Home Dossier ESTERI La Arturo Toscanini vola ad Algeri

La Arturo Toscanini vola ad Algeri

78
0
Filarmonica Arturo Toscanini ad Algeri
Filarmonica Arturo Toscanini ad Algeri

La Toscanini vola ad Algeri
La Filarmonica Toscanini, su invito dell’Istituto Italiano di Cultura di Algeri, in un momento di particolare rilevanza nell’ambito degli accordi bilaterali tra i due Paesi sull’energia, rappresenterà l’Italia al Festival Culturale Internazionale di Musica Sinfonica

Alberto Triola a sinistra ad Algeri

Con un programma interamente dedicato all’Opera italiana, il 18 ottobre pv la Filarmonica Arturo Toscanini – con il suo Direttore Principale Enrico Onofri – dedicherà un omaggio all’Italia e ad alcuni tra i suoi massimi compositori, esibendosi davanti al Pubblico del Festival Culturale Internazionale di Musica Sinfonica di Algeri all’ Opéra d’Alger Boualem-Bessaih.

«Una grande soddisfazione per La Toscanini e per la Regione Emilia-Romagna l’invito a rappresentare l’Italia, in un momento di particolare rilevanza nell’ambito degli accordi bilaterali tra i due Paesi sull’energiaha dichiarato l’Assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione, Mauro Felicori. Sono molto felice che la proposta della nostra orchestra abbia una solida reputazione internazionale, che mettiamo al servizio della musica italiana e dell’immagine del nostro paese. È molto importante consolidare, stabilizzare e fare crescere le relazioni con i paesi dell’Africa settentrionale e sono fiero che la nostra Regione sia leader in questi sviluppi».

«Per la Filarmonica Toscanini– spiega Alberto Triola, Sovrintendente e Direttore Artistico de La Toscanini – essere presenti nel cartellone del XII Festival di Musica Sinfonica di Algeri come unica orchestra a rappresentare l’Italia è motivo di grande orgoglio, anche alla luce del fatto che l’invito ci è stato rivolto dall’Istituto Italiano di Cultura di Algeri, che rappresenta al più alto livello la cultura italiana in quel Paese. Il concerto corona un anno straordinariamente positivo nei rapporti bilaterali tra Italia e Algeria che si è concretizzato anche in un accordo per le forniture energetiche, risultato di particolare importanza in questo momento. Il fatto che la nostra Filarmonica, sotto il nome di Arturo Toscanini, la città di Parma, la Regione Emilia-Romagna, rappresentino l’Italia e la sua cultura musicale in quel contesto internazionale è una ragione di grande soddisfazione».

Il concerto ad Algeri rappresenta per la Filarmonica Toscanini la prima esibizione all’estero dopo il blocco imposto dalla pandemia Covid-19, che nel 2020 ha visto la cancellazione di una lunga tournée in Giappone e Corea del Sud.

Il programma

Il programma sarà interamente dedicato all’opera italiana, patrimonio inestimabile e simbolo della cultura italiana nel mondo, tanto da essere scelto dalla Commissione Unesco per rappresentare l’Italia al comitato intergovernativo 2023.

Due Sinfonie da altrettante celeberrime opere buffe di Gioachino RossiniLa Cenerentola (1817) e Il barbiere di Siviglia (1816), incorniceranno l’omaggio alla Traviata di Giuseppe Verdi – capolavoro tra i più amati del genio di Busseto e riferimento assoluto nella carriera del Maestro Toscanini – di cui si ascolteranno il Preludio al Primo Atto e una selezione dei temi più celebri impaginati nelle “Variazioni” per violino solista e archi di Marc-Olivier Dupin – interpretate da Mihaela Costea, primo violino della Filarmonica -, tributo al grande virtuosismo violinistico e al parmigiano d’adozione, oltre che grande ambasciatore della cultura italiana, Niccolò Paganini.

Il programma sarà infine completato da due preziose pagine di più raro ascolto: la Sonata a quattro n. 1 per archi, precoce manifestazione del genio di un Rossini appena dodicenne, e l’Ouverture da “Medea” di Luigi Cherubini (1797), titolo che ha goduto di una straordinaria fortuna nel Novecento.

Il Festival Culturale Internazionale di Musica Sinfonica è un evento annuale istituzionale organizzato dal Ministero della Cultura e delle Arti di Algeri. Il suo scopo è rendere la capitale, Algeri, uno spazio di promozione per la musica sinfonica a livello nazionale ed internazionale.

