Home Argomenti Giochi e Sport Genoa battuto. Parma, non solo Giovinco

Genoa battuto. Parma, non solo Giovinco

195
0

(parma.repubblica.it) Segna sempre lui. Fa scompiglio sempre lui. Cinque reti, in testa alla classifica marcatori, trascinatore in campo: Sebastian Giovinco. Un gol fatto, un rigore procurato e segnato, un’azione travolgente che ha portato al terzo gol del Parma. La chiave di lettura appare ovvia: se questo Parma  finora opaco in campionato riesce a vincere è perchè Sebastian Giovinco è in forma. Se la Formica atomica gira, gira la squadra. Vero, ma parzialmente. Il Parma che ha battuto 3-1  il Genoa ha infatti mostrato, per la prima volta, un altro spirito e  gioco. Davanti ad avversari spenti, inermi in qualche caso, i crociati hanno inscenato dopo cinque gare una vera partita, interpretata da squadra, con occasioni da rete e continuità. Mai si erano visti sinora Floccari (due tiri pregevoli e giocate da punta), Morrone (più volte al tiro, fortunato nel gol), Gobbi, Zaccardo e Biabiany così presenti nel gioco, così pronti a dialogare con il pallone. Super anche Modesto: ha ritrovato la forma perduta? Questa vittoria è un ottimo segnale per Colomba e per questo Parma che, oltre ai risultati, ha bisogno di trovare fiducia.

Fiducia che significa intesa, come quella fra Floccari e Giovinco. E’ così che nasce il primo gol: Floccari offre su un piatto d’argento una splendida sponda di tacco per Giovinco, che fa fuori Bovo e a centro area non sbaglia segnando il vantaggio del Parma. Il secondo gol crociato arriva dopo un palo de Genoa: la Formica Atomica ruba un pallone in attacco e si infila fra la difesa avversaria quando viene atterrato in area da Kucka. Rigore e gol.

Al 5′ della ripresa il contropiede del Parma stende poi definitivamente i rossoblu:  Giovinco mette una palla sul secondo palo per Biabiany, che fa sponda per Morrone a centro area. Il centrocampista del Parma di testa prende la traversa e ancora con la testa ribatte in rete alla spalle di Frey, siglando il 3-0. Solo nel finale arriverà il rigore segnato da Palacio.