Home Argomenti Animali Contro la strage di allodole

Contro la strage di allodole

284
0

Margherita D’Amico

Nel prezzo che la comunità globale è costretta a pagare ai trastullamenti dei cacciatori – poco più di 600mila in Italia ma accaniti e itineranti – è incluso il pressante rischio di estinzione per l’uccello simbolo del dolce canto: l’allodola.

Già da alcuni mesi la Lipu-Birdlife Italia, con una petizione rivolta al premier Matteo Renzi che ha già raccolto 30mila firme, chiede “un Dpcm-Decreto del presidente del Consiglio dei ministri che vieti la caccia all’allodola. Si tratta di una specie” prosegue Fulvio Mamone Capria, presidente Lipu “che non è più in grado di sopportare la pesantissima pressione venatoria di cui è oggetto nel nostro Paese e non solo”.

Alla vigilia dell’apertura della caccia (dopo le preaperture concesse da sedici regioni) che inaugura domani, domenica 18 settembre, la Lipu rilancia:
“Nello specifico la caccia all’allodola, che apre il 1° ottobre per chiudersi il 31 dicembre, comporterà un danno letale alla popolazione di questa specie, già calata del 45% nel periodo 2000-2014 soprattutto in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. Sono 1,8 milioni gli esemplari abbattuti ogni anno in Italia, pari al 73% del totale delle allodole uccise in Europa. Classificata come Vulnerabile nella Lista rossa italiana, oltre a essere decimata dai cacciatori, grazie anche all’illecita e furbesca pratica di non annotare gli esemplari abbattuti sugli appositi tesserini, l’allodola è minacciata dall’agricoltura intensiva. Nidificando direttamente sul terreno, lo sfalcio dei prati in pieno periodo di nidificazione causa la distruzione del nido e la morte dei piccoli”.

In diversi stati europei l’allodola è già stata defalcata dalle specie cacciabili, e gli unici paesi dove la persecuzione a questo meraviglioso uccello è consentita sono Francia, Grecia, Romania (riserva venatoria prediletta dai cacciatori italiani), Malta e Cipro. E naturalmente l’Italia, che da sola realizza tre quarti dello sterminio.

Firma subito la petizione della Lipu

@margdam
margdam@margheritadamico.it

Fonte Link repubblica.it