Home Città Cagliari Il profilo edulcorato di Mauro Meli secondo l’Unionesarda.it

Il profilo edulcorato di Mauro Meli secondo l’Unionesarda.it

531
0

E questa sarebbe la stampa intesa come servizio pubblico? con quale coraggio avete accesso alle provvidenze pubbliche per l’editoria? La verità su Milano è ben altra rispetto a quella da voi proposta. LB

Cagliari, al teatro Lirico torna l’ex sovrintendente Meli: è il nuovo direttore artistico

E’ uscito dalla porta ed è rientrato dalla finestra. Nonostante le smentite di alcuni giorni fa, Mauro Meli è il nuovo direttore artistico della Fondazione del Teatro lirico di Cagliari.
Lo ha indicato il Consiglio di indirizzo presieduto dall’ex magistrato Mario Scano su proposta del sovrintendente Claudio Orazi.

Cagliaritano, 61 anni, Meli è diplomato in chitarra classica al Conservatorio di Piacenza ed ha svolto il lavoro di insegnante e concertista sino al primo incarico in un’istituzione concertistica all’Auditorium Agnelli di Torino dove lavora come coordinatore generale.

Nell’89 approda a Ferrara come direttore artistico con funzioni di direttore generale e ci rimane sino al ’96 quando viene chiamato alla sovrintendenza del Lirico di Cagliari. Sono anni di rilancio del teatro che propone opere importanti e attira l’attenzione su di sé ma anche di spese consistenti che peseranno a lungo sui bilanci della Fondazione.

A fine 2003 il grande salto alla Scala dove prima fa il direttore artistico poi diventa sovrintendente, anche se solo per tre mesi.

Finita l’esperienza milanese, Meli trova un nuovo lavoro nel gennaio del 2007 quando viene nominato direttore generale e artistico del festival di Ravello. Poi approda al Regio di Parma prima di rientrare a Cagliari tra le polemiche e contro la volontà dell’ex presidente della Fondazione, il sindaco Massimo Zedda.

Nei giorni scorsi Orazi aveva seccamente smentito l’indiscrezione secondo la quale Meli, che aveva partecipato al bando per sovrintendente, sarebbe stato il nuovo direttore artistico.

Oggi, invece, la conferma.

Fonte Link: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2015/12/09/teatro_lirico_torna_l_ex_sovrintendente_meli_il_nuovo_direttore_a-68-450381.html

A Milano Mauro Meli fu cacciato, altro che finita l’esperienza, riporto la testimonianza di Sandro Malatesta:
 “sono stato io il rappresentante che disse a Meli che non lo riconoscevamo come sovrintendente e posso sempre essere testimone di quanto le scrivo. Le dico di più, fummo invitati negli uffici Fininvest da Fedele Confalonieri e come rappresentanti Orchestra gli dicemmo che per noi il Maestro Muti avrebbe potuto rimanere, l’importante era che Meli se ne doveva andare.Quando Muti lasciò Meli era pronto a rimanere ma le masse tutte fecero in modo che anche lui lasciasse. A distanza di anni, mi rimane ancora il dubbio se il Maestro Muti abbia mai saputo che non c’era verso di lui una pregiudiziale così forte da volerlo allontanare e se gli fosse stato detto che il ” macigno da togliere era proprio Meli”. Sempre pronto a testimoniare.

Avete mai letto quanto scrisse di Meli il giudice Renato Caccamo?

RENATO CACCAMO: LE MIE RICERCHE SU MAURO MELI SONO PROVE DOCUMENTATE