Home Argomenti Economia e Finanza Camera di Commercio dell’Emilia, l’imprenditore reggiano Stefano Landi primo presidente

Camera di Commercio dell’Emilia, l’imprenditore reggiano Stefano Landi primo presidente

80
0
Stefano Landi: primo Presidente Camera di Commercio dell'Emilia
Stefano Landi: primo Presidente Camera di Commercio dell’Emilia

Stefano Landi, 65 anni, imprenditore industriale, è il primo presidente della Camera di Commercio dell’Emilia, la più grande realtà del sistema camerale dell’Emilia-Romagna e collocata al sesto posto nella graduatoria nazionale delle Camere di Commercio.
Già presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia dal 2014 al 2020 e, successivamente, Commissario straordinario dello stesso ente, Landi è stato eletto all’unanimità dai componenti il Consiglio generale, il cui insediamento – avvenuto nella sede di Parma – ha sancito la conclusione del percorso di fusione tra le Camere di Commercio di Reggio Emilia, Parma e Piacenza e ha dato il via al decollo della Camera di Commercio dell’Emilia, forte di un patrimonio di oltre 70 milioni di euro e di quasi 25 milioni di euro di incassi annuali.

“Le Camere di Commercio – sottolinea Landi  – sono uno degli importanti motori di sviluppo per il territorio”.

Landi ricorda non solo i servizi rivolti alle imprese e i contributi che gli enti camerali erogano per favorire nuova imprenditoria, percorsi di digitalizzazione e scambi con l’estero, ma anche le analisi che offrono sulle dinamiche dei mercati, i legami con le istituzioni, il mondo della ricerca, della scuola e della formazione e le attività di controllo che vanno a sostenere “una corretta dinamica competitiva e a configurare le Camere di Commercio come un presidio di legalità”.

La nuova realtà associativa copre una superficie di quasi 8.300 chilometri quadrati e sul quale insistono circa 157mila localizzazioni di imprese, con 142mila unità attive che occupano quasi 570mila persone, generano un valore aggiunto di 46,8 miliardi e un export che sfiora i 30 miliardi di euro.

Un territorio che ha ripreso prepotentemente dopo la pandemia, come attestano i dati riferiti all’occupazione e al valore aggiunto nel periodo 2020-2022, con crescite, rispettivamente, del 13,8% e del 18,5%.

Il sostegno alla nuova imprenditoria, la digitalizzazione delle imprese, la ricerca di nuovi partner sui mercati esteri, la sostenibilità, la valorizzazione delle risorse del territorio, le azioni di orientamento per ridurre il mismatching tra domanda e offerta di lavoro, il rafforzamento delle partecipazioni strategiche in enti ad alto impatto sullo sviluppo del territorio: queste le principali direttive su cui andrà a lavorare la nuova Camera di Commercio. 

La sede legale sarà mantenuta a Parma. Il presidente della Provincia di Parma, Andrea Massari, ha portato gli auguri a nome dei 44 sindaci della provincia a tutto il nuovo Consiglio.

“Al presidente e al Consiglio ho anche chiesto massima attenzione e cura ai territori meno forti delle province (più lontani dai servizi, piccoli comuni, aree interne) per continuare a garantire la massima connessione delle province e la diffusione di servizi e ricchezza economica e sociale affinché, tutti uniti, si esalti la straordinaria storia di queste terre che da sempre hanno saputo tenere insieme città e piccoli realtà”.

Questi i nomi dei consiglieri della Camera di Commercio dell’Emilia
Claudia Munari, Stefano Landi, Alberto Viappiani, Gabriele Buia, Silvia Angelo, Luigi Prospiti, Sabrina Dallagiovanna, in rappresentanza dell’industria; Roberto Prearo, Azio Sezzi, Paola Gallina, Barbara Piccinini, Filippo Cella per l’artigianato; Dario Domenichini, Francesca Lombardini, Francesca Chittolini, Vittorio Dall’Aglio, Fausto Arzani per il commercio; Riccardo Pilati, Cristina Marasi, Paolo Giuffredi, Daniel Negri, Alessandra Tencati per i servizi alle imprese; Lorenzo Catellani, Marco Orsi per l’agricoltura;Giovanni Rivaroli per trasporti e spedizioni; Loretta Losi per la cooperazione;Raffaele Chiappa per altri settori; Davide Goldoni per Credito e Assicurazioni; Claudio Franchini, Ludovica Cella per turismo;
– Luca Chierici per organizzazioni sindacali dei lavoratori; Luca Braggion per le associazioni di tutela dei consumatori; Francesco Castria per i liberi professionisti. 13 LUGLIO 2023

Fonte Link: parma.repubblica.it