Home Argomenti Arte e Cultura Galleria Peccolo Livorno Trascrizioni sul corpo

Galleria Peccolo Livorno Trascrizioni sul corpo

236
0

Trascrizioni sul corpoGalleria Peccolo -Livorno, 30 novembre 2013 – 7 gennaio 2014 

Dal 30 novembre 2013 al 7 gennaio 2014 la Galleria Peccolo di Livorno ospita Trascrizioni sul corpo, mostra a cura di Simona Caramia (critico e curatore indipendente), che analizza il ruolo del corpo all’interno del contesto socio-politico: come “oggetto-soggetto” su cui trascrivere ed imprimere una storia, attraverso cui raccontare quel frammento di realtà di cui si è parte. Partendo dall’unità del proprio linguaggio formale e materiale, Karin Andersen & Christian RainerTania Brassesco&Lazlo Passi NorbertoGiulia CairaCORPICRUDIDanilo De Mitri,Antonella GandiniRobert GligorovUrs Lüthi,Charlotte MoormanOrlanJo SpenceElvira Todaro,Michele Zaza esprimono una personale e particolare frequentazione delle cose del mondo, modi differenti di intendere – attraverso la fotografia e il video.

 

Il corpo, frutto delle interazioni di Natura e Cultura e delle loro ambivalenze, è caratterizzato da una sorta di itinerario nella storia dell’uomo, dalle società arcaiche a quella odierna tecnologizzata. Sommerso dai segni con cui la società l’ha connotato di volta in volta, il corpo è stato esperito e utilizzato differentemente: organismo da sanare, forza lavoro da impiegare, carne da purificare, inconscio da liberare, supporto di segni da trasmettere.

Nella pratica più recente dell’arte, il corpo – proprio o altrui – diventa nuova materia da plasmare e su cui intervenire, attraverso il quale veicolare messaggi di grande immediatezza.

 

«Mai l’impronta della sua vita solitaria, alla periferia dei codici strutturali, continua a passare inavvertita nella sua ambivalenza che, incurante del principio d’identità e differenza con ogni codice esprime la sua specularità bivalente, dice di essere questo, ma anche quello. Come “significato fluttuante” il corpo con-fonde i codici con quella operazione simbolica che consiste nel com-porre quelle disgiunzioni in cui ogni codice si articola quando divide il vero e il falso, il bene e il male, il bello e il brutto, Dio e il mondo, lo spirito e la materia, ottenendo quella bivalenza dove il positivo e il negativo si rispecchiano, producendo quella realtà immaginaria da cui traggono la loro origine tutte le speculazioni (Umberto Galimberti, Il corpo, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Milano 2010)».

 

In quanto apertura originaria al mondo, il corpo rivela tutte le sue fragilità: il suo esporsi all’altro e alle indicazioni strutturali della società rende possibile uno scambio attraverso il quale si costituisce l’Io-soggetto. In questo scambio si costituiscono la relazione e l’incidenza – societaria – sull’Io. Impegnato nelle cose del mondo, il corpo resta saldo; restituendosi all’offerta prima cerca di in-formare di senso la realtà, a sua volta manipolandola o testandone le resistenze.  Il corpo, ovvero l’Io-soggetto pura trascendenza, abita il mondo, poiché il suo essere si esplica subito fuori di sé. In questo osmotico interscambio per cui «l’occhio non vede sé, ma le cose del mondo», poiché «senza mondo non ci sarebbe una vista», l’uomo percepisce se stesso solo in virtù di una contemporanea “visione simultanea” nella quale si dà immediatamente il riconoscimento dell’altro, della società, del mondo.

 

Durante l’inaugurazione (sabato 30 novembre, ore 18.00) sarà presentato il catalogo della mostra, editato Peccolo, contenete testo critico e apparato iconografico delle opere esposte.

 

 

 

 

Si ringrazia per la courtesy: Galleria Bianconi, Galleria Elefante, TrafficGallery, Galleria Guidi&Schoen, Galleria Pack.

 

Karin Andersen & Christian Rainer – courtesy Traffic Gallery, Bergamo

CORPICRUDI – courtesy Galleria Guidi&Schoen, Genova

Robert Gligorov – courtesy Galleria Pack, Milano

Urs Lüthi – courtesy Galleria Elefante, Treviso

Charlotte Moorman – courtesy Galleria Elefante, Treviso

Orlan – courtesy Galleria Elefante, Treviso

Jo Spence – courtesy Galleria Elefante, Treviso

Michele Zaza – courtesy Galleria Bianconi, Milano

 

 

Info:

Galleria Peccolo

Piazza della Repubblica, 12

57123 Livorno

 

http://mostre-e-dintorni.blogspot.it/

http://edizionipeccolo.blogspot.it/

Previous articleCON PAPA FRANCESCO GLI ANIMALI RESTANO ANCORA FUORI DALLA CHIESA
Next articleA BARI LE ASSOCIAZIONI ANIMALISTE PUGLIESI A CONFRONTO PER LA FEDERAZIONE ANIMALISTI PUGLIA