Home Economia e Finanza Cronaca Nera e Giudiziaria TRIESTE: UCCISO DA FRATELLO, STORIA DI DISAGIO

TRIESTE: UCCISO DA FRATELLO, STORIA DI DISAGIO

392
0

  Andrea Buoso

(ansa.it) TRIESTE – E’ una tragica storia di disagio mentale familiare e vecchiaia quella che si e’ consumata stamani sul pianerottolo di un condominio alla periferia di Trieste, dove un uomo di 67 anni ha ucciso a coltellate il fratello di 71, dopo una lite forse nata da una contesa su una vecchia proprieta’. La vittima e’ Giorgio Papo, accoltellato a morte dal fratello Marino davanti alla porta di casa, nel Rione triestino di Chiarbola, a poca distanza dal palazzetto dello sport. E’ stato colpito con un coltello preso dalla sua cucina ed e’ deceduto prima dell’arrivo del 118.

 A scoprire il delitto e’ stato un poliziotto che risiede nello stesso condominio di Papo, che verso le 7.30 di stamani stava scendendo le scale per recarsi al lavoro, in Questura. Ha visto l’epilogo della tragedia, ha dato l’allarme ma non ha potuto fermare la mano fratricida. Davanti agli agenti della Squadra Mobile, giunti sul posto, Marino Papo non ha saputo fornire ragioni del suo gesto, ne’ dare una ricostruzione chiara della sua dinamica. Ha parlato confusamente di litigi per un’eredita’, ha accennato a una casa di famiglia in Istria ma null’altro.

Portato in Questura dove e’ stato sentito a lungo dal magistrato di turno, il sostituto procuratore Pietro Montrone, ha ripetuto confusamente alcune ragioni legate a denaro, a conflitti familiari. Scavando sulla storia dei due, gli investigatori propendono per una lite scoppiata soprattutto per motivi di disagio mentale ed economico ad armare la mano di Marino Papo contro il fratello. Il litigio tra i due – secondo la ricostruzione della Mobile – e’ nato all’interno dell’abitazione di Giorgio, quindi e’ trasceso in rissa spostandosi fuori dall’uscio di casa, con pugni e calci.

A un certo punto, Marino e’ rientrato nell’appartamento e si e’ recato in cucina, ha preso da un cassetto il coltello con il quale, sul pianerottolo, ha inferto i colpi mortali contro Giorgio. L’arresto dell’uomo e’ stato convalidato dal magistrato, con l’ipotesi di reato di omicidio, e Marino Papo e’ stato trasferito nel tardo pomeriggio al carcere cittadino del Coroneo, dove attendera’ l’interrogatorio di garanzia da parte del Gip.