Home Argomenti Arte e Cultura PADIGLIONE TIBET Spiritualità ed Arte come cibo per la mente e per...

PADIGLIONE TIBET Spiritualità ed Arte come cibo per la mente e per l’anima CASTELLO VISCONTEO DI PAVIA 28 MARZO 2016 dalle ore 15.00

83
0
Link

PADIGLIONE TIBET
Spiritualità ed Arte come cibo per la mente e per l’anima

Incontro pubblico con il Lama tibetano Ghese Lobsang Tenkyong e visita guidata alla mostra

CASTELLO VISCONTEO DI PAVIA
28 MARZO 2016
dalle ore 15.00
ingresso 4 euro

In occasione della mostra Padiglione Tibet – Spiritualità ed Arte come cibo per la mente e per l’anima (aperta fino al 10 aprile 2016 nella Sala Mostre del Castello Visconteo di Pavia), lunedì 28 marzo 2016 (dalle ore 15) è previsto un incontro pubblico con il Lama tibetano Ghese Lobsang Tenkyong dal titolo Un percorso interiore per affrontare i problemi quotidiani. Questa conferenza rientra tra le iniziative denominate “Anno del Dalai Lama”, dedicate al festeggiamento del Suo ottantesimo compleanno e promosse da Comitato Padiglione Tibet, Progetto L’Eredità del Tibet e FPMT Italia (Fondazione per la Preservazione della Tradizione Mahayana).
A seguire, alle ore 17, è in programma una visita guidata alla mostra, a cura di Ruggero Maggi, che ha ideato e organizzato il progetto Padiglione Tibet (in collaborazione con Giosuè Allegrini).

Interverranno alla conferenza:

Ruggero Maggi moderatore
Artista multimediale, ideatore e curatore di Padiglione Tibet: un unico tema declinato nei modi della pittura, della scultura, del video per realizzare un grande evento che sottolinei coralmente il profondo senso di spiritualità dell’ universo tibetano e creare un ponte sensibile che induca i visitatori ad una maggiore conoscenza di questo popolo che ormai si può definire, purtroppo, una minoranza etnica e che rischia di perdere il proprio patrimonio culturale e spirituale fondato su concetti di pace e non violenza.


Ghese Lobsang Tenkyong Lama tibetano che terrà un incontro pubblico dal tema: Un percorso interiore per affrontare i problemi quotidiani. Gli esseri umani hanno un obbiettivo fondamentale, che consiste nel raggiungimento della felicità e nell’abbandono della sofferenza. Il nostro tempo però ci suggerisce strade sbagliate per il soddisfacimento dei nostri desideri. Non sono il successo, la ricchezza, l’apparenza a renderci migliori e realmente sereni. Tutto ciò può offrire solo un sollievo momentaneo, per poi mostrare quasi istantaneamente la propria inconsistenza. Ma allora come si può trovare soluzione ai problemi che quotidianamente ci troviamo ad affrontare? Le risposte ci arrivano dalle parole di un maestro tibetano e da una tradizione millenaria di studi sulla mente. Il buddismo offre indicazioni semplici ed una chiave di lettura profonda ed attuale sull’uomo e sulla vita, sulla pace e sulla serenità.
Ghese Lobsang Tenkyong e’ fuggito in India nel maggio 1982 e vi rimane fino al 2005. Dal momento dell’arrivo fino al 2001 ha studiato nel monastero di Sera, dove ha avuto tra i maestri Ghese Thely Dorje, ottenendo in quell’anno il grado di Geshe Lharampa, il più alto titolo di studi conseguibile all’interno della tradizione Gelug-pa. Prosegue gli studi al collegio tantrico del Gyume dove riceve l’educazione Tantrica. Per quattro anni lavora come insegnante residente al monastero di Kopan, in Nepal.


Piero Verni giornalista, scrittore e documentarista vive tra la Bretagna e l’Italia.
Da molti anni dedica la maggior parte del suo lavoro alla conoscenza della civiltà tibetana e delle culture indo-himalayane cui ha dedicato numerosi reportages, libri e documentari. Ha avuto il privilegio di poter scrivere una biografia autorizzata del Dalai Lama. Attualmente è impegnato insieme al fotografo Giampietro Mattolin nel Progetto L’Eredità del Tibet, che nasce dalla consapevolezza dell’urgenza di un aiuto per preservare la cultura tibetana e cerca di contribuire alla conoscenza degli elementi essenziali di quello che è stato efficacemente chiamato, il “Messaggio dei Tibetani”.


Stefano Antichi direttore del Centro Drol-kar Sabsel Thekchog Ling di Genova e coordinatore per la FPMT italia, che ha in Italia otto centri di riferimento.
FPMT – Fondazione per la Preservazione della Tradizione Mahayana – è un’organizzazione internazionale non-profit, fondata nel 1975 da Lama Thubten Yeshe. La Fondazione si dedica alla trasmissione in tutto il mondo della tradizione buddhista mahayana e dei suoi valori attraverso l’insegnamento, la meditazione e il servizio alla comunità.


Giosuè Allegrini storico della Marina Militare Italiana, è annoverato tra i più stimati storici e critici italiani d’arte moderna e contemporanea – sua è infatti l’estensione del Diagramma di Barr dal secondo dopoguerra ai giorni nostri. Ha al proprio attivo numerose mostre e lavori pubblicati su quotidiani a tiratura nazionale, quali il Corriere della Sera, Il Giorno, La Stampa, su riviste ed enciclopedie d’arte.
Con Ruggero Maggi condurrà la visita guidata al Padiglione Tibet, in programma dopo l’incontro.


La sala può contenere 90 persone; è necessario confermare la propria presenza inviando una mail con oggetto: PRENOTAZIONE INCONTRO PUBBLICO Ghese Lobsang Tenkyong all’indirizzo mail:[email protected]

La Toscanini