Home Argomenti Animali SINDACO S.MARCO IN LAMIS VIETA CIBO A CANI RANDAGI

SINDACO S.MARCO IN LAMIS VIETA CIBO A CANI RANDAGI

57
0
Link

Vogliamo far sapere all’illustre sindaco di sanmarco in lamis quello che il popolo del web pensa della moda lanciata dal suo collega di campobasso, ormai noto come il primo degli affamatori dei randagi?

Questo sindaco è afflitto dal "problema estetico" dei randagi che deturpano il panorama, allora invece di adeguarsi alla legge 281 del 1991 per la tutela e il benessere animale, che precisa che il sindaco è il proprietario del cane accalappiato sul suo territorio ed è tenuto a garantirne il benessere anche qualora lo affidi ad un canile convenzionato, pena, in caso contrario la possibilità di ravvisare il reato di omissione di atti d’ufficio e l’imputabilità penale ed è responsabile delle misure prese o disattese per combattere il fenomeno randagismo del suo territorio nonchè dell’impiego dei fondi erogati dallo Stato per porvi rimedio, come specificatamente richiesto dal sottosegretario di stato, on francesca martini, si inventa il provvedimento del 3 novembre che tuona: "500 euro di multa a chi si azzarda a dispensare cibo".

Pensate che qualcuno in zona,  abbia protestato suggerendo metodi legali  e civili al sindaco? pensate male.

L’ordinanza, incostituzionale, è stato accolta " con molto favore dai concittadini".

Noi, che non siamo concittadini,  accogliamo con orrore la genialata di cotanto alto contenuto morale e civico… e glie lo facciamo sapere.

chiliamacisegua www.chiliamacisegua.org 

http://www.telenorba.it/home/news_det.php?nid=8449

[email protected]

News
SINDACO S.MARCO IN LAMIS VIETA CIBO A CANI RANDAGI

500 EURO DI MULTA A CHI DISPENSA CIBO AI CANI RANDAGI.
E’ L’ORDINANZA EMESSA, IL 3 NOVEMBRE SCORSO, DAL SINDACO DI SAN MARCO IN LAMIS PER EVITARE CHE I CANI SENZA PADRONE AUMENTINO ANCOR DI PIù.
E , IN EFFETTI, IN UN COMUNE DI 15MILA ANIME è FACILE NOTARE I TANTI CANI RANDAGI CHE OCCUPANO OGNI STRADA DEL PAESE.
IN GRUPPI, STESI AL SOLE NELLA PIAZZA CENTRALE, O NEI PRESSI DELLO STORICO CONVENTO DI SAN MATTEO O ALLA FERMATA DELL’AUTOBUS.
L’IMMAGINE NON è DELLE PIù BELLE E, OLTRE AL PROBLEMA ESTETICO, PER IL SINDACO C’è ANCHE QUELLO DELL’INCOLUMITà PERSONALE, DAL MOMENTO CHE, DIVERSI ABITANTI, SEMBRA ABBIANO SUBITO AGGRESSIONI.
OLTRE ALLA MULTA, IL COMUNE STA PROVVEDENDO ANCHE CON LE STERILIZZAZIONI PER EVITARE CHE AUMENTINO IN MODO INCONTROLLATO.
IL PROVVEDIMENTO è STATO ACCOLTO CON FAVORE DA MOLTI CITTADINI.
GLI ANIMALISTI, INVECE, PROTESTANO.
L’ENTE PROTEZIONE ANIMALI HA PERSINO INVIATO UNA LETTERA AL SOTTOSEGRETARIO ALLA SANITà PER DENUNCIARE UN ATTO CONSIDERATO ILLEGALE.
CONTRO IL SINDACO E IL SUO VICE è INSORTA UNA RAPPRESENTANTE DEGLI ANIMALISTI CHE PROMETTE BATTAGLIA.

08/11/08 15:17:45 [email protected]

La Toscanini