Home Economia e Finanza Cronaca Nera e Giudiziaria Non dirlo a nessuno…

Non dirlo a nessuno…

225
0

Pino Nicotri, scrittore e giornalista
martedì 24 luglio 2007

"La Bibbia finisce in Tribunale" era il titolo di un articolo pubblicato su Il Venerdì di Repubblica il 3 novembre 2006.

Il processo si svolge presso il Tribunale di Roma contro la Cei, contro 26 Case editrici della Bibbia-Cei e contro il Ministero dell’Istruzione, promosso da un editore scolastico (Editing & Printing) per "manipolazione e incostituzionalità della Bibbia-Cei".
Ma qual è l’antefatto?
La Editing & Printing, nell’approntare la pubblicazione della Bibbia-Cei per l’ora di religione (Riforma Moratti 2003), riscontrava che numerosi brani sono stati volutamente deformati, cancellati o aggiunti in relazione alle precedenti Bibbie ufficiali della Chiesa cattolica.
E non solo.
La Bibbia, in quanto testo di formazione scolastica, contiene tantissimi brani in contrasto con le norme e i principi costituzionali, lì dove "approva e ordina lo stupro, l’infanticidio, la legittimità della schiavitù, la pena di morte, la guerra civile e religiosa, la sottomissione della donna, la morale della maledizione, lo sterminio, la lapidazione e altri delitti…" (100 brani depositati nell’atto di citazione dall’editore).
Leggete e vedrete.

Dopodiché, la E&P ha dovuto bloccare il suo piano editoriale (L. 47/1948 e L. 633/1941) e ha citato in giudizio la carovana di 28 convenuti per "manipolazione e incostituzionalità della Bibbia Cei".
La faccenda mi ha incuriosito.
Ed ecco, allora, che ho contattato la Casa editrice E&P.
Una segretaria mi ha risposto affabilmente: "Il nostro portavoce è su Internet".
E cioè? Ho domandato.
E lei candidamente, è il sito utopia.it
Indi, mi sono immerso nel web.
E lì ho capito che il processo è in una fase delicata.
Ho capito che è prossima la quarta udienza e si sta per giungere a decisioni importanti.
Nelle pagine del sito ho trovato 700 antinomie e 70 manipolazioni bibliche, ho trovato le certificazioni sulla pena di morte nel Vangelo, nell’Antico Testamento e nel catechismo attuale. E tante altre cose che non sapevo sulla Bibbia.

Ma soprattutto ho trovato il testo della comparsa della Cei e degli altri convenuti in Tribunale.
Io non debbo esprimere un giudizio, ma un breve appunto me lo dovete concedere.
La Cei e i coeditori si difendono asserendo che la Bibbia "non è libro di testo adottato né adottabile" per l’ora di religione.
Si difendono rintanandosi, come se annusassero di non poter scagionare la Bibbia Cei. Questo è paradossale!
In verità, la Bibbia Cei è già adottata come testo scolastico. È sufficiente visitare il sito delle adozioni scolastiche (A.I.E.) ove si trovano diversi editori che da un anno già pubblicano e già vendono la Bibbia per la scuola, con tanto di nulla osta della Cei. Parimenti, è nell’elenco dei libri di testo adottati da centinaia e centinaia di scuole.

Ebbene, essendo in rete i primi atti del processo, possiamo scommettere che dopo il deposito delle memorie, dopo la replica alle domande e dopo l’ammissione delle prove (art. 183 cpc) saranno fruibili tutti gli altri documenti giudiziari.

E allora ci sarà un vero e proprio "quarto processo in rete". Dove noi saremo i giudicanti, a prescindere dal verdetto del Tribunale, del Tar o della Corte Costituzionale.

ResistenzaLaica.it
http://www.resistenzalaica.it Realizzata con Joomla! Generata: 27 August, 2007, 16:23
La partita in gioco è rilevante, molto più di quanto si possa immaginare.
Dopo il processo a Galilei, il duello sembra quasi epocale.
Ma, ora, tutto è ribaltato…
La Cei è la parte convenuta…
La sacrale dottrina è "sotto inquisizione" per reato giudiziario e morale sulla legge civile dello Stato italiano.
Il pensiero laico accusa il "pensiero assoluto" di "misero relativismo". Guarda in silenzio gli atti del processo, senza parlarne troppo in giro.
Almeno, per ora…

NOTA
L’autore gestisce il blog d’autore dell’Espresso A ruota libera

Previous articlePERCHE’ EQUIVITA DICE NO ALLA PDL 2157
Next articlePERCHE’ NON SI DA’ ACQUA SALUBRE A TUTTI?