Home Argomenti Benessere e Salute BAMBINI VEGANI, GENITORI IRRESPONSABILI?

BAMBINI VEGANI, GENITORI IRRESPONSABILI?

214
0

di Franco Libero Manco

In questi ultimi giorni è stato riportato da diversi media, la notizia tratta da un articolo di Nina Planck che, negli Stati Uniti, una coppia, a causa della dieta vegana, ha causato la morte del loro bambino. La Plance arbitrariamente e senza i necessari supporti scientifici condanna con molta leggerezza la dieta vegana commettendo gravi errori in merito all’adeguatezza dei cibi vegetali.

Che la dieta vegana sia perfettamente compatibile a qualsiasi età dell’individuo, perché contiene tutti i principi nutrivi necessari, è stato dichiarato dall’American Dietetics Association, la più grande organizzazione di nutrizionisti americani e canadesi, la quale afferma che “Le diete vegetariane e vegane ben bilanciate sono corrette ed adeguate per ogni fase della vita compreso, gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia e adolescenza”. Quindi, si può dire che il più accreditato istituto di ricerca scientifica inerente la nutrizione umana afferma che far crescere un bambino in modo vegano non solo è giusto, utile e vantaggioso ma auspicabile.

E’ l’ennesimo vergognoso tentativo di screditare e strumentalizzare il movimento vegetariano e vegano. Se si pensa che ogni anno solo in Italia muoiono (senza clamore) circa 1400 bambini, figli di genitori onnivori, si comprende quanto la notizia sia infamante e pretestuosa: Si confronti il numero di due bambini vegani morti negli Stati Uniti con le decine migliaia di bambini sotto un anno di età, figli di genitori onnivori, morti negli ultimi 4 anni. Se si pensa poi a quanto possa dar fastidio alle multinazionali agroalimentari e zootecniche e ai loro accoliti la diffusione della cultura del vegetarismo si comprende quanto notizie simili siano disperate.

Invitiamo calorosamente le emittenti e le testate giornalistiche ad appurare la veridicità dei fatti prima di avventurarsi in affermazioni che possono favorire il dilagare di una cultura improntata solo a favorire gli interessi delle grandi lobby in questione e diramare con sollecitudine una rettifica a quanto con preoccupante leggerezza è stato affermato; questo non solo per diritto alla verità ma per il bene di tutti, non solo dei bambini.

Presidente Associazione Vegetariana Animalista
www.vegetariani-roma.it