Home Dossier Alimentazione DANNI CEREBRALI PER CARNE ADULTERATA, 6 ANNI A UN MACELLAIO

DANNI CEREBRALI PER CARNE ADULTERATA, 6 ANNI A UN MACELLAIO

134
0
Link

(ansa.it) CATANIA – Condannato a 6 anni N. R., 60 anni, il macellaio di Catania che nel febbraio del 2006 vendette carne trattata con solfito di sodio a una studentessa universitaria che, a causa di una allergia al conservante, ha riportato lesioni cerebrali gravissime. La sentenza è stata pronunciata dal gup di Catania al termine del processo con il rito abbreviato che prevede lo sconto di un terzo della pena. Il macellaio è stato condannato anche a pagare 200 mila euro come provvisionale alla parte civile, oltre al risarcimento dei danni da liquidarsi in sede civile. Il gup ha disposto inoltre la pubblicazione della sentenza quando sarà passata in giudicato. Nel febbraio del 2006 alcune studentesse acquistarono nella macelleria di N. R. carne tritata. D. N., che oggi ha 24 anni, di Ragusa, studentessa di Scienze politiche, appena ingeriti i primi bocconi si era sentita male. La ragazza venne trasportata in ospedale sotto shock anafilattico e rimase in coma per diverso tempo. La studentessa, si scoprì in seguito, era allergica ai nitrati e ai solfiti. Le analisi sulla carne avevano accertato che era stata trattata con solfito di sodio, sostanza che rallenta il processo di decomposizione e mantiene inalterato il colore delle carni trattate. Per il macellaio era scattata la denuncia per lesioni colpose gravissime. La studentessa attualmente vive immobilizzata a letto.