Home Argomenti Armi Guerre e Terrorismo Proteste Siria: un futuro migliore Oltre un milione di bambini tra i rifugiati...

Siria: un futuro migliore Oltre un milione di bambini tra i rifugiati siriani

393
0

I bambini in Siria in questo momento hanno ben poca speranza nel domani. Ma questa settimana abbiamo una grande opportunità per aiutarli a salvare il loro futuro.

E’ sconcertante il numero di siriani che sono dovuti fuggire dalla guerra: circa 6 milioni, moltissimi dei quali bambini. A causa delle guerre proprio i più piccoli diventano una “generazione perduta”, che conosce meglio le armi dei libri e che non ottiene mai una vera possibilità di costruirsi una vita migliore. Ma questa volta abbiamo una possibilità unica per cambiare questo destino. 

Malala Yousafzai, l’attivista capace di ispirare il mondo a soli 16 anni, e Gordon Brown, l’inviato speciale dell’ONU per l’educazione, stanno facendo squadra con la nostra comunità per lanciare una sfida ai nostri governi: se saremo in grado di raccogliere 1 milione di dollari, chiederemo a tutte le nazioni donatrici di superarci 10:1, per ottenere quei 100 e passa milioni necessari a riportare a scuola tutti i bambini rifugiati siriani!Tra pochi giorni Malala e Brown potrebbero intervenire di persona al vertice di New York sull’emergenza umanitaria in Siria e mettere sul tavolo quanto raccolto dalla nostra comunità per sfidare la comunità internazionale a superarci. Le donazioni di Avaaz possono far sì che questo non sia il solito incontro burocratico ma diventi un momento di svolta che porti a un’iniziativa concreta.

Clicca qui sotto per fare una promessa di donazione di 4€: qualsiasi importo, per quanto piccolo, è utile, e la tua promessa diventerà una donazione effettiva solo se raggiungeremo il milione di dollari. Se la nostra sfida non verrà raccolta e i governi non moltiplicheranno per 10 le nostre donazioni, ci impegniamo a una restituzione completa. Oggi come oggi non possiamo ancora porre fine all’incubo dei siriani, ma possiamo investire nelle nuove generazioni e in un futuro migliore per loro: 

https://secure.avaaz.org/it/lc_syria_education_fr_nd/?bMwQFab&v=29291 

I bambini sono quelli che soffrono maggiormente a causa delle guerre e spesso sono le vittime più dimenticate di conflitti causati dagli adulti. Obbligati a vivere in squallidi campi profughi e privi della possibilità di andare a scuola, vengono consumati dalla rabbia e dalla disperazione senza trovare pace. Restare fermi a guardare ci costerà caro: se non agiamo subito, i bambini siriani di oggi non impareranno un lavoro, ma conosceranno solo la violenza.

Ecco il nostro piano: raccogliere abbastanza fondi per cominciare a riportare ogni bambino rifugiato a scuola. Si inizierebbe dal Libano, dove vivono quasi 400mila bambini siriani senza accesso all’educazione. Le scuole rimarrebbero aperte anche di notte per fare doppi o anche tripli turni, si assumerebbero insegnanti siriani anch’essi rifugiati e rimasti senza lavoro, e insieme all’analfabetismo il cibo delle mense contrasterebbe anche la fame. 

Bastano 5 dollari per garantire l’istruzione per una settimana a un bambino siriano in fuga dal suo Paese: ora immagina se tutti noi donassimo qualcosa e poi riuscissimo a convincere gli Stati a moltiplicare quel qualcosa per 10! In poche settimane potremmo riportare in classe centinaia di migliaia di bambini, permettendo loro di sognare un futuro migliore. Ma questo potrà succedere solo se la nostra comunità mostrerà la strada e riuscirà a spingere i governi a seguirci.

Appena raggiungeremo il milione di dollari, Gordon Brown e Malala presenteranno la nostra iniziativa all’apertura della conferenza ONU dei donatori per la Siria di questo mese, facendo pressione sui governi presenti per raccogliere la sfida e moltiplicare per 10 la cifra. Noi intanto faremo pressione da dietro le quinte sui media in modo che ci sia attenzione sulla conferenza e sui suoi partecipanti. Clicca qui sotto per fare subito una promessa di donazione di 4€: insieme possiamo impedire che i bambini siriani diventino una “generazione perduta”:

https://secure.avaaz.org/it/lc_syria_education_fr_nd/?bMwQFab&v=29291 

La nostra comunità è stata al fianco della popolazione siriana sin dall’inizio di questo conflitto: 60mila di noi hanno donato oltre un milione di dollari per inviare aiuti e supporto tecnologico ai manifestanti nonviolenti, abbiamo lavorato insieme ai cittadini diventati giornalisti per superare la censura dell’informazione imposta da Assad, e milioni di noi hanno sottoscritto decine di campagne internazionali di sostegno. Purtroppo il cammino della Siria verso la pace rischia di essere molto più lungo di quanto avessimo sperato, e anche per questo è ancora più importante sostenere i sogni dei suoi figli.

Con speranza e determinazione, 

Ricken, Jamie, Laura, Luis, Mais, Alice, Bissan, Rewan, David e il resto del team Avaaz