Home Dossier Amanti Memorie di una geisha

Memorie di una geisha

166
0

(it.wikipedia.org) Memorie di una geisha (Memoirs of a Geisha) è un romanzo di Arthur Golden pubblicato nel 1997. Il romanzo narra la storia di una geisha che lavora a Kyōto prima della seconda guerra mondiale. Un adattamento cinematografico del libro diretto da Rob Marshall ed interpretato da Zhang Ziyi è stato rilasciato nel 2005.

Trama
Prima che sua madre muoia, la protagonista Chiyo e la sua sorella maggiore Satsu vengono portate a Gion da un signor Tanaka. Sua sorella viene venduta ad una casa di malaffare e Chiyo viene venduta presso un’okiya, una casa di geishe.

Con i suoi insoliti occhi grigio-blu, Chiyo è stimolata a diventare una geisha, ma è costantemente ostacolata da Hatsumomo, l’unica geisha dell’okiya Nitta. L’arrogante Hatsumomo riconosce il potenziale di Chiyo ed è turbata ad ogni accenno di competizione. A causa delle macchinazioni di Hatsumomo, Chiyo è ridotta a diventare una domestica nell’okiya, apparentemente senza possibilità di diventare in futuro una geisha.

Un incontro con il buon Presidente cambia il suo destino. Chiyo entra nelle simpatie della geisha più famosa di Gion, Mameha, che è disprezzata da Hatsumomo poiché lei la supera in ogni aspetto e non può essere sconfitta poiché, a differenza di Hatsumomo, Mameha si è guadagnata la sua indipendenza come geisha. Adotta Chiyo come sorella minore, quindi come apprendista, ovvero maiko e la allena per rivaleggiare con Hatsumomo. L’entrata di Chiyo nell’apprendistato è segnata dal ricevere un nuovo nome: Sayuri.

Con il suo successo , Sayuri non solo diventa una geisha di successo, ma riesce a liquidare i debiti che la legavano all’okiya Nitta quando lei era una domestica e viene adottata dalla padrona dell’okiya, la Madre Nitta Kayoko. Lo scoppio della seconda guerra mondiale, un tema prefigurato dal crescente riferimento alla milizia giapponese, rappresenta, strutturalmente, un’altra sfida di rilievo per l’eroina. I suoi successi diventano rapidamente irrilevanti, e la sua bellezza fisica viene appannata dal lavoro manuale e dalla mancanza di cibo. La vita di sfarzi ed eleganze è rimpiazzata da una nuova realtà: la sua personale valle oscura.

Durante il periodo come geisha prima della guerra, incontra il Presidente di nuovo, ma le è impossile avvicinarsi a lui come lei desidererebbe. Si trova, invece, costantemente spinta a stare con Nobu-san, l’amico più fidato del Presidente. È Nobu che salva Sayuri dall’aspro lavoro della guerra finché Gion riapre, a condizione che lei lo lascerà diventare il suo danna, protettore, nonostante lei desideri il Direttore Generale. In seguito, Sayuri e Mameha distruggono interamente la reputazione di Hatsumomo, che è espulsa dall’okiya.

Comunque, il desiderio di Sayuri di stare con il Presidente non la libera veramente per seguire il suo destino finché lei non si mette in una posizione indesiderabile, che la allontana per molto tempo dal Presidente. In seguito, il Presidente chiede di Sayuri e la incontra nel giardino ornamentale di una casa da tè per diventare suo danna. Infine il Presidente la libera dall’okiya per diventare sua amante, lei si trasferisce a New York e apre, divenedone proprietaria, un’elegante casa da tè per uomini d’affari giapponesi cosicché lui possa salvare la reputazione in Giappone quando sua figlia sposi un uomo destinato ad essere il suo erede.

Controversia [modifica]

Dopo che il romanzo fu pubblicato, Arthur Golden fu denunciato dalla geisha Mineko Iwasaki con la quale lavorava, per diffamazione e violazione di contratto. Secondo la querelante, l’accordo prevedeva che Golden avrebbe dovuto mantenere l’anonimato totale su Mineko Iwasaki; invece, il suo nome ed il suo contributo sono chiaramente citati nei ringraziamenti a fondo libro. Tale condizione contrattuale era dovuta all’esistenza di un tacito accordo nella comunità delle geishe sulla riservatezza e la sua violazione è considerata un’offesa seria. Oltretutto, Iwasaki afferma che il romanzo di Golden ritraeva le geishe come prostitute d’élite. Ad esempio, nel romanzo la verginità di Sayuri viene svenduta al miglior offerente, un concetto che ha particolarmente offeso Iwasaki. Lei affermò che non solo questo non le era mai successo, ma che non esisteva assolutamente una tale pratica a Gion. Basando il suo personaggio, Sayuri, su Iwasaki e implicando che lei stessa era una prostituta, Iwasaki afferma che Golden ha violato il suo accordo e causato grande disonore ed onta a lei ed al mondo delle geishe. Dopo che il suo nome fu stampato sul libro, Iwasaki ha ricevuto numerose minacce di morte e richieste di censura per aver disonorato la sua professione. Nel 2003, Iwasaki e Golden sono giunti ad un accordo extragiudiziale per una somma non svelata di denaro.

Nel 1918 per i tipi della casa editrice L’Estremo Oriente – Brescia, uscì in italiano un libro tradotto da B. Balbi con lo stesso titolo "Le memorie di una geisha – ‘Fuku-Ko’", di T. Myû.

Previous articleYouTube fa tendenza ma non è come Re Mida
Next articleIL CAMBIAMENTO NON E’ FOLCLORE