Home Skenet Fondazione Arturo Toscanini Filarmonica e Orer Natale con La Toscanini

Natale con La Toscanini

302
0
Filarmonica e Coro diretti-da-Enrico-Onofri
Filarmonica e Coro diretti-da-Enrico-Onofri

Natale con La Toscanini

La Toscanini si prepara ad accogliere il pubblico delle feste con un triplice appuntamento e grandi protagonisti. Il concerto di Natale dedicato al “Messiah” di Händel, con la Filarmonica Toscanini diretta da Enrico Onofri, “Salotto Toscanini” con un programma dedicato al Settecento e un appuntamento speciale con “Xmas Playlist” e i grandi classici della musica sinfonica.

La Toscanini celebra il Natale in musica con l’oratorio per antonomasia: il Messiah di Georg Friedrich Händel, uno tra i capolavori più amati del genere per soli, coro e orchestra. Il Messiah sarà eseguito all’Auditorium Paganini di Parma il 7 dicembre – ore 20.30 sotto la guida del Direttore Principale della Filarmonica Arturo Toscanini, Enrico Onofri, tra i massimi esperti italiani del repertorio barocco.

Enrico Onofri direttore principale

«Il Messiah – commenta il Direttore Principale, Enrico Onofrinel raccontare la vita del Cristo, conduce l’ascoltatore in un viaggio attraverso dimensioni estreme, dalle sfere più intime alle celestiali e infine al grandioso: un’opera che ha lasciato un segno profondo, un filo pressoché ininterrotto tra gli splendori del Settecento e il nostro tempo».

I numeri solistici dell’oratorio saranno interpretati da quattro star del panorama concertistico internazionale: il soprano Sandrine Piau, il contralto Sara Mingardo, il tenore Levy Sekgapane (vincitore del Concorso “Operalia”) e il basso Luca Tittoto, abitualmente ospiti dei più importanti teatri del mondo.

 

Accanto alla Filarmonica, i cantori del Coro Universitario del Collegio Ghislieri – una tra le eccellenze in Italia per la musica antica e coro in residenza nella Stagione de La Toscanini – affronteranno le imponenti pagine corali (a partire dal celeberrimo “Halleluja”) preparati da Luca Colombo.

 

«Siamo molto felici di poter eseguire questo magnifico oratorio – racconta Luca Colombo -. In questa composizione Handel conferisce al coro un ruolo da assoluto protagonista affidandogli un numero importante di brani. L’esecuzione integrale dell’oratorio rappresenta una vera sfida per un coro: in queste pagine vengono sfruttate tutte le potenzialità espressive e tecniche che si possono trovare in una composizione corale; si alternano brani estremamente tecnici e rapidi con altri in cui è sovrana la teatralità dell’armonia e l’espressività delle voci, in una composizione complessivamente molto varia e ricca di soluzioni espressive».

 

«I primi due anni di residenza del Coro Universitario del Collegio Ghislieri alla Fondazione Toscanini – racconta Giulio Prandi, Direttore artistico del Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri – sono letteralmente volati. Non ci sono parole per descrivere l’entusiasmo dei nostri giovani cantori e per esprimere il grande valore formativo e umano di questo progetto. Una produzione dopo l’altra, l’esperienza accumulata porta nuove energie per andare avanti e alzare sempre più l’asticella; la stima e l’affetto che, nei lunghi giorni di prova, i cantori scorgono negli occhi dell’orchestra contribuisce ad alimentare la fiducia e la volontà di crescere. La Fondazione Ghislieri è profondamente grata per questa unica e straordinaria occasione formativa offerta dalla Toscanini; una sfida che raccogliamo con grande gioia e impegno costante».

 

quintetto d’archi della Filarmonica Ttoscanini, ph. Luca Pezzani

Il maestro Onofri, in veste di violinista e concertatore insieme al Quintetto d’archi della Filarmonica Toscanini (composto da Mihaela Costea, Viktoria Borissova – violini, Behrang Rassekhi – viola, Pietro Nappi, Vincenzo Fossanova – violoncelli, Antonio Mercurio – contrabbasso), sarà protagonista anche del concerto di “Salotto Toscanini”, il cartellone di musica da camera della Stagione di Concerti 2022/2023 de La Toscanini, in programma giovedì 15 dicembre – ore 20.30 nella Sala Gavazzeni del CPM “Arturo Toscanini”. (concerto rinviato per indisposizioni degli artisti).

Il programma, interamente settecentesco, includerà la Sinfonia in la maggiore JC62 di Giovanni Battista Sammartini, il Quintetto op. 39 in si bemolle maggiore di Luigi Boccherini, il Quartetto op. 64 n. 5 “L’Allodola” di Joseph Haydn e il Quintetto op. 30 n. 6 in do maggiore “Musica notturna delle strade di Madrid”, sempre di Boccherini.

«Il quartetto e il quintetto d’archi sono il seme da cui germina la perla dell’orchestra – aggiunge Enrico Onofri –. Un momento di raccoglimento “violino alla mano” con le prime parti de La Toscanini, racchiusi tra le madreperle della musica sublime e al contempo profondamente umana di Haydn e Boccherini».

Il “notturno in musica” troverà corrispondenza nel notturno newyorkese “The flatiron in New York” dipinto da Alfred East (1913, collezione privata), quadro che appartenne ad Arturo Toscanini e che sarà illustrato da Cristina Casero dell’Università degli Studi di Parma e da Giulia Bassi de La Toscanini in apertura di serata.

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.00  e giovedì 22 dicembre alle ore 18.00 – Sala Gavazzeni del Centro di Produzione Musicale “A. Toscanini” –  La Toscanini propone “XMAS Playlist, due concerti pomeridiani della durata di un’ora per ascoltare dal vivo una selezione di brani tratti dalle più celebri pagine sinfoniche di Mozart, Brahms, Rossini, Beethoven, Tchaikovsky, Finzi, nell’esecuzione della Filarmonica Arturo Toscanini diretta dal maestro Nicolò Jacopo Suppa e di alcuni professori della Filarmonica in qualità di solisti.

Gli appuntamenti saranno affiancati dai Nidi di Musica, per consentire ai grandi di assistere al concerto e ai piccoli (4-12 anni) di partecipare alle letture animate e alle divertenti attività di riciclo creativo sulle note de “Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij all’interno della Biblioteca di Arturo, la biblioteca musicale per l’infanzia de La Toscanini (a cura di Helene Taiocchi).

Ricordiamo che nei concerti serali in programma fio al 15 dicembre incluso, la presenza di una postazione FAI Parma per raccogliere le firme a sostegno di Villa Verdi. 

Un ringraziamento sentito è rivolto ai Sostenitori e Sponsor che accompagneranno La Toscanini nel corso della 47a Stagione di Concerti: Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Provincia di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monte Parma, Crédit Agricole Italia, Barilla Spa, CEPIM Interporto, Chiesi Farmaceutici, Parmalat Spa, F.lli Galloni, Opem Spa, Hera.comm, Dallara Spa, Bonatti Spa, LSI Spa, La Giovane.

I concerti di Salotto Toscanini sono sostenuti da Assicoop Emilia Nord – Gruppo Unipol.

Tour Operator Partner: Parma Incoming.

Media partner: Gazzetta di Parma

Partner tecnico: Paganini Congressi

Previous articleMattarella sull’evasione fiscale: «Tema centrale del Pnrr, non si cambierà»
Next articleDaniele Rustioni miglior direttore orchestra per Opera Awards