Home Skenet Fondazione Arturo Toscanini Filarmonica e Orer Concerto al Teatro Regio di Parma con la Filarmonica Toscanini diretta da...

Concerto al Teatro Regio di Parma con la Filarmonica Toscanini diretta da Enrico Onofri Domenica 18 febbraio 2024 ore 20.30

129
0
Enrico Onofri
PIANISTA MARIE-ANGE NGUCI.

L’INTENSO CONCERTO DI MOZART K.466 PER SCOPRIRE IL TALENTO DELLA GIOVANE PIANISTA MARIE-ANGE NGUCI.

Domenica 18 febbraio, ore 20.30, al Teatro Regio di Parma per la Stagione dei Concerti de La Toscanini- con la Filarmonica Toscanini diretta da Enrico Onofri anche la prima assoluta di Ricercare per orchestra l’archi della compositrice in residence Daniela Terranova e la Sinfonia n.4 di Beethoven

Numerosi ed eccezionali sono i traguardi che la giovane pianista franco-albanese Marie-Ange Nguci, artista in residence a La Toscanini, ha raggiunto a soli ventiquattro anni. Entrata a tredici anni nella classe di Nicholas Angelich al Conservatorio di Parigi, ha completato il corso superiore di pianoforte in tre anni, aggiungendovi le specializzazioni in Analisi Musicale, Musicologia, Pedagogia, lo studio del violoncello, dell’organo e dell’Onde Martenot, aggiungendo un Dottorato a New York e un anno di direzione d’Orchestra all’Università di Vienna. 

La Nguci sarà protagonista domenica 18 febbraio, ore 20.30, al Teatro Regio di Parma per la Stagione dei Concerti de La Toscanini dove con la Filarmonica Arturo Toscanini guidata dal suo direttore principale Enrico Onofri eseguirà il Concerto n.20 in re minore K.466, tra le composizioni più amate di Mozart. E i motivi sono diversi: in primis l’oggettiva bellezza di una partitura in cui viene utilizzata, per la prima volta in questo genere, la tonalità minore: questo le conferisce un’intensità senza pari e quel drammatico patetismo tanto apprezzato dai Romantici al punto tale da considerare il Salisburghese un loro precursore.

Il Concerto segue la prima assoluta di Ricercare per orchestra l’archi della compositrice in residence Daniela Terranova che così descrive la sua opera “un’esplorazione contrappuntistica di natura timbrica, dove gli strumenti sono utilizzati in modo estensivo, con particolare attenzione alle dinamiche, all’iridescenza dei suoni armonici e al movimento costante dell’arco, che agisce come un filtro del suono, arricchendo l’esperienza uditiva con sfumature e dettagli sottili. “

A seguire Enrico Onofri si avvia a completare il ciclo delle sinfonie di Beethoven con l’esecuzione della Quarta composta nel 1806 per il conte Franz von Oppersdorff. Una sinfonia corta, “leggera” – presenta la più piccola orchestra utilizzata da Beethoven – che Schumann definisce “una snella fanciulla greca tra due enormi giganti nordici.” Cresciuta all’ombra di due sorelle molto audaci: la Terza, opera epica e sperimentale che infrangeva ogni regola, spingendo gli esecutori al limite della suonabilità e la Quinta dove per la prima volta l’autore parla di sé, questa sembra tornare nei ranghi, guardando apparentemente al passato al suo mentore Joseph Haydn. Particolarità della Sinfonia, oltre al finale sbarazzino e ottimista, è il secondo movimento Adagio le cui graziose melodie e un sostenuto lirismo, ne mettono in luce manifesta il carattere intimo, sognante ed altamente espressivo.

Al termine della prima parte del concerto, sarà conferito il Premio “Casappa Women” a Mihaela Costea, primo violino della Filarmonica Arturo Toscanini con lo scopo di valorizzare il talento e il lavoro delle donne nel settore della musica. Il premio di duemila euro sarà devoluto dal Gruppo Casappa al Centro Antiviolenza di Parma.

La 48a Stagione di Concerti si svolge grazie al contributo di: Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Fondazione Cariparma, Fondazione Monteparma, Comune e Provincia di Parma e i Comuni soci di Busseto, Castelfranco Emilia, Modena, Sassuolo, Unione Pedemontana Parmense e la Fondazione Teatro Rossini di Lugo. Sono Sostenitori e Sponsor: Barilla, Cepim, Hera.comm, Chiesi, Parmalat, F.lli Galloni, Opem, Dallara, Bonatti, La Giovane, Credit Agricole Italia, Macchine Soncini Alberto, LSI Lamiere, Assicoop Emilia Nord-UnipolSai; Casappa SpA.

La Biglietteria della Fondazione è aperta presso il CPM Arturo Toscanini, all’interno del Parco della Musica, Viale Barilla 27/A, Parma dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13, il giovedì e venerdì dalle 15 alle 18. Per informazioni è possibile telefonare allo 0521/391339, scrivere all’indirizzo biglietteria@latoscanini.it.

La vendita online è attiva sul sito www.biglietterialatoscanini.it. Il botteghino del Teatro Regio apre la sera stessa del concerto alle 19.00.