Home Economia e Finanza Cronaca Nera e Giudiziaria Parmacotto, il sequestro fa slittare l’omologa del concordato

Parmacotto, il sequestro fa slittare l’omologa del concordato

332
0

Rinvio al 12 ottobre in attesa che si concluda un eventuale iter di impugnazioni del provvedimento

di MARIA CHIARA PERRI

Come previsto, il blitz della Guardia di Finanza che lunedì ha eseguito un maxisequestro d’urgenza di 11 milioni alla Parmacotto, bloccandone l’intero patrimonio, ha fatto slittare l’omologa del concordato preventivo prevista oggi. 

Alle 9, davanti al collegio di giudici del tribunale civile presieduto da Nicola Sinisi, gli avvocati difensori della Parmacotto Andrea Mora e Mario Bonati hanno chiesto il rinvio in attesa che si concluda un eventuale iter di impugnazioni del provvedimento di sequestro.

Trattandosi di un dispositivo d’urgenza, deve essere ancora convalidato dal gip. La decisione del giudice per le indagini preliminari potrà essere un rigetto o un accoglimento della domanda della Procura, ma in ogni caso apre la strada a un appello al Riesame e successivamente in Cassazione da parte della difesa o della Procura.

Il pm Paola Dal Monte non si è opposta al rinvio, fissato per il 12 ottobre. Per quella data si valuterà se il sequestro, disposto nell’ambito di un’inchiesta per truffa aggravata allo Stato, sia d’ostacolo per l’omologa del concordato . Il piano concordatario, che prevede una ristrutturazione dell’azienda con il mantenimento dell’attività, era stato votato dalla maggioranza dei creditori: il sì all’omologa sembrava quasi un pro-forma. Ora il futuro della Parmacotto torna in forse.

Fonte Link parma.repubblica.it