Home Argomenti Opinioni Interviste Inchieste Roberto Saviano: l’accordo con la Tunisia sulla gestione delle rotte migratorie

Roberto Saviano: l’accordo con la Tunisia sulla gestione delle rotte migratorie

129
0

Roberto Saviano
La notizia è che è stato siglato l’accordo con la Tunisia sulla gestione delle rotte migratorie ma nessuno, a parte i firmatari, ne conosce il contenuto. I signori ritratti in questa foto, attraverso l’ennesimo accordo stipulato con un paese non democratico, stanno destinando i migranti in transito in Tunisia a tortura e morte. Non solo, come accaduto per la Libia e la Turchia, non sapremo mai i soldi messi a disposizione dall’Unione europea che fine faranno, come verranno spesi, che percorso avranno. Diamo soldi a fondo perduto senza sapere quale sarà il loro utilizzo: vi sembra normale? «In Tunisia i cittadini dell’Africa subsahariana sono in serio pericolo di violenza e trattati quasi come schiavi», queste le parole di un operatore della ong Sos Humanity: «A bordo abbiamo raccolto testimonianze di persone che in Tunisia hanno subito violenze per le strade che non hanno avuto al possibilità di entrare nei negozi o di salire su un autobus per via del colore della pelle». I migranti vengono deportati dai militari tunisini ai confini con la Libia e l’Algeria, lasciati nel deserto a morire senza cibo né acqua: è a questo paese che stiamo chiedendo di fermare le partenze, è questo il paese che ci rallegriamo di finanziare. Non mi sembra ci sia nulla di cui gioire. L’Europa paga, come ha fatto con la Turchia e la Libia, senza preoccuparsi, se non a parole, dei rispetto dei diritti fondamentali degli esseri umani. Se tutto questo vi sta bene, fate pure come se io non avessi scritto nulla. Se invece quel che accade vi lascia sgomenti, sappiate che avviene anche con la vostra legittimazione. Meloni è convinta di aver avuto carta bianca… è convinta che avendo vinto le elezioni possa usare ogni mezzo per raggiungere i suoi fini e le promesse fatte in campagna elettorale, tra queste: zero partenze e zero sbarchi. Ma non esiste un modo che sia umano per fermare le partenze e gli arrivi. Per impedire che le persone partano dall’Africa, le devi fisicamente rinchiudere e questo è illegale. Fermare esseri umani si può, ma violando sistematicamente i loro diritti, che sono diritti inalienabili.