Home Argomenti Benessere e Salute PENSIERO E SCIENZA MEDICA A CONFRONTO

PENSIERO E SCIENZA MEDICA A CONFRONTO

141
6
Link

PENSIERO e SCIENZA MEDICA a CONFRONTO

(medytek.com) I grandi progressi della biologia e della chimica poco si sono integrati con l’analogo sviluppo della fisica e della fisica quantistica in particolare. Negli ultimi decenni, soprattutto sulla base del contributo teorico di Giuliano Preparata (1942-2000), si è sviluppato un nuovo punto di vista sulla materia condensata fondato sull’uso sistematico dell’elettrodinamica quantistica coerente.
La presenza di meccanismi coerenti alla base di molti fenomeni biologici appare evidente malgrado entri spesso in contraddizione con i principi della termodinamica classica. Infatti sembra difficile ipotizzare un mondo biologico che origini tutto dal caso, senza la presenza di meccanismi di auto organizzazione che operino a vari livelli (come messo in luce tra gli altri da Prigogine). 

Un ampio studio pilota, ha messo in luce come, le funzioni quantistiche della materia e dei circuiti elettrici corporei (riferibili ai meridiani dell’agopuntura cinese), debbano essere utilizzate per comprendere le intolleranze farmacologiche, tramite la capacità dei farmaci di indurre delle variazioni di conduttanza nei circuiti elettrici corporei sulla base dei quali identificare le intolleranze e guidare la terapia farmacologia.
Tali studi mettono in luce come i farmaci oltre a possedere un’azione chimica ben nota, sono portatori di proprietà fisiche di tipo quantistico, che possono aiutarci a comprendere meglio i meccanismi di azione dei farmaci ed a potenziare l’ efficacia della terapia.
Il perché tali studi vengano guardati con diffidenza  ed indifferenza da larga parte della Comunità scientifica (destino che condividono con larga parte della tradizione scientifica orientale), ci riporta ai problemi di filosofia della scienza e del metodo scientifico che  John Maddox, già direttore di NATURE, ha messo in luce in un’intervista su SCIENCE et VIE nel settembre del 1996 nella quale affermava come: "la scienza ha perduto parte della sua credibilità agli occhi dell’opinione pubblica, come conseguenza del contesto ultraconcorrenziale nel quale essa si evolve. Gli scienziati asseriscono troppo e troppo in fretta, senza prendersi il tempo necessario per verificare le loro ipotesi." 
Si pone quindi il problema del metodologia della ricerca, dell’etica e della filosofia della scienza, che deve vedere un impegno non solo di controllo e di sanzione da parte dei Comitati Etici, ma anche un’opera di formazione ai principi della filosofia della scienza anche e soprattutto nelle facoltà tecnico scientifiche.
 
Filosofia della scienza tra Oriente ed Occidente:

