Home Argomenti Arte e Cultura Tania Lorandi

Tania Lorandi

388
0

[bg|album/tania]

Tania Lorandi, è nata in Belgio il 19 aprile 1957, ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Liegi (Belgio) poi (nel 1985) si è trasferita in Italia iniziando un percorso alla ricerca delle sue radici.

Dal 1988 si occupa di ‘Patafisica; incontra Enrico Baj, Vincenzo Accame e tanti altri cultori della “Scienza delle soluzioni immaginarie”. Baj la descrive come “una delle più grandi esperte di ‘Patafisica in Italia”. Fonda il “Collage de ‘Pataphysique”, un istituto indipendente e autonomo che conta più di 100 Membri e Membrane provenienti da diversi paesi.

La sua ricerca artistica indaga molteplici linguaggi espressivi, ha organizzato molti “Spettacoli multimediali”, cura mostre, è scultrice, pittrice, ama scrivere di arte è performer e canta…

 

–         A proposito delle mie opere di arte visiva Guy Vandeloise dice:

“Il tuo lavoro rileva sia del’alchimia, del vissuto preistorico che del tuo inconscio. Un’arte “carica” dunque, profondamente vera.”

Sò di essere un’artista eclettica e l’abito di “Ottaedro” che mi sono scelta mi si addice come un guanto!

Sono l’insieme di tutte le forme che la mia energia vitale utilizza per mettere in scena il mio vissuto interiore e non è sempre semplice estrarre una o l’altra sfacettatura per metterla in mostra. Tantopiù che mi comporto ecletticamente anche all’interno di ogni forma espressiva. E’dunque difficile riconoscere uno stile definito al mio lavoro scultoreo, pittorico e grafico perché in ogni opera utilizzo le tecniche, le forme e le immagini più adeguate ad esprimere il mio essere. Perciò accondiscendo volentieri nel dire che non ho metodo; è difficile che io ripeta un “modo” a lungo.

In questo mi è d’esempio la natura che non si ripete mai, ripetendosi irrimediabilmente.

Ad ogni “riflessione” le sue trasposte emozioni, fatte di un insieme d’impulsi, sentimenti e pensieri mutanti che producono aspetti diversi…

Che sono comunque solo e soltanto le apparenze di una inclinazione: Quella di abbeverarmi con facilità alla “fonte dell’intenzione” che questa vita, con un dono,  mise a mia disposizione.

Tania Sofia.

Previous articleParma Capitale della musica “muore” tra le polemiche
Next articleMarco Terroni