Home Argomenti Animali Le marmotte altoatesine sono salve

Le marmotte altoatesine sono salve

188
0

Le marmotte altoatesine sono salve, grazie all’ostinazione della LAV e dei suoi avvocati.Il Consiglio di Stato infatti ha ribaltato la decisione del Tar altoatesino che, la scorsa settimana, aveva bocciato il ricorso presentato dalla LAV per chiedere la sospensione del decreto che consentiva l’abbattimento di oltre mille marmotte nel solo mese di settembre.

Per l’ennesima volta il presidente della provincia di Bolzano, Luis Durnwalder, ci riprova e per l’ennesima volta la LAV blocca le mire epuratrici del presidente cacciatore. Il presidente Durnwalder per il quale, evidentemente, la normativa statale che tutela le marmotte è niente di più che carta straccia, ci riprova regolarmente ogni anno a farne ammazzare una certa quantità dai cacciatori, con la scusa di ipotetici – in quanto mai provati – danni ai pascoli.

Fino ad oggi gli slanci epurativi sono stati regolarmente bloccati dai ricorsi presentati dalla LAV al TAR di Bolzano. Quest’anno, invece, il TAR, dopo avere incontrato i funzionari della provincia, aveva deciso di discutere la questione il 6 ottobre prossimo, ovvero 6 giorni dopo la fine del piano di abbattimento previsto dagli uffici provinciali.

E’ paradossale che un TAR voglia discutere un provvedimento di sospensiva quando oramai il documento provinciale ha già prodotto i suoi nefasti effetti. Lo può comprendere anche un bambino: a cosa sarebbe servito discutere la necessità di sospendere gli abbattimenti delle marmotte, dopo che queste fossero state abbattute?

Ma evidentemente il TAR di Bolzano, dopo aver per anni sospeso gli atti provinciali di abbattimento, quest’anno, dopo avere incontrato i funzionari provinciali, ha improvvisamente deciso di cambiare orientamento: non più decreto cautelare, ma discussione della sospensiva a sterminio compiuto. Per questo motivo la LAV ha studiato quindi una nuova strategia, rivolgendosi alla giustizia amministrativa di II grado, ovvero al Consiglio di Stato, che ha prontamente riconosciuto le nostre osservazioni, sospendendo il gravissimo atto provinciale
Anche quest’anno, grazie agli avvocati Petretti, De Pascalis e Sandoli, siamo riusciti a bloccare un crudele
massacro. Resta ora da capire se sia legittimo il comportamento dei funzionari provinciali che, da anni, ripropongono provvedimenti fotocopia di quelli bocciati negli anni precedenti. La LAV intende approfondire questo aspetto, anche grazie ad un dossier che prende in esame tutti gli atti prodotti dall’ufficio caccia di Bolzano nel corso degli ultimi anni.

SANDRO GUOLO
RESPONSABILE PROVINCIALE
LAV ONLUS – ROVIGO
CELL. 329 7934814