Lo Yogi RAMACHARAKA  nel concludere la sua lezione su Materia e Forza  nel l905  scrisse: "Richiamiamo la vostra attenzione tanto sulle diversità che sulle affinità fra le due filosofie (La filosofia Yogi ed il Monismo scientifico di HAEKEL): entrambe proclamano "L’Unita del Tutto", ma quanto differisce l’intendimento di quel UNO! 
Noi confidiamo che la vostra Mente Spirituale illuminerà il vostro intelletto sì che potrete scorgere la verità pur nel conflitto di insegnamenti contrari, riconoscendo nei punti di accordo 1 ‘istintiva ed intuitiva tendenza della mente umana verso il concetto dell’Unità". 
Come non ritrovare in queste parole dello Yogi il grande sforzo che ha permeato la fisica del XX secolo alla ricerca della teoria unificante delle quattro grandi forze della natura note: nucleare forte, nucleare debole, elettromagnetica e gravitazionale?  
All’inizio del nuovo Secolo, viene ripreso il confronto tra la fisica (oggi evolutasi anche in  fisica quantistica) e le teorie e filosofie naturalistiche orientali nel tentativo di pervenire ad una superiore comprensione della natura e delle leggi fondamentali che la governano. 
Prima di procedere nella analisi delle conoscenze a cui siamo pervenuti, è utile soffermarsi sui motivi del ritardo nell’integrazione scientifica e culturale tra Oriente ed Occidente con la  presenza di sistemi culturali e scientifici poco comunicanti ed in alcuni casi completamente isolati l’uno dall’altro.
Sempre lo Yogi RAMACHARAKA nella sua lezione Più luce sul sentiero nel quinto precetto "esorta ad "uccidere ogni senso di separazione". Nell’ottavo aggiunge: "tuttavia rimani solo ed isolato, nulla di ciò che ha corpo, nulla ciò che non è eterno può darti aiuto".
Due verità di importanza vitale, due facce della medesima verità. esaminiamole: il senso di separazione che ci fa ritenere come costituiti di sostanza diversa dagli altri esseri umani, che ci fa credere i soli giusti, che ci fa ringraziare Iddio e di essere differenti e migliori degli altri è un errore che nasce dal punto di vista relativo. 
Per quanto le apparenze ci facciano credere spesso il contrario, tutti cercano di fare del loro meglio e giacché nessuno è perfetto, perché siamo così pronti a condannare ? Porgiamo una mano amorevole ogni volta che se ne offre l’occasione, ma non diciamo mai "Io sono più santo di te". Teniamo ben presente l’ammonimento del grande Maestro Gesu’ "Colui che è senza peccato scagli la prima pietra" .
Liberiamoci dall’idea della separazione, illusione ed insidia da cui derivano quasi tutti gli errori. 
Esaminiamo ora il rovescio della medaglia:«Impariamo a stare da soli». Imparare questa lezione è indispensabile al nostro avanzamento. La nostra vita ci appartiene e dobbiamo viverla noi stessi. Nessun altro può farlo per noi, ne noi possiamo vivere la vita altrui. Ognuno deve imparare a reggersi ben diritto sui propri piedi, ognuno deve rispondere delle proprie azioni, ognuno deve raccogliere ciò che ha seminato e deve soffrire o godere a seconda del suo modo di agire". 
E’ ben noto come ovunque gli uomini oscillino tra due tendenze: autonomia separatista e desiderio di appartenenza. Queste tendenze sono presenti anche nella ricerca scientifica che con il concetto di "Scienza Ufficiale" che sa più di Chiesa che di Scienza, ha introdotto una dolorosa contraddizione di termini tra Scienza (che si occupa, o si dovrebbe occupare di ciò che non si sa), e Ufficiale che norma la buona tecnica, le leggi, che non è affare della ricerca scientifica, bensì dei settori applicativi e normativi). Un caso pratico di tale contraddizione che viene nella definizione di "Scienza Ufficiale" ci viene dalla diffusa disattenzione sulle intolleranze farmacologiche ed alimentari. Un’altro punto critico della dizione di "Scienza Ufficiale" emerge da quanto scritto da Mario Ladu  nelle sue Lezioni di Fisica per medici a proposito di ESSERI VIVENTI e PRINCIPI DELLA TERMODINAMICA: "In definitiva si può dire che tutti i risultati sperimentali indicano che le leggi fisiche valide per la materia inanimata, valgono anche per la materia vivente. Quest’ultima però, per il suo più elevato grado di organizzazione, è retta da altre leggi delle quali, purtroppo, non si può dire che oggi si sappia molto". Di ufficiale come scrive Ladu c’è purtroppo poco, oltre al dovere istituzionale del mondo scientifico di ricercare nei campi non conosciuti del sapere. 
Bisogna ricercare di più, nei territori dove sappiamo di meno. A questo fine è necessario ricordare ciò che disse Claude Bernard: "Ciò che sappiamo è il principale ostacolo all’acquisizione di ciò che non sappiamo ancora". Bisogna armarsi del socratico "sapere di non sapere", che potrà metterci in condizione di affrontare senza umiliazioni improprie, la partita della conoscenza di quanto ancora oggi ci è ignoto, con lo spirito felice e curioso, abbandonando impropri ruoli di difensori di dogmi, che non fanno parte della Scienza. In particolare non si può pensare che la fisica quantistica possa fare parte di presunte eresie in medicina, e non riguardare da vicino la comprensione del funzionamento biologico. In tal senso sono andati gli sforzi di Giuliano Preparata, fisico teorico dell’Università di Milano, recentemente scomparso, che ci ha voluto donare il suo contributo su Elettrodinamica quantistica e medicina al Seminario, tenuto sempre a Farmacologia il 14 dicembre del 1999 ed i cui atti sono stati stampati sulla Rivista di Biologia/Biology Forum nel volume n° 3 del 2000, nel quale ha gettato le fondamenta per la costruzione del ponte tra fisica e biologia dopo che è stato ben costruito quello tra chimica e biologia. 
Federico Del Trocchio  a proposito delle bugie nella Scienza, a cui ha dedicato un interessante e vasto volume, conclude che una certa dose di bugie nella scienza è inevitabile, e mettendo in guardia dalle troppe truffe ai danni della comunità da parte di scienziati ambiziosi, indica un parametro per valutare le attività scientifiche: la loro capacità di indurre dei progressi reali nella tecnologia e nella vita quotidiana. 
Oltre agli scienziati troppo ambiziosi che addomesticano i risultati ad arte, abbiamo spesso scienziati e cultori della scienza animati da buona fede che, nonostante le migliori intenzioni, spesso più che contribuire alla scienza, si perdono dietro a miti, ad ideologie a fedi più o meno scientifiche che con la verità e la scienza hanno poco a che fare. Sull’importanza del metodo nella scienza si soffermò Nietziesche e le sue riflessioni dovrebbero farci riflettere ancora oggi ed in particolare a noi che siamo impegnati sulla frontiera tra Occidente ed Oriente. 
Nietziesche in proposito scrisse in "Umano troppo Umano" qualcosa di ancora utile per chiarire i nostri problemi di metodologia della ricerca: 
"In complesso i metodi scientifici sono un risultato della ricerca importante almeno quanto qualsiasi altro risultato: sulla conoscenza del metodo si basa infatti 1o spirito scientifico e, ove quei metodi andassero perduti, tutti i risultati della scienza non potrebbero impedire un rinnovato dilagare della superstizione e dell’insensatezza. Le persone di spirito possono imparare quanto vogliono dai risultati della scienza: dalla loro conversazione, e soprattutto dalle ipotesi in essa contenute, si noterà sempre che mancano di spirito scientifico: non possiedono quell’istintiva diffidenza verso gli errori del pensiero la quale, in seguito a un lungo esercizio, ha messo radici nell’anima di ogni uomo scientifico. In genere ad esse basta trovare su una cosa un’ipotesi qualsiasi per entusiasmarsene e pensare che con ciò sia fatto tutto. Per esse, possedere un’opinione già significa diventarne fanatici e riporsela da allora in poi in cuore come convinzione. Di fronte ad una cosa non spiegata, si riscaldano per la prima idea che viene loro in mente e che assomigli ad una spiegazione: dal che si producono di continuo, specie nel campo della politica, le peggiori conseguenze. -Per questo oggi ciascuno dovrebbe aver imparato sin dalle basi almeno una scienza: allora saprebbe che cosa sia un metodo e quanto necessaria sia la massima riflessione. Questo è un consiglio da dare soprattutto alle donne, che oggi sono le vittime senza scampo di tutte le ipotesi, soprattutto quando queste fanno un ‘impressione di ricchezza di spirito, fascino, vitalità, vigore. Anzi, a ben guardare, si nota che la grandissima parte di tutte le persone colte desidera tuttora da un pensatore convinzioni e nient’altro che convinzioni, e che solo una piccola minoranza vuole certezza. Quelle vogliono essere fortemente trascinate per ottenere così anch’esse un aumento di forza, queste poche possiedono quell’interesse oggettivo che prescinde da vantaggi personali, anche da quello dell’aumento di forza sopra menzionato. Su quella classe, di gran lunga preponderante, si fa conto ovunque un pensatore si comporti e si definisca come genio, dunque si atteggi a uomo superiore al quale spetti l’autorità. Un genio di quella specie, in quanto attizza l’ardore delle convinzioni e suscita sfiducia contro 1o spirito prudente e modesto della scienza, è un nemico della verità, per quanto possa invece ritenersene l’ammiratore." 
Queste considerazioni valgono in particolare  per le scienze complesse come  la biologia e la fisica.

