Home Argomenti Opinioni Interviste Inchieste “IO BARITONO CONTRO LA CASTA DELLA LIRICA”

“IO BARITONO CONTRO LA CASTA DELLA LIRICA”

120
2
Link

Barbara Millucci

(corriere.it) La lirica in Italia è gestita da 3 agenzie. Che senso ha definire oggi un’audizione pubblica, se il mercato del lavoro è in mano per l’80% a privati?”. Pierluigi Dilengite, 40 anni, baritono, ha studiato con Luciano Pavarotti ed è una delle voci più promettenti del panorama operistico italiano.

Ha ricoperto importanti ruoli come Germont (Traviata), Jago (Otello), e Scarpia (Tosca), lavorando con celebri direttori d’orchestra e famosi registi in tutto il mondo. “Non solo, la maggior parte dei cantanti che passano un’audizione, provengono dalle agenzie, una cosa sicuramente scorretta visto che l’ente lirico pubblico deve fare audizioni pubbliche e distribuire il lavoro in modo equo”. Le 3 agenzie sono: www.stagedoor.it, www.ateliermusicale.com/ e www.operaart.it.

Hanno in mano il monopolio dei 13 enti lirici italiani e degli oltre 30 teatri di tradizione, che stanno lentamente morendo. Decidono loro i destini degli artisti, ma anche i cartelloni in base alla disponibilità dei cantanti che rappresentano”.

LA SCALA DI MILANO PARLA STRANIERO

La Scala, il teatro italiano più popolare al mondo, è invece gestito da stranieri e nell’ultima esibizione del Don Giovanni c’erano solo 2 cantanti italiani. In Australia, come anche da altre parti ne mondo, c’è l’obbligo di far lavorare i locali. Perché non si fa una legge in tal senso?”

INDENNITA’

Dilengite ha un cachet di 7/8 mila euro a sera, ed il suo agente guadagna sul suo lordo il 10% al giorno. C’è poi la diaria. Come l’ «indennità umidità» per gli spettacoli all’aperto per i concertisti, l’«indennità armi finte» per le scene che prevedono l’impiego di spade, l”indennità di lingua”, quando nel testo c’è una sola parola straniera, e l’ «indennità di cornetta» , che percepiscono solo i suonatori di questo curioso strumento.

Ma la particolarità del melodramma italiano è che “mentre in Francia, oltre alla disoccupazione, vengono retribuite anche le prove, qui da noi il cachet include il lavoro di un mese intero. E se ti ammali e non debutti, non percepisci neanche un euro. Molti teatri poi, accreditano i compensi anche dopo due anni”. 

BILANCI DELL’OPERA

In Germania, un direttore artistico se fa un buco di bilancio risponde civilmente e penalmente del danno arrecato allo stato e viene cacciato. Qui da noi, al massimo si viene spostati in altre istituzioni oppure nominati dalla politica. Il vice presidente dell’Opera di Roma è Bruno Vespa”.

I nostri 13 enti lirici impiegano oltre 600 dipendenti. Solo la Scala di Milano, nel 2010 aveva 915 lavoratori, al costo di 68 mln di euro, mentre l’Opera di Roma ben 742 dipendenti, per un valore di 43 mln. “Ho appena cantato in Corea, un teatro gestito solo da 10 persone e con 3 mila posti esauriti tutte le sere. Ci sarà o no qualcosa da rivedere qui da noi o dobbiamo continuare a cantarlo in versi?

[email protected]