L’evento, che si svolgerà dal 15 al 20 ottobre, ospiterà 14 nazioni – tra le quali Germania, Francia, Danimarca, Giappone, Africa del Sud, Siria e Sudan, per citarne alcune – ciascuna delle quali sarà rappresentata da un’orchestra o da un ensemble da camera. 

La presenza ad Algeri della Filarmonica Arturo Toscanini non si esaurirà con il concerto. La mattina del 18 ottobre, il primo oboe dell’orchestra, Gian Piero Fortini, terrà infatti una masterclass presso l’Institut National Supérieur de Musique (INSM) alla presenza di studenti INSM e quelli degli istituti di formazione musicale regionali.

Si ricordano i sostenitori de La Toscanini: Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Provincia di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monteparma.

 

La Filarmonica Toscanini

La Filarmonica Arturo Toscanini nasce a Parma nel 2002 come prosecuzione della storica Orchestra dell’Emilia-Romagna Arturo Toscanini. Oggi è considerata tra le più importanti orchestre sinfoniche italiane. Tra i grandi direttori che l’hanno guidata: Gianandrea Gavazzeni, Vladimir Delman, Kurt Masur, Lorin Maazel, Georges Prêtre, Zubin Mehta, Jurij Temirkanov, Vladimir Jurowski, James Conlon, Michele Mariotti, Riccardo Frizza, Omer Meir Wellber, Alpesh Chahuan e Fabio Luisi. Numerose sono le collaborazioni con importanti solisti, tra cui: Misha Maisky, Ivo Pogorelich, Jean-Yves Thibaudet, Maxim Vengerov, Krystian Zimerman, Viktoria Mullova, Gil Shaham, Vadym Kholodenko, Pablo Ferrandez, Simone Rubino, Carmela Remigio, Marianna Pizzolato, Matthew Polenzani.

Dal 2020 Enrico Onofri è il Direttore Principale. La sua nomina si inserisce nel percorso di approfondimento della prassi esecutiva e del repertorio sia classico che preclassico anche grazie all’ospitalità di prestigiosi specialisti quali Federico Maria Sardelli, Rinaldo Alessandrini, Ton Koopman, Fabio Biondi, Christophe Rousset.

Dalla Stagione 2021/2022 Kristjan Järvi è il Direttore Ospite Principale. Onofri e Järvi sono figure fondamentali per il percorso di affinamento tecnico e stilistico dell’orchestra insieme al maestro Omer Meir Wellber, Direttore Musicale del Festival Toscanini.

La Filarmonica è acclamata da pubblico e critica nelle maggiori sale da concerto di tutto il mondo in città quali Washington, New York, Madrid, Gerusalemme, Tokyo, Pechino e molte altre.

Ha sede nel Centro di Produzione Musicale Arturo Toscanini e si esibisce, principalmente, nell’Auditorium Paganini progettato da Renzo Piano. Dal 2012 la Filarmonica Toscanini è partner del Festival Verdi di Parma, un sodalizio artistico nel nome di due prestigiosi musicisti parmigiani, Verdi e Toscanini.

L’Istituto italiano di Cultura ad Algeri

L’Istituto Italiano di Cultura di Algeri è un ente ufficiale dello Stato italiano che dipende direttamente dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. La missione istituzionale dell’Istituto è quella di promuovere, sostenere e sviluppare relazioni di scambio e cooperazione in ambito culturale, scientifico e tecnologico tra l’Algeria e l’Italia. L’Istituto organizza, sempre in collaborazione con le più importanti   istituzioni culturali algerine, eventi culturali di ogni genere durante tutto l’anno. In particolare, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l’Ambasciata d’Italia in Algeria, organizza i seguenti eventi: Giornata del design italiano nel mondo (marzo), Giornata della ricerca italiana nel mondo (aprile), Fare Cinema (maggio-giugno), Festa della Musica (2 giugno), Giornata dell’arte contemporanea (ottobre), Settimana della lingua italiana nel mondo (ottobre), Settimana della cucina italiana nel mondo (novembre).

Previous articleLa Toscanini: Community Music – La Musica per Tutti
Next articleIran, Corea del nord, Siria: Mosca finanzia regimi sponsor del terrorismo