Dalla biometeorologia alla farmacoelettrodinamica:

Gli studi biometeorologici risalgono ai primordi della medicina quando Ippocrate, nel suo volume "Dell’acqua dei luoghi e dei venti", impostò la diagnostica e la cura medica anche sul ruolo dei fattori ambientali e climatici. Negli ultimi  tre secoli, dopo la scoperta dell’elettricità, gli studi ripresero vigore con numerosi studiosi impegnati nella biometeorologia. Negli anni 60, con l’avvento della farmacologia moderna la biometeorologia ebbe un oblio legato alla netta superiorità dell’antibiotico terapia nel trattamento della tubercolosi rispetto alla climatoterapia ed alla grande complessità che avevano assunto le sue materie di base: la biologia e la meteorologia. 
La ripresa degli studi bio meteorologici negli anni ‘90, da parte della scuola romana del prof. B. Messina, era stata focalizzata sullo studio della ionizzazione dell’aria e dei parametri elettrici cutanei, anche grazie alla collaborazione con il gruppo di ricercatori di Massimo Scalia, che avevano messo a punto un Ions Meter ed un Multitester biologico per misure bio elettriche.
L’utilizzo della farmacologia digitale da parte del Prof P.M.Ricciardi (22, 23, 24) fin dal 1995 che ha contribuito allo sviluppo di nuovi quesiti scientifici supportati da interessanti rilevazioni cliniche riportate negli Atti del Congresso del 1999 svoltosi al castello di Gerenza vicino a Genova dal titolo provocatorio " Dall’alchimia ai laser ".
L’incontro con Umberto Grieco nel ’96, ci aveva arricchito di nuovi orizzonti che Umberto aveva esplorato nei suoi studi in vari centri di ricerca europei. In particolare l’elettroagopuntura di VolI (EAV), e lo sviluppo dato ad essa da Franz Morell un medico tedesco che con Rash un ingegnere, svilupparono la MORA terapia basata sull’utilizzo dei segnali elettromagnetici dei farmaci e dei vari composti chimici, per la diagnosi e la terapia Nel 97 nel 98 furono sviluppati i primi studi sull’utilizzo di tali tecnologie elettrocutanee in bioclimatologia sulla base dell’ ipotesi che i segnali atmosferici agissero modificando i parametri elettrici cutanei e la conduttanza nei circuiti elettrici corporei riferibili ai meridiani dell’ agopuntura (5-6-7-8-9).
Nel corso di sperimentazioni pilota presso di Centro di Immunoallergologia diretto dal prof. F. Filiaci al Policlinico Umberto 1° di Roma, fu osservato come gli antistaminici avessero la capacità di migliorare la conduttanza nel circuito corporeo riferibile all’allergia. Questa osservazione stimolò l’attenzione sul possibile utilizzo dei farmaci, sfruttando la loro capacità di modificare la conduttanza nei circuiti corporei senza interazione chimica, con un’interazione fisica. Fu osservato inoltre come vari farmaci di una stessa categoria (antistaminici ad esempio) dessero risposte diverse durante le misure elettrocutanee. Fu notato come quando i farmaci miglioravano la conduttanza essi apparivano più efficaci, quando invece inducevano una riduzione erano meno efficaci o davano reazione avverse. Sulla base di queste osservazioni dopo circa una anno di discussioni tra la prof.ssa M. L. Roseghini, il prof. F. Filiaci il prof. V. Martinelli il prof. B. Messina, il dr P. Cascino, grazie al Dipartimento di Scienze Chirurgiche e di Tecnologie Mediche Applicate diretto dal prof. Martinelli, d’intesa con il Comando Generale della Guardia di Finanza fu avviato uno studio pilota presso il Comando Generale della GdF, per verificare le effettive potenzialità delle tecnologie di EAV nella diagnostica delle intolleranze e nella guida alla terapia. I primi risultati (su oltre 400 volontari), che andranno validati in studi rigorosi e controllati in ambienti attrezzati a livello cellulare , animale e clinico, hanno evidenziato un formidabile miglioramento del rapporto rischi /benefici e costi/benefici come è emerso tra l’ altro dall’ analisi del caso di allergia infantile.
Per comprendere come i farmaci potessero agire a distanza, modificando la conduttanza nei circuiti elettrici corporei, chiedemmo aiuto a Giuliano Preparata (1942/2000) ed Emilio del Giudice, del Dipartimento di Fisica di Milano, che avevano sviluppato la QED (Elettrodinamica quantistica) dallo studio della materia inanimata allo studio della materia vivente, rendendo anche comprensibili fenomeni apparentemente irrazionali e "non convenzionali" Gli atti del seminario del 14 dicembre del 1999 alI ‘Istituto di Farmacologia della Sapienza sul Ruolo dell’Elettrodinamica . quantistica in medicina rappresentano una pietra miliare per i nuovi studi biometeorologici e farmaelettrodinamici, costituendo una base teorica biofisica fondamentale per comprendere le intolleranze farmacologiche ed alimentari e per comprendere come un farmaco possa agire non solo  secondo il modello di interazione chimica chiave-serratura a distanza di qualche Angstrom, ma anche a distanza di uno due centimetri dal corpo sulla base di funzioni quantistiche delle molecole (ancora non ben identificate) che appaiono capaci di indurre nei circuiti elettrici fenomeni di aumento o di diminuzione della conduttività, misurabili in pochi minuti con un semplice strumento di EAV. La meteoropatologia e la climatoterapia da cui eravamo partiti, alla ricerca del mediatore dell’azione biometeorologica,  sembrava  trovare in questi modelli ed in queste tecnologie di misura, una base razionale per il suo monitoraggio e il suo ritorno a pieno titolo nel bagaglio terapeutico del medico moderno. 

