Home Sokrates Dante Alighieri Gli Ipocriti

Gli Ipocriti

91
0
Link

INFERNO canto XXIII, sesta bolgia:

“Taciti, soli, sanza compagnia
n’andavan l’un dinanzi e l’altro dopo,
come frati minor vanno per via.
 
 
“Là giù trovammo una gente dipinta
che giva intorno assai con lenti passi,
piangendo e nel sembiante stanca e vinta.
Elli avean cappe con cappucci bassi
dinanzi a li occhi, fatte de la taglia
che in Clugnì per li monaci fassi.
Di fuor dorate son, sì ch’elli abbaglia;
ma dentro tutte piombo, e gravi tanto,
che Federico la mettea di paglia.
Oh in etterno faticoso manto!
Noi ci volgemmo ancor pur a man manca
con loro insieme, intenti al tristo pianto;”

La Toscanini