Home Argomenti Ambiente e Ecologia Direttiva europea rifiuti: c’è qualche speranza!!!

Direttiva europea rifiuti: c’è qualche speranza!!!

210
0

Carissimi,Carissime/i vi chiedo un ultimo sforzo: martedì prossimo la Direttiva Europea rifiuti passerà al voto del Parlamento. Se passasse così il cosiddetto agreement, cioè l’accordo a tre Parlamento Commissione Consiglio, non ci sarebbe più niente da fare. Se invece passasse con qualche emendamento, si andrebbe alla fase di conciliazione, che potrebbe riaprire i giochi. C’è qualche possibilità che l’emendamento 82, che ripristina i target di riciclaggio voluti dal Parlamento e svuotati nell’agreement, raccolga consensi allargati ai diversi schieramenti. In particolare, i conservatori tedeschi lo voteranno e forse anche i portoghesi. Potrebbe essere un’occasione da cogliere al volo. Per questo vi invio una lettera breve che chiede ai parlamentari di votare questo emendamento. La copio qui sotto, insieme agli indirizzi, ma bisogna mandarla subito, al più tardi lunedì mattina. Grazie dell’aiuto

Patrizia Gentilini

LETTERA

Gentile Parlamentare Europeo,
torno a disturbarla solo per dirle che ha in mano una grande opportunità per riaffermare la volontà del Parlamento Europeo di far diventare l’Europa una società del riciclo esemplare. L’agreement raggiunto dalla relatrice della WFD (Waste Framework Directive) con il Consiglio e la Commissione riduce molto i target di riciclo che erano stati ribaditi dal PE in commissione ENVI: infatti nei rifiuti domestici si considerano solo carta vetro plastica e metalli e quindi il 50% viene calcolato solo su una parte dei rifiuti, quindi diventa un 20-25% max, e dai rifiuti non domestici sono stati eliminati i rifiuti industriali e quindi il 70% si calcola solo su quelli da demolizione e costruzione, che già adesso sono riciclati con percentuali molto alte. Questo certo non permette di dire che l’Europa diventerà un società del riciclo.

Ora è stato presentato da oltre 40 membri del Parlamento un emendamento, il n.82, che ripristina i target che erano stati approvati in commissione ENVI e su questo emendamento sta crescendo il consenso da parte di molti membri, in particolare sarà appoggiato dai conservatori tedeschi.

Gentile Parlamentare, vuole proprio essere da meno dei parlamentari conservatori della Germania?

Le chiedo pertanto di votare anche lei tale emendamento, sia perché esso è valido, sia perché è un modo per riaffermare il suo orgoglio di parlamentare

Distinti saluti