I circuiti elettrici corporei, la legge di Ohm e la QED:

Lo studio delle funzioni elettriche cutanee, e la sperimentazione con tecnologie di misura dei SEP  (Skin Electric Parameters) hanno messo in luce come la cute svolga, oltre a funzioni di barriera meccanica, anche sofisticate funzioni di regolazione delle funzioni interne. 
Le difficoltà di questi studi derivano dalla incompletezza dei modelli elettrici equivalenti della cute, ed ancor più dai pochi studi sul ruolo del campo elettromagnetico nella regolazione delle funzioni biologiche. Lo sviluppo degli studi su campi elettromagnetici e sistemi biologici riguarda ad oggi prevalentemente l’ azione delle reti elettriche e telefoniche con alte intensità del campo EM  considerando il sistema biologico come un sistema essenzialmente biochimico, ma molte circostanze fanno sospettare che un organismo non possa ridursi unicamente ad un dato insieme di molecole componenti, ma che occorra la presenza di qualche altro soggetto fisico. 
Esiste da molti anni una corrente scientifica, che individua nel campo elettromagnetico 
(E.M.), un altro fondamentale attore della biologia. Questa corrente, che ha portato alla luce importanti fenomeni, è stata finora tenuta ai margini della razionalità scientifica riconosciuta, per la sua incapacità di fornire una spiegazione accettabile dell’origine di questi campi  EM  all’interno della materia vivente. 
Tuttavia negli ultimi tempi si è sviluppato, soprattutto sulla base del contributo teorico di Giuliano Preparata (per saperne di più si può consultare il libro di G. Preparata: "QED: coherence in matter"- World Scientific. Londra 1995) un nuovo punto di vista sulla materia condensata (cioè la materia non gassosa, i liquidi ed i solidi), fondato sull’uso sistematico dell’ElettroDinamica Quantistica (il cui acronimo in inglese è QED). 
Senza entrare nei dettagli teorici, si può schematizzare questo punto di vista nel modo seguente.
Nella fisica classica, quella di Galileo, Newton, Maxwell e Marconi, un oggetto materiale percorre traiettorie ben definite nello spazio e nel tempo ed ha in ogni istante una energia ben definita, mentre il campo  EM  può essere reso stabilmente nullo a patto di non fornire l’energia necessaria (una radio può essere mantenuta spenta). Nella fisica quantistica, fondata nell’ultimo secolo da Planck, Einstein, Nernst, Bohr, Heisenberg, Dirac, Pauli, Fermi, e tanti altri, un oggetto materiale è intrinsecamente fluttuante, non occupa mai una posizione ben definita, per cui la sua traiettoria si stempera facendo assumere alla materia la natura di un campo ondoso. Il campo  EM  assume reciprocamente anche caratteristiche particellari, perché gli scambi di energia possono avvenire solo attraverso pacchetti discreti, i "quanti". In particolare il vuoto, cioè lo stato fisico avente l’energia più bassa, deve anch’esso essere fluttuante, cioè deve poter produrre fiotti di campo di breve durata, tanto più breve quanto più intenso è il fiotto. In metafora, il buio classico è assolutamente nero, mentre il buio quantistico è attraversato da un insieme di lampi (le fluttuazioni). Può sorgere la domanda se i lampi del campo  EM del vuoto possano in opportune condizioni, cioè accoppiandosi in modo peculiare con i campi di materia, produrre risultati stabili correlabili al campo di Higgs  ed alla particella di Higgs. In proposito Chris Llewellyn SMITH direttore del CERN dal 1994 al 1998 ha scritto sul numero delle Scienze di settembre del 2000 che: "si pensa che le masse delle particelle siano generate  da interazioni  con un campo che permea l’universo. La natura di questo campo però è sconosciuta. Potrebbe essere un campo elementare, il Campo di Higgs, dal nome del fisico inglese  Peter Higgs)".
Una riflessione simile era stata proposta da Maxwel sotto la forma del Diavoletto di Maxwell  che sarebbe artefice  per vie misteriose di creare gradienti spontanei e la massa dal vuoto o meglio dalle fluttuazioni quantistiche del vuoto. 
Ci si può domandare inoltre sul possibile ruolo di queste fluttuazioni nella dinamica energetica dell’atmosfera, nella formazione delle nuvole e nella creazione dei potenziali elettroatmosferici oltre che nelle interazioni biometeorologiche
Nella valutazione delle meteoropatie e della climatoterapia queste considerazioni potrebbero aiutarci a comprendere come la fisica dell’atmosfera possa incidere sulle funzioni fisiopatologiche. tramite delle. modificazioni dei parametri elettrici cutanei e delle conduttanza nei circuiti elettrici corporei ad essi collegati, con corrispondenti clinici favorevoli o sfavorevoli. Osservazioni in tal senso sono state realizzate  su soggetti meteoropatici durante i cambiamenti climatici e in positivo su forme algo-reumatiche  a Pietracupa (CB) e su patologie respiratorie  a Briançon, oggettivando con misure elettroatmosferiche  ed elettrocutanee quanto osservato nel passato durante gli studi climatoterapici . 
Lo sforzo per comprendere come variazioni dei parametri climatici o azioni quantistiche dei farmaci siano in grado di modificare le correnti corporee misurabili sui punti dell’agopuntura largamente corrispondenti ai meridiani, ci riporta alla. legge di Ohm I = V /R. È chiaro che a parità di differenza di potenziale senza l’apporto di energia di ricarica dei potenziali cutanei, solo un diminuzione della resistenza o l’ equivalente aumento della conduttanza , può spiegare il raddoppio delle correnti circolanti nei circuiti elettrici corporei quando si inserisce nel circuito un farmaco attivo ed efficace. Ciò è stato spiegato grazie alle teorie elettrodinamiche quantistiche coerenti di Giuliano Preparata  che ci ha illuminato su come un segnale coerente sia in grado di indurre nei circuiti fenomeni di iperconduttività analogamente a quanto avviene con i circuiti costituiti da materiali superconduttivi (11-12). Funzioni quantistiche delle molecole farmacologiche sono in grado di indurre nei circuiti elettrici corporei variazioni di conduttanza che aumentando o diminuendo le intensità delle correnti circolanti, inducono un miglioramento o un peggioramento clinico corrispondente valutabile anche con un test chinesiologico, diminuzione dell’intensità di corrente uguale a diminuzione della potenza muscolare studiato in particolare dal gruppo di Biofisica di Catania di Giannazzo (13). 
 
