Home Skenet Fondazione Arturo Toscanini Filarmonica e Orer La Toscanini Concertosa. Il Fantaregno della Musica alla Casa della Musica di...

La Toscanini Concertosa. Il Fantaregno della Musica alla Casa della Musica di Parma

76
0

Musica e Accessibilità intorno a “Concertosa”

Con il concerto-spettacolo ad alta accessibilità per bambini, adulti e famiglie sull’omonimo libro e una tavola rotonda sul tema Musica e Accessibilità, realizzati con il sostegno di Fondazione Unipolis e del Comune di Parma, La Toscanini prosegue nella ricerca su inclusione e integrazione sociale che distingue il programma “Community Music”


Nuovo appuntamento, sabato 19 novembre alle 17.00 per i progetti di Community Music de La Toscanini.

La Casa della Musica di Parma ospiterà il concerto-spettacolo Concertosa. Il Fantaregno della Musica, nato dall’omonimo progetto editoriale, il primo libro multimediale ad alta accessibilità de La Toscanini, pubblicato da Edizioni Musicali Curci e distribuito a livello nazionale in tutte le librerie.

Lo spettacolo rappresenterà la prima parte di un percorso di ricerca e approfondimento su inclusione e integrazione sociale in ambito concertistico e performativo, realizzato con il prezioso sostegno di Fondazione Unipolis e il contributo del Comune di Parma, che comprenderà anche una tavola rotonda sul tema “Musica e accessibilità” in programma il 3 dicembre, sempre alla Casa della Musica, i cui risultati saranno riassunti in una pubblicazione scientifica.

«La riflessione su Musica e Accessibilità è da sempre al centro del programma “Community Music” de La Toscanini e ha caratterizzato fin dalla loro fase progettuale il libro e il concerto-spettacolo “Concertosa”. – ha spiegato Alberto Triola, Sovrintendente e Direttore Artistico de La Toscanini Oggi quella riflessione si amplia in un vero e proprio approfondimento scientifico grazie ai contributi di alcuni tra i più autorevoli esperti a livello nazionale, i cui risultati saranno alla base dei nuovi progetti inclusivi de La Toscanini e contribuiranno all’avanzamento della ricerca italiana in questo ambito così importante per la fragile società di oggi».

«Per Fondazione Unipolis – ha dichiarato Maria Luisa Parmigiani, Direttrice della Fondazione Unipolis – la cultura è la quarta gamba della sostenibilità, abilitatore prezioso per lo sviluppo sostenibile. Per questo è importante promuoverla e renderla accessibile ai più. Con questo obiettivo Unipolis ha scelto di supportare questa importante iniziativa della Toscanini, innovativa ed inclusiva».

Concertosa si rivolge a bambininella fascia di età compresa tra gli 8 e i 10 anni, ma forma e contenuti del progetto sono a tal punto variegati da essere adatti ad un pubblico ben più ampio.

La rappresentazione di sabato 19 novembre vedrà la partecipazione dell’attore Claudio Pellerito nei panni del giovane Arturo accompagnato da La Toscanini Next Ensemble, con Andrea Coruzzi – fisarmonica, Alessandro Salaroli – sax soprano, Luca Crusco – sax contralto, Ethan Bonini – sex tenore, Eoin Setti – sax baritono e Martino Mora – batteria.

Il testo di Sara Culzoni è stato commissionato da La Toscanini nel 2020 in occasione del centenario della nascita di Gianni Rodari, a cui il plot della fiaba si ispira liberamente mettendo al centro la forza e la funzione aggregativa della musica e del “modello Orchestra” per la condivisione consapevole del fare (musica) insieme.

Un’attenzione particolare sarà riservata a bambini e ragazzi con disabilità sensoriali di tipo visivo/auditivo e ai loro familiari o caregivers, cui il progetto si rivolge in prima istanza: musica e parole saranno accompagnati e tradotti grazie alle immagini originali di Cristina Portolano, che costituiranno una “partitura visiva” parallela all’esecuzione musicale, e alla partecipazione della LIS Performer Federica Moretti, possibile grazie alla collaborazione con ENS PARMA – Ente Nazionale Sordi e con il sostegno del Consiglio Regionale ENS Emilia-Romagna.

Ingresso libero e gratuito fino a esaurimento dei posti.

Previous articleIl Recovery Fund spiegato da Ezra Pound e Giacinto Auriti
Next articleIl nuovo isolamento di Navalny vieta le visite: la brutalità di Putin