Home Rubriche Adriano Accattino LA PAROLA MOSTRA IL SUO CORPO

LA PAROLA MOSTRA IL SUO CORPO

243
0

Forme della verbovisualità contemporanea.
A cura di A. Accattino, L. Giuranna, G. Plazio
31 maggio – 29 giugno, Ivrea, Museo della Carale Accattino

Convegno: "Continuità e novità nella ricerca verbovisuale"
Sabato 31 ore 10, 30 presso Liceo Classico Carlo Botta

Inaugurazione Mostra 31 maggio ore 18.30
Apertura: giovedì e venerdì, ore 16 – 19; sabato e domenica ore 10 – 13 e 16 – 19

Ad inaugurare il nuovo Museo Della Carale Accattino sarà una mostra dedicata alle relazioni tra parola e immagine nell’arte contemporanea.

Fenomeno parallelo alle arti visive e agli sviluppi più sperimentali della poesia contemporanea, l’arte verbovisuale trova le sue origini in tempi antichissimi: dai poeti alessandrini alle sperimentazioni futuriste e avanguardiste, l’interesse per l’interazione tra segni verbali e immagini si afferma in pieno a partire dagli anni Cinquanta, e, sospinto dall’influsso dell’arte concettuale nei Sessanta, crea intorno a sé gruppi, movimenti e stili destinati a proseguire fino ai giorni nostri.

Attraverso la testimonianza di novantanove artisti ampiamente storicizzati, si tenta la ricognizione di un fenomeno che privilegia, afferma, nega, cancella, ridiscute – insomma, pone al centro – il linguaggio verbale attraverso l’espressione artistica.

L’evento è il primo episodio di un progetto triennale di mostre, approfondimenti su specifici autori e gruppi e proposte critiche sul tema della verbovisualità contemporanea.

In esposizione tele, incisioni, carte, tavole, libri d’artista e poesie oggetto realizzati nell’ultimo ventennio dai più importanti artisti italiani che si sono espressi su questo singolare e imprevedibile comparto della cultura attuale come, per citare solo qualche esempio: Nanni Balestrini, Vittore Baroni, Mirella Bentivoglio, Irma Blank, Ugo Carrega, Sergio Cena, Chiara Diamantini, Vincenzo Ferrari, Elisabetta Gut, Arrigo Lora-Totino, Ruggero Maggi, Lucia Marcucci, Anna Oberto, Martino Oberto, Giancarlo Pavanello, Sarenco, Gianni Emilio Simonetti, William Xerra, oltre ad alcuni artisti recentemente scomparsi come Vincenzo Accame, Carlo Belloli, Luciano Caruso, Giuseppe Chiari, Eugenio Miccini, Adriano Spatola, Emilio Villa. In esposizione alcune opere curiose, autentiche chicche, come Les demoiselles detournées di Lamberto Pignotti il quale ha festeggiato con un gustoso collage il centenario di Les demoiselles d’Avignon di Pablo Picasso; Paradise di Liliana Ebalginelli, libro d’artista fatto di impalpabili veli di polistirolo sui quali è stata trascritta una poesia; il libro di lamiera dal titolo La sconfitta del libro con le pagine costitute da lattine schiacciate da automobili, creato da Mirella Bentivoglio

La mostra è accompagnata da un convegno dal titolo: "Continuità e novità nella ricerca verbovisuale", cui sono invitati gli artisti presenti in mostra per rendere testimonianza della propria ricerca.

Il convegno, coordinato da Giorgio Zanchetti e Lorena Giuranna, si svolgerà il giorno dell’inaugurazione presso l’Auditorium del Liceo Classico Carlo Botta di Ivrea, Corso re Umberto 37, dalle 10 e 30 alle 13 e dalle 15 alle 17 e 30.

Durante lo svolgimento della mostra, inoltre, sono previste performance e incontri di aggiornamento con Arrigo Lora-Totino, Sergio Cena e Giorgio Maffei.

Per informazioni – tel. 0125 612658 sito internet; www.vivalarte.it; e-mail: [email protected]

Museo Della Carale Accattino, Via Miniere 34 – 10015 Ivrea (TO) – Tel: 0125 612658 – www.vivalarte.it

 

Previous articleUE: I PREZZI DEGLI ALIMENTARI RESTERANNO ELEVATI
Next articleOculisti e chirurghi plastici uniti contro le rughe