Meteoropatie ed energia libera atmosferica:

Le meteoropatie  sono state al centro di intensi studi biometeorologici durante il secolo appena trascorso. La scuola russa, quella americana, e non ultimo la Scuola Italiana di Messini (14)  e di Piccardi (15), hanno tentato di penetrare nei segreti delle interazioni tra fenomeni meteorologici e salute umana. La ripresa degli studi biometeorologici grazie al contributo ed alla direzione del Prof. B. Messina ed all’apporto di numerosi studiosi di varie branche della scienza, è stato centrato sull’ analisi delle dinamiche energetiche dell’ atmosfera. 
L’equazione fondamentale dei gas P.V=n.R.T ci indica come, (essendo il volume V dell’ atmosfera pressoché costante, e  la stessa cosa si può dire per il numero di particelle n presenti nell’aria), si possa concludere che la pressione atmosferica P e una funzione diretta della temperatura T. E’ ben noto dallo studio del ciclo dell’acqua nell’atmosfera, come  durante l’evaporazione dell’acqua abbiamo che, per ogni grammo di acqua che passa dallo stato liquido allo stato vapore, l’ acqua assorbe circa 600 calorie per grammo.
In questo processo, quantità enormi di energia termica ed altre forme di energia vengono assorbite dall’acqua, scomparendo dai bassi strati dell’atmosfera dove 1’uomo vive. Con il cielo nuvoloso quindi, grandi quantità di energia si accumulano nelle nuvole (dando vita tra l’altro ai potenziali elettrici che poi si scaricheranno nei fulmini), venendo a mancare nell’aria che respiriamo. 
Dopo aver a lungo ipotizzato la possibilità di misurare l’azione del clima sul corpo umano tramite i parametri elettrici cutanei (il cui acronimo in inglese è SEP), di recente ho misurato nel Laboratorio biometeorologico di Pietracupa (CB) come in corrispondenza di un cielo nuvoloso, ai quadri clinici meteoropatici primari e secondari, corrisponde un effettiva riduzione delle correnti misurate nei circuiti elettrici corporei, che possono essere normalizzati o con farmaci, migliorando la conduttanza nei circuiti, oppure agendo sulla genesi dei potenziali corporei quindi sul parametro V dell’equazione di Ohm, tramite 10 -15 minuti di utilizzo dell’OR.AC, uno apparecchio sviluppato da Reich (16) negli anni 40  che fu definito da uno studioso dell’Oriente per le sue teoria sull’energia Primordiale Cosmica da lui chiamata Orgonica, come il più importante  protagonista alla ricerca di una matrice scientifica comune tra Oriente ed Occidente.
La teoria dell’energia primordiale cosmica di Reich infatti sembra molto simile alla teoria dell’energia universale, il CHI o il Prana, di cui parla la tradizione scientifica Orientale. 
Di più, il cosiddetto " Accumulatore Orgonico" (OR.AC) costruito da Reich, in base alle prime misure  realizzate nel Laboratorio Biometeorologico di Pietracupa, appare capace di riequilibrare le correnti corporee  misurate con l’EAV, diminuite in seguito al tempo nuvoloso e di agire favorevolmente su alcuni dei sintomi meteoropatici (dolori, disturbi cenestetici ecc ) 
Questo prototipo di apparecchiatura, come si diceva, appartiene alla storia della prima metà del ‘900 quando Wilhelm Reich, un medico austriaco formatosi alla scuola di Freud, autore tra l’altro di "Analisi del Carattere", fortemente impegnato nella ricerca della "Energia Psichica", ritenne di aver scoperto una nuova forma energetica riferibile all’energia biologica utilizzando, con basi fisiche di un medico degli anni ’40, una sorta di scatola isolante capace di creare dei potenziali misurabili come differenza di temperatura e come differenza di potenziale elettrico atmosferico in assenza di fonti di energia note. Qualcosa di assimilabile concettualmente al più famoso ed enigmatico diavoletto di Maxwell (17).
A rendere tuttavia ancora più attuale e vivo l"’accumulatore orgonico" contribuisce oggi un impiego rinnovato legato allo studio della interazione essere umano -ambiente. La caratteristica di vano circoscritto ed isolato da sollecitazioni sia termiche che elettromagnetiche, grazie ad uno spessa parete  di legni e lamiere multistrato, con il corredo di strumentazioni moderne e sofisticate (radiometri in infrarosso termico e termoigrometri digitali), consente infatti di valutare in modo accurato il bilancio termico del corpo umano in varie condizioni ambientali e con abbigliamento diverso  e di poter  misurare  l’ipotizzato effetto energetico aggiuntivo che secondo le ipotesi di Reich si dovrebbero realizzare (18). Una tale misura, integrata da determinazioni mediche convenzionali e consolidate, permette a sua volta di precisare il contributo degli scambi radiativi al metabolismo basale, consentendo inoltre di valutare il significato di numerose osservazioni che mostrano un’attività del microambiente dell’ORAC su processi biologici come l’infiammazione, il dolore e sui SEP (Skin Electric Parameters ), in passato interpretate come frutto di possibili variazioni della carica ionica nell’ORAC,  da M. Sperini, F. Marinelli (19) o di possibili flussi di microonde tramite un meccanismo di banda passante, E. Del Giudice (20) .
Se le esperienze fin qui descritte promettono un contributo alla comprensione delle interazioni tra l’ambiente ed i sistemi biologici  tra cui le meteoropatie ed il loro trattamento medico, le quantità di questioni teoriche e pratiche  che esse aprono, ci costringono ad un grande rigore nel procedere nelle ricerche teoriche e sperimentali, consci in ogni caso che come dice il Messina "La scienza si occupa di ciò che accade" (21) e quindi avendo viste queste cose accadere, è nostro dovere di ricercatori studiarle con rigore e  onestà, consci che la verità e nuove conoscenze potranno aiutare l’uomo nel suo cammino o come dicevano gli Antichi Maestri, sulla Via.

