Home Argomenti Florance Sciopera il giornale di Cristiano Lucarelli

Sciopera il giornale di Cristiano Lucarelli

173
0

Il calciatore figura tra i finanziatori del Corriere di Livorno. La redazione: «L’editore mira a stravolgere i principi del lavoro giornalistico e dei diritti dei lavoratori»

(corriere.it) LIVORNO – «Ci sono calciatori che con un miliardo si fanno la Ferrari, lo yacht, io mi ci sono comprato la maglietta del Livorno. Tutto lì». Parola di Cristiano Lucarelli. Era l’estate del 2003, lui giocava nel Torino in serie A e andava bene. Ma il Livorno era arrivato in B. E il resto è storia nota: Lucarelli rinunciò al miliardo che gli offriva il Torino e firmò col Livorno. Quell’estate adesso sembra lontana e Lucarelli, che nel frattempo è approdato al Parma passando per lo Shakhtar Donetsk, in qualità di finanziatore del Corriere di Livorno, deve ora fare i conti con lo sciopero di dieci giorni proclamato dalla redazione del giornale. «Lo sciopero – si legge nella nota – è stato indetto come risposta alle azioni con le quali l’Adriano Sisto Editore, che ha come finanziatore il calciatore Cristiano Lucarelli, sta mirando sistematicamente a stravolgere la natura e i principi del lavoro giornalistico oltre che dei diritti dei lavoratori, rimasti al di fuori di ogni scelta aziendale».

«INCERTEZZA E PRECARIETÀ» – Nella nota, i redattori del quotidiano fanno accenno a «una situazione di incertezza e di precarietà acuita da un clima di tensione creato all’interno della redazione da parte dell’azienda che ha fatto leva su presunte irregolarità mai avvenute. Tutto con l’unico obiettivo di dividere il gruppo di lavoro che, con sacrifici e professionalità – conclude il testo – ha costruito un giornale diventato ben presto una voce significativa per il pluralismo dell’informazione nella città di Livorno».

05 dicembre 2008

Previous articleDAL ’74 SCOMPARSE 23.800 PERSONE,9.800 MINORI
Next articleMORTO L’UOMO CHE NON POTEVA RICORDARE