Home Dossier Coronavirus Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma: ripresa di lezioni pratiche in presenza, esami...

Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma: ripresa di lezioni pratiche in presenza, esami e accesso allo studio per tutti gli anni di corso

269
0
sit-in davanti al Conservatorio Arrigo Boito

ripresa di lezioni pratiche in presenza, esami e accesso allo studio per tutti gli anni di corso

sit-in davanti al Conservatorio Arrigo Boito

Dopo il sit-in del 9 novembre [LINK] il Conservatorio “Arrigo Boito” comunica la ripresa di lezioni pratiche in presenza, esami e accesso allo studio per tutti gli anni di corso.

Lezioni pratiche in presenza, esami e accesso allo studio nel Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma possono riprendere, dopo soli 3 giorni di parziale sospensione, nel rispetto delle norme di sicurezza. Come preannunciato in una comunicazione inviata dalla direzione a docenti,  studenti e personale (datata 8 novembre), lunedì 9 novembre alle 18.00, su iniziativa del Conservatorio di Parma, è stato infatti convocato in urgenza il Comitato Universitario Regionale, che secondo il DPCM del 3-11-2020 ha titolo a dare un parere in merito alle attività nel comparto universitario e AFAM, in questa fase emergenziale. Nel corso della riunione, cui hanno partecipato tutti i conservatori e le accademie dell’Emilia Romagna e l’ISIA di Faenza, il Comitato ha accolto all’unanimità la proposta del Conservatorio di Parma di estendere a tutti gli anni di corso la possibilità di svolgere in presenza le attività formative e curriculari consentite (senza quindi limitarla al primo anno). In attesa del parere ministeriale richiesto dalla Conferenza dei Direttori dei Conservatori Italiani, tale soluzione positiva chiarifica le possibili attività per tutti gli istituti AFAM dell’Emilia-Romagna, e consente di poter svolgere il proprio lavoro e il proprio studio con serenità, equilibrio e rispetto di tutti.

Previous articleRomanini e Ceni “accordatevi” urgentemente con gli studenti dell’Arrigo Boito
Next article“Così portiamo l’ospedale dal paziente”: a Parma le unità mobili fanno argine al virus sul territorio