Home Argomenti Benessere e Salute I farmaci? Direttamente a casa. Gratis

I farmaci? Direttamente a casa. Gratis

311
0

Oggi la sigla dell’intesa tra Provincia, Federfarma e Azienda sanitaria locale. Il servizio, riservato alle persone inabili, partirà il primo maggio

Parma, 9 aprile 2009 – Consegnare gratuitamente i medicinali a casa dei cittadini del Parmense che si trovano in difficoltà. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa "Pronto Farmacia – consegna farmaci a domicilio" sottoscritto questa mattina in Provincia dall’assessore provinciale alle Politiche sociali e Sanitarie Tiziana Mozzoni, da Fabrizio Piazza, presidente di Federfarma Parma e da Ettore Brianti, direttore sanitario dell’Azienda Usl di Parma.

"I servizi a sostegno di persone non autosufficienti sono molto cresciuti negli ultimi anni nel Parmense – ha detto l’assessore provinciale alle Politiche sociali e sanitarie Tiziana Mozzoni ma ci siamo accorti che nel nostro sistema c’era un pezzo mancante, che era proprio la consegna dei farmaci a domicilio  È per questo che abbiamo deciso di sottoscrivere oggi questa intesa, che aiuta chi è inabile. Con il protocollo vengono attivate delle risorse territoriali importanti, le farmacie, che volontariamente e gratuitamente si metteranno a servizio di chi ha bisogno: di questi tempi è da sottolineare questa voglia di essere presenti sui problemi delle nostre comunità." "Le farmacie sono diffuse capillarmente su tutto il territorio e svolgono un ruolo rilevante: sono infatti i primi posti dove le persone si rivolgono per qualunque necessità – ha sottolineato Fabrizio Piazza, presidente di Federfarma Parma -. Per questo, soprattutto nei piccoli comuni, conosciamo le persone che si rivolgono a noi e i loro bisogni. Quando la Provincia ci ha proposto questa iniziativa l’abbiamo subito accolta proprio perché sappiamo che risponde a un bisogno diffuso sul territorio". "Con questo protocollo si implementa ulteriormente un’attività già qualificata che noi facciamo a domicilio dei pazienti non autosufficienti attraverso gli infermieri, i medici di medicina generale, gli specialisti e i servizi sociali dei comuni – ha osservato Ettore Brianti, direttore sanitario dell’Azienda Usl di Parma -. Pensare che ora anche le farmacie si mettono a disposizione, va sicuramente a migliorare la qualità della vita delle persone che versano in condizioni di non autosufficienza". La consegna dei farmaci partirà dal primo maggio e sarà effettuata dalla farmacie di FederFarma, a cui aderiscono ben 123 delle 128 farmacie attive sul territorio provinciale: ad oggi sono già 78 quelle che hanno "sposato" il progetto e che quindi effettueranno il servizio di consegna domiciliare dei farmaci a chi ha difficoltà a muoversi autonomamente. In particolare, l’iniziativa è rivolta a persone che versano in condizioni disagiate, a causa dell’età avanzata o di uno stato di infermità permanente o temporaneo, e che sono impossibilitate ad avvalersi di famigliari per procurarsi i medicinali di cui necessitano. Il servizio può essere attivato solo dal paziente: chi ne avesse bisogno lo dovrà comunicare, anche per via telefonica, alla farmacia prescelta aderente al progetto. Il farmacista si incarica del ritiro della prescrizione medica e provvede alla consegna entro un giorno lavorativo. Non è prevista la consegna nei giorni festivi e durante le ore notturne, né quella con carattere di urgenza. La consegna verrà effettuata con le modalità, i mezzi e gli incaricati che il farmacista ritiene idonei e comunque sempre sotto la sua diretta responsabilità. Nel caso in cui fosse incaricato alla consegna un soggetto terzo, il farmaco sarà confezionato a cura della farmacia in un pacchetto personalizzato recante esclusivamente il nome dell’utente. Le farmacie aderenti sono facilmente individuabili da uno specifico logo che sarà posizionato all’ingresso della farmacia stessa. Inoltre, già dai prossimi giorni sarà possibile consultarne l’elenco completo, con i relativi recapiti telefonici e indirizzi, sul sito www.sociale.parma.it.