VBS e PMR professional:

L’evoluzione della terapia quantica al momento è rappresentata dalla risonanza cibernetica pulsata con onde elettromagnetiche ultrafini , che , attraverso l’effetto diapason tra l’organo sano e la frequenza creata dall’apparecchio ottiene un segnale terapeutico efficace senza effetti collaterali.
Lo studio in camera anecoide offre una sperimentazione precisa senza interferenze ambientali.
La lettura e registrazione dei segnali elettromagnetici consente l’elaborazione di una mappa sempre più precisa e riproducibile.
 

Bibliografia
1. AA. VV. The role of quantum electro dynamics(QED) in medicine. Rivista di Biologia/Biology Forum 93 (2000) pp.267-312 
2. RAMACHARAKA      F.lli Bocca editore_ P.B.S.M.413    1936
3. Ladu M.:  Lezioni di Fisica. Monduzzi Editore, Bologna  1984.
4. Del Trocchio F.: Le Bugie della scienza Mondatori Editore  1999
5. Rosendal T.: Further studies on the conducting properties of human skin to direct and alternating current. Acta Physiol. Scand. 8, pp. 183-202,1944.
6. Voll R. I Punti di misurazione dell’elettroagopuntura secondo Voll. ML Verlag 1983
7. Bechtloff  F.: EAV Elettroagontura secondo Voll. Rappresentazione per argomenti. Guna editore 1993.
8. Morell F., (1987). MORA therapie. Haug Verlag, Heidelberg. 
9. Valenzi V. I.,  Grieco U., A Garcia, F. Marinelli, A. Lozito, B. Messina: Cutaneous electrical phenomena in the evaluation of the curative properties of sand and the marine environment. C.I.R.M. Research,1999 Vol.3/1 
10. Razzouk: Proceedings  du 4° Rencontre Scientifique du CEMBREU" 13-15 marzo 2001 Briançon F.
11. Preparata G. (1995) Q ED Coherence in matter. World Scientific Singapore, (NJ), London, Hong Kong. 
12. Preparata G.: Dai Quark ai cristalli: breve storia di un lungo viaggio dentro la materia. Edizioni dello Studente, Milano, 2000.
13. Giannazzo E. Valenti S., Puzzo D.: Variation of muscolar strength caused by kinesiological stimulation and alimentar intolerances. Proceedings SIBS dicembre 2000.
14. M Messini Trattato di Idroclimatologia medica. Cappelli Editore 19950 Bologna.
15. Piccardi G.:Proceeding du Simposium international sur les relations entre phenomena solaires et terrestres en che mie.phisique en biologie. 8-9-10 octobre 1958 Bruxelles.
16. Reich W.: La Biopatia del Cancro.  Sugar Co. Editore Milano 1974.
17. Bennet C.H.: Diavoletti, macchine e secondo principio. I quaderni delle Scienze n.85 settembre 1995.
18. Valenzi V. I.,  Palmieri S.: Bilancio di energia del corpo umano in condizioni di attività muscolare minima. Leadership Medica settembre 2001, pp.20-26.
19. Sperini M. Sacco G.: Alla Ricerca dell’Energia Vitale. Melusina edizioni Palermo 1992
20. Del Giudice N. Del Giudice E. (1999) Omeopatia e bioenergetica. Le medicine alternative dalla stregoneria alla scienza. Cortina International, Verona. 
21.B. Messina  –  F. Grossi  Idrologia Medica S.E.U Società Editrice Universo  1984
22.Ricciardi P.M. – Biocibernetica dell’informazione  ed Guna 1996.
23.Ricciardi P.M. – Biocibernetica dello stress  ed Guna 1994
24 Ricciardi P.M.-Sport,Stress e Training Autogeno  ed Cortina Torino 1992
25 Arcieri G-Ricciardi P.M.-Auricolomedicina e Posturologia  Auricolare  Quantiche ed Soc Stampa Sportiva 2007.

