Home Argomenti Animali Strage di gatti

Strage di gatti

206
0

Strage di gatti a Segno (SV). L’appello: +Chi sa chiami subito l’Enpa. Uccisi anche altri animali. Le guardie zoofile hanno chiesto al sindaco di emanare un’ordinanza
per regolamentare l’uso di sostanze chimiche

(IL SECOLO XIX) Segno (SV) – Strage di animali a Segno. Il fenomeno sta preoccupando gli abitanti della frazione vadese, dato che sono stati ritrovati i cadaveri di almeno una ventina di felini, oltre a uccelli e altri piccoli animali, e l’allarme è rimbalzato all’Enpa.
H ormai accertato che la moria non sia dovuta a cause naturali, ma all’abbandono di esche tossiche.
+Evidentemente – spiegano le guardie zoofile dell’Enpa – c’è qualche persona ostile alla presenza dei gatti, quasi tutti faticosamente sterilizzati dai volontari dell’associazione, con il contributo del Comune;.
L’allarme è scattato in questi giorni, quando alcuni abitanti hanno rinvenuto i cadaveri dei gatti, uccisi da sostanze tossiche sparse sul terreno.
Probabilmente i felini hanno mangiato bocconi avvelenati o hanno camminato su aree inquinate in maniera dolosa, leccandosi poi le zampe e ingerendo così le sostanze.

Gli episodi che si sono susseguiti hanno messo in allarme gli abitanti di Segno, preoccupati poichi sono state sterminate intere colonie di felini che si erano abituati a "convivere" con i residenti.
Le guardie zoofile hanno effettuato sopralluoghi ed ora stanno cercando di risalire agli autori del crudele gesto.
"I responsabili dell’avvelenamento – spiegano i volontari – sono punibili con la reclusione fino a diciotto mesi o una multa fino a 22.500 euro".
L’Enpa lancia un appello: +Chiediamo a chiunque possa dare informazioni utili, anche in forma anonima, di contattarci al numero 019.824735 o via fax al numero 019.802470, oppure di mandare una e-mail all’indirizzo [email protected];.
L’Enpa ha anche chiesto al sindaco di Vado di emanare un’ordinanza restrittiva sull’uso di sostanze velenose.
Nei comuni in cui è già stata predisposta il fenomeno si è ridotto o è scomparso, come a Andora, Cosseria, Finale, Magliolo, Piana Crixia, Pietra, Plodio, Stella e Urbe.

Previous articleVancouver 2010, la torcia olimpica in viaggio per 35 mila km
Next articleFuga da Est