Home Argomenti Animali Giallo a Sagnino

Giallo a Sagnino

97
1
Link

Giallo a Sagnino, dove da alcuni giorni si è aperta la caccia al killer dei gatti

(PROVINCIA DI LECCO) Sagnono (CO) – Giallo a Sagnino, dove da alcuni giorni si è aperta la caccia al killer dei gatti. Della decina di mici – randagi e non – che componevano la piccola colonia di via Boccioni non c’è più traccia da almeno una settimana. Il sospetto è che siano stati avvelenati: «Mia moglie ha trovato una carcassa accanto al giardino condominiale – spiega per esempio Roberto Dodaro, che risiede proprio in uno dei palazzi di via Boccioni, strada residenziale a fondo cieco oltre la cosiddetta piazzetta – I gatti sono spariti tutti. Ipotesi? Mah, è probabile che qualcuno li abbia avvelenati, magari perché davano fastidio o perché sporcavano. In ogni caso non è il modo. Se ne sarebbe potuto parlare civilmente…».

La carcassa del micio è stata già consegnata al servizio veterinario Asl. Sarà effettuata un’autopsia, il cui esito si conoscerà tra una ventina di giorni. Nel frattempo i residenti hanno già sporto denuncia: «Spariti – aggiunge la signora Carla De Mutiis – Spariti da giorni. Mi rendo conto che forse per qualcuno potessero rappresentare un problema, ma ormai erano parte della vita del condominio. Speriamo davvero che non siano morti tutti». Aggiunge Mina Carolei: «Il mio micio? Sì, era capitato che si fosse allontanato, in passato, per qualche giorno. Ma dopo un paio di notti tornava sempre. Ora non lo vedo da almeno due settimane».

Il caso, comunque, tiene banco. Anche perché usare violenza nei confronti degli animali è un reato grave. La legge, la numero 189 del 20 luglio 2004, prevede che «chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi».
Le disposizioni sono severe anche in materia di maltrattamento: «Chiunque cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili (…) è punito con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da3.000 a 15.000 euro». Insomma, il killer di Sagnino è avvertito. 12 OTTOBRE 2008