 

BIOTECNOLOGIE

BIORISONANZA MAGNETICA A CAMPI PULSATI  MICRODOSATA
biorisonanza magnetica a campi pulsanti consiste nell’ utilizzo di uno strumento avanzato che sfrutta i principi della MEDICINA CIBERNETICA  QUANTICA .

L’applicazione della fisica quantica iniziata  con Planck e Bohr e proseguita con Einstein  E’ UNA TERAPIA FISICA CHE SI BASA SULL’UTILIZZO DI CAMPI MAGNETICI EMESSI DA COPPIE DI BOBINE INSERITE NEGLI APPLICATORI TOTAL BODY E LOCALI A BASSA INTENSITA’ E A BASSA FREQUENZA  CIBERNETICAMENTE ORGANIZZATA.

La biorisonanza  DEVE CONSIDERARSI MAGNETOTERAPIA microdosata INNOVATIVA

Differenze principali:

L’intensità utilizzata dalla biorisonanza è al di sotto dell’intensità del campo magnetico terrestre (pari a 40microtesla) e quindi non sfrutta la potenza ma agisce sulla frequenza elettromagnetica.
Bisogna ricordare che i parametri fisiologici degli esseri viventi vengono regolati,  perchè uno stimolo diventi liminare ovvero raggiunga il valore soglia, da tre parametri interdipendenti che sono l’intensità, la frequenza e la durata.
Al contrario, la magnetoterapia tradizionale, utilizza intensità molto più elevate che  interferiscono con la corrente elettrica delle membrane cellulari e sugli scambi ionici direttamente, ma sappiamo bene che la magnetoterapia tradizionale è invasiva mentre la biorisonanza no! La magnetoterapia inoltre non può essere utilizzata per periodi  prolungati  mentre la biorisonanza può avere un uso quotidiano senza effetti collaterali.
La biorisonanza sfrutta  il mezzo di comunicazione cellulare  attraverso l’onda elettromagnetica come quanto di energia informazionale che entra in risonanza elettromagnetica  con i tessuti e le cellule che sono attraverso il DNA e le membrane degli emettitori elettromagnetici.
Gli esserei viventi essendo dei sistemi aperti ossia condizionati dagli stimoli ambientali e da quelli endogeni ( mente-corpo) facilmente escono da una sintonia vibrazionale biologica , diviene necessario fornire le frequenze testate per i singoli apparati ovvero frequenze utilizzate e sperimenate per le terapie.

Le frequenze sono state determinate presso il dipartimento di farmacologia elettrodinamica dell’Università La Sapienza di Roma dal prof. Grieco.

Il Sistema VBS PMR biocibernetico  ha come  modalità di emissione dello spettro elettromagnetico  dei treni d’onda che permettono di superare il rumore di fondo sempre presente nell’organismo e che in passato ha rappresentato il limite delle misurazioni a causa dell’utilizzo dei filtri che nascondevano anche i segnali elettromagnetici ultrafini.
la tipologia d’onda (sinusoidale, quadra, ecc.) propria della magnetoterapia  diventa incoerente, si determina la forma d’onda più idonea per i singoli casi da trattare.
Quando facciamo squillare un telefonino: risponde solo il telefonino che ha il segnale coerente (stessa lunghezza d’onda) e che il mezzo, il posto, dove è situato, permetta la trasmissione del segnale; se non ci sono queste due condizioni la frequenza o segnale di chiamata non arriva e il telefono non squilla. Lo stesso accade con la biorisonanza  applicata al corpo umano, per l’effetto diapason.
Per lo stesso motivo riceveranno il segnale solo le cellule che necessitano di un riequilibrio di funzione. In questo modo la terapia applicata può essere modulata e selezionata per tessuti e gli organi che sono fuori " sintonia" come centrare una stazione radio.
Se nel tessuto a cui è rivolta la terapia ci sono alcune cellule malate ovvero con anomalie del proprio quadro sinusoidale, le altre  cellule, armoniche, ricevono il segnale, ma essendo coerente non subiscono alcun effetto.
E’ stato clinicamente dimostrato che può essere utilizzato sull’organismo sano per rallentare il processo di invecchiamento mediante un costante riequilibrio cibernetico di risonanza  dell’organismo.
 Avremo il cosiddetto aggravamento terapeutico in 3°-4° giornata, quando la terapia è effettuata a domicilio tutti i giorni, tipico di tutte le terapie fisiche in caso di dolori. In questo caso si consiglia il paziente di abbassare l’intensità dello strumento, ma mai di sospendere la terapia.
La terapia va fatta presso l’ambulatorio in tutti i casi di eventi acuti, per proseguire a domicilio per ottimizzare gli effetti dell’equilibrio omeostatico dinamico biocibernetico.
La terapia è sempre comunque effettuata in tempi ravvicinati, la modalità migliore per efficacia e quindi risposta terapeutica è giornaliera in quanto il VBS invia un segnale coerente e informa la cellula sulla sua funzione, proprio perché "parla" il suo stesso linguaggio. La ripetizione costante  è necessaria in particolare nelle malattie cronico degenerative e per questo motivo è stato pensato accanto allo strumento professionale per l’ambulatorio,  l’apparecchio domiciliare che può essere noleggiato.
Ci sono i moduli  predisposti dove vengono prescritti  dal medico  il tipo di programma consigliato.

