, cercando situazioni alternative che permettono fin d’ora il rifiuto e l’opposizione a ogni forma di sperimentazione sugli animali.

Movimenti e gruppi sono scesi in campo per la difesa degli animali. C’è una nuova sensibilità emergente nell’opinione pubblica e soprattutto nei giovani. Sono fenomeni meritevoli di una lettura e di interpretazione adeguate da parte dei cristiani e da ognuno che cerchi sinceramente il bene. Non esitiamo a considerarli, come avrebbe fatto Papa Giovanni XXIII, "segni dei tempi".

Monsignor Mario Canciani
biblista ed esperto di simbologia religiosa

SANDRO GUOLO
RESPONSABILE PROVINCIALE
LAV ONLUS – ROVIGO
CELL. 329 7934814