Home Città Roma Capitale WAC (Web Activists Community): C O N V E G N O...

WAC (Web Activists Community): C O N V E G N O – A S S E M B L E A a Roma il 19 aprile ore11:00 Palazzo Falletti

302
0

A tutti i Soci , a coloro i quali hanno partecipato alle riunioni preliminari

della sua Costituzione e a coloro i quali sono interessati ad associarsi .

I N V I T O  AL  C O N V E G N O – A S S E M B L E A

Mercoledì¬ 19 aprile, a Palazzo Falletti – via Panisperna 207, Roma (h. 11:00) 

La situazione generale del Libero Pensiero e della Libera Espressione nel web

sta andando incontro a stagioni molto difficili. L’episodio dell’interruzione

della “monetizzazione” da parte di Google – Ad Sense nei confronti di centinaia

di web attivisti, l’adozione degli algoritmi “selezionatori” da parte di

Facebook, il DDL Gambaro e il Truth Act dell’On. Boldrini, sono solo le punte

Visibili di un iceberg contro il quale gli utenti di internet potrebbero

scontarsi a breve.

L’alleanza tra i Boss della Rete e le Autorità nazionali e internazionali sta Muovendo le truppe occulte di una guerra silenziosa i cui obiettivi sono chiari: la riduzione drastica, se non l’eliminazione, del dissenso non conformista che si esprime nel web. Nel magico triangolo costituito da Contenuti, Accesso alla rete e Modello di business, anche se si riuscirà  a salvaguardare i

Contenuti, in quanto il Potere Globale è costretto a difendere formalmente la Libera Espressione … anche se si riuscirà a salvaguardare l’accesso alla Rete, in quanto difeso dalla Net neutrality sostenuta dagli interessi delle Società telefoniche ( fin quando si paga il transito si ha visibilità) … ciò che è drammaticamente in discussione è il Modello di Business, cioè l’accesso alle

risorse indispensabili alla sopravvivenza dei singoli e all’economia della Comunità.

I rivoli monetari “classici” che alimentavano il web: denaro pubblico, pubblicità  e sponsorizzazioni, si stanno prosciugando o sono sotto il controllo

ferreo di soggetti che vogliono sopprimere i web attivisti antagonisti dei media

mainstream.
I rivoli : donazioni, sottoscrizioni e crowdfunding, ai quali ci si

sta recentemente rivolgendo quali fonti di risorse dirette, non bastano e non

basteranno. A loro attingono da sempre macro organizzazioni travestite da

“organizzazioni umanitarie e ambientali”, a loro attingono i grandi siti di

petizione online, a loro oggi si rivolgono una quantità  sempre più numerosa di

soggetti.

Le fonti classiche non basteranno a generare un’economia tale da sostenere la

libera espressione e il lavoro in Rete di centinaia di migliaia di attivisti. A

favore della strenua difesa, anche legale, della libera manifestazione in Rete e

della libertà  di ognuno di mantenere la propria linea editoriale , il 31.1.2016

si è costituita la WAC – Web Activists Community e ha formalmente celebrato il

proprio rito di riconoscimento sul grigio altare della Agenzia delle Entrate. Da

qualche settimana dunque la WAC esiste al fine di assumere una rappresentanza,

la più vasta possibile, della moltitudine di soggetti attivi in Rete e al fine

di fornire un Marchio Ombrello per affrontare le battaglie collettive e condivise della democrazia digitale e contemporanea.
NO al referendum della J.P.Morgan;
NO al Fondo Salva Stati;
No al DDL Gambaro,
sono alcune delle battaglie che già  hanno visto attivi gli aderenti alla Wac . Si all’Attuazione

della Costituzione,
No alle scorribande della finanza speculativa;
No alle liberalizzazioni selvagge, sono le prossime battaglie in agenda.

Al di là e in armonia con il suo impegno civile e politico la WAC si propone

anche di sostenere i propri soci nella ricerca delle fonti di sostentamento.
Al riguardo stiamo verificando come poter accedere, sia a favore dei singoli che

dell’Associazione, a nuove risorse che il web sta offrendo. Tra queste:
la realizzazione di forme di e-commerce finalizzate al consumo equo e sostenibile,

grazie all’alleanza con soggetti off Amazon, off eBay e la difesa dei leciti

diritti d’autore. “Sopravvivere economicamente e dignitosamente” è una delle

parole d’ordine della WAC.

Vediamoci a Roma il 19 aprile (h.11:00) in via Panisperna 207 nella sala di

Palazzo Falletti. Interverranno bloggers famosi, politici, giuristi, economisti, accademici e giornalisti.

Glauco Benigni – Presidente di WAC .

DOCUMENTO PDF STATUTO 

Contacts : [email protected]

per saperne di più

https://www.facebook.com/WAC-Web-Activist-Community-409529822714370/

Previous articleBatterio killer nella torta ricotta e pera: prodotta nel salernitano
Next articleAlimentazione Chetogenica: Prof. Antonio Paoli