Come scegliere i programmi.

IL VBS Professional ha  programmi per le principali patologie di interesse per: ortopedia, medicina dello sport, flebologia,  pre impostati ,  sul display dello strumento appare l’indicazione della patologia da trattare.
 

Riassunto:

METODOLOGIA NON INVASIVA DEL DANNO D’ORGANO
Dott.ssa Marina Covelli, vice presidente di ASBiMeN

Il nuovo campo di indagine della scienza biomedica è la medicina quantica che trova riscontro nelle biotecnologie con il Vital Body System (VBS), l’apparecchio di ultima generazione che applica i principi di fisica quantistica per le terapie fisiche e si presenta come uno strumento estremamente flessibile, tanto da poter essere utilizzato in numerosi campi applicativi. La ragione è che il principio si basa sulla selezione di frequenze proprie del tessuto e/o organo interessato dal processo patologico e, applicate mediante bobine, con l’emissione di campi magnetici a bassissima intensità (massimo 10 microTesla), provocano una stimolazione cibernetica del sistema coinvolto. L’emissione di onde elettromagnetiche risonanti con le stesse onde prodotte dai sistemi d’organo provocano il fenomeno della biorisonanza e sfruttano il fatto che l’uomo è la macchina cibernetica per eccellenza, vale a dire che il Vital Body System interagisce con la materia vivente come sorgente di radiazione elettromagnetica e applica la teoria dell’informazione e le sue basi fisiche. Con la biorisonanza del VBS in maniera cibernetica si analizzano i metodi di informazione di cui il sistema si serve per regolare e comandare le funzioni d’organo e si interviene in una regolazione dell’omeostasi elettromagnetica che, essendo prioritaria in un qualsiasi sistema biofisico, sarà di avvio e di supporto all’omeostasi biochimica regolata dal farmaco.
Pertanto la biorisonanza magnetica pulsante è utilizzabile nelle seguenti patologie:
Artrosi, artriti, tendinite, menisco-discopatie, artrite reumatoide
Edemi post traumatici, radicoliti
Osteoporosi
Flebo – linfopatie e insufficienza venosa
Rigenerazione cutanea, ulcere da decubito e post radioterapia
Patologia neurovegetativa e da stress
Nei casi di intolleranza/adattamento ai farmaci
Nei casi di insufficiente copertura farmacologica
patologie da alterata postura.

E’ importante sottolineare come sia possibile utilizzare la biorisonanza anche in presenza di protesi metalliche e flebiti, grazie alla intensità di emissione del campo magnetico al di sotto del campo terrestre.
L’assenza di controindicazioni e la facilità d’impiego hanno contribuito all’inserimento della medicina quantica a complemento dei protocolli tradizionali in numerosi ambulatori pubblici e privati, ma anche domiciliarmente.
Abbiamo un comitato scientifico interno
Collaboriamo con l’  Accademia Italiana di Medicina della Complessità organo della Federazione Inernazionale di Medicina Biofisica.
Collaboriamo con Istituti Universitari ed Ospedalieri in particolare con:

ISTITUTO DEI TUMORI DI MILANO Dott. Prof alberto Laffranchi che ha pubblicato un lavoro iniziato con la magnetoterapia e finito con la biorisonanza sulle lesioni cutanee partira una ricerca sulle cellule in vitro per la definizione di campi magnetici nocivi inquinamento elettromagnetico, invasivi ma terapeutici Magnetoterapia e terapeutici e privi di effetti collaterali Biorisonanza magnetica.

Professor ing. Sergio Serrano importanza biologica dell’omeostasi elettromagnetica ed dell’omeostasi biochimica.
Il professor Serrano è membro del consiglio direttivo dell’Università degli studi di Milano (centro ricerche bioclimatologiche mediche biotecnologie e medicine naturali) e del World Healt Organization.

Professor Prof Pasquale Maurizio Ricciardi Medico Chirurgo Specialista in Ortopedia-Traumatologia,  Specialista in Medicina dello Sport,  Abilitato in Fisiatria,  Primario Ortopedico-Traumatologo, Docente di Fisiologia del movimento e di Neurofisiologia della Postura (II Università di Roma ) Docente di Biofisica Clinica presso l’Istituto di Medicina del Mare- Università La Sapienza di Roma,  Dirigente Sanitario Responsabile UO Interdistrettuale di Medicina dello Sport ASL RM C di Roma .
 A supporto della terapia informazionale VBS-PMR  la ricerca presso l’Università  La Sapienza di Roma -Cattedra di farmacodinamica,  dalla professoressa M.L. Roseghini e dal Prof Umberto  Grieco che hanno dimostrato come a seguito di una patologia vi è un danno frequenziale nella cellula e di conseguenza di un organo-apparato o sistema (omeostasi elettromagnetica).
 MALATTIA=FREQUENZA ELETTROMAGNETICA ALTERATA con onda sinusoidale irregolare.

La Toscanini