Home Dossier Federazione Russa Strage alla parata dei soldati russi, si suicida «Murz» Morozov, il blogger...

Strage alla parata dei soldati russi, si suicida «Murz» Morozov, il blogger nel mirino di Mosca

45
0
Andryi Morozov
Andryi Morozov

Lorenzo Cremonesi

Andryi «Murz» Morozov, si sarebbe tolto la vita ieri mattina a seguito delle minacce degli agenti di Mosca per un post in cui affermava che la Russia avrebbe perso oltre 16.000 soldati nella sola battaglia per Avdiivka

DAL NOSTRO INVIATO
DAL FRONTE DI AVDIIVKA — 
La guerra non è solo tra eserciti sul campo, ma anche una sfida tra propagande avversarie. Mentre i blogger russi insistono sul massacro di soldati nemici, che si sarebbe consumato al momento della caduta della roccaforte di Avdiivka tra giovedì e sabato scorsi, ieri da parte ucraina sono state diffuse le immagini crude di una sessantina di militari russi uccisi sembra dal lancio di due missili Himars nei pressi del villaggio di Trudivske, nel Donbass. Pare fossero stati disposti in riga per salutare l’arrivo del generale Oleg Moiseev, comandante della 29esima Armata del distretto orientale. Anche la Bbc ha pubblicato una decina di foto del massacro.

Il New York Times ha intanto ripreso la notizia per cui nelle fasi finali della battaglia di Avdiivka gli ucraini avrebbero perso tra gli 850 e 1.000 uomini tra morti e dispersi. Un numero tanto alto di vittime è però smentito da Kiev e non si trovano prove nei video, neppure tra quelli girati dai soldati russi, che in un caso come questo verrebbero diffuse subito in rete. «Confermo che nei giorni concitati della resa c’è stata una grande confusione tra i nostri ranghi. Mancavamo di munizioni. Per ogni nostra cannonata da 155 millimetri i russi ne sparavano una ventina. Era dallo scorso ottobre che la situazione stava diventando sempre più difficile. Conosco il caso di 16 nostri uomini che nelle ultime ore avrebbero dovuto evacuare con i cingolati, però nessuno è andato a prenderli, sono stati costretti a uscire a piedi», ci ha raccontato ieri nelle vicinanze delle nuove linee difensive di fronte ad Avdiivka il tenente maggiore 31enne Igor, della 110^ Brigata di fanteria meccanizzata.

Le vittime della sfida tra propagande avversarie si trovano anche nelle retrovie. Il portale Ukrainska Pravda segnala il suicidio del blogger russo Andryi «Murz» Morozov, che si sarebbe tolto la vita ieri mattina a seguito delle minacce degli agenti di Mosca per un post sulla guerra che aveva pubblicato su Telegram, in cui affermava che la Russia avrebbe perso oltre 16.000 soldati nella sola battaglia per Avdiivka. Prima di uccidersi, Morozov aveva scritto in rete un lungo messaggio in cui parlava delle minacce subite dal noto presentatore televisivo Vladimir Solovyov. «Le prostitute di Solovyov sono pronte a premere il grilletto. Bene, allora farò tutto da solo», annotava. Secondo la testata online Meduza, legata all’opposizione russa all’estero, il blogger si sarebbe suicidato nel Lugansk, l’autoproclamata repubblica indipendente dell’Ucraina orientale.

Nella confusione della sfida per la narrativa della crisi s’inserisce anche l’allarme diffuso dalla Cia negli ultimi giorni, per cui Mosca starebbe per lanciare in orbita una bomba atomica mirata eventualmente a colpire i satelliti occidentali. A Washington emerge adesso l’ipotesi che i russi possano invece tirare una finta bomba per confondere i nemici. Putin due giorni fa ha ribadito di essere contrario a portare la guerra nucleare nello spazio. 22 febbraio 2024
Fonte Link: corriere.it