Home Dossier Festival Verdi 2015 Incontri dell’Istituto nazionale di studi verdiani al Festival Verdi 2015

Incontri dell’Istituto nazionale di studi verdiani al Festival Verdi 2015

67
0
Link

GLI INCONTRI DELL’ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI VERDIANI

Tre appuntamenti dedicati alla nuova edizione del carteggio Verdi-Boito, alle interpretazioni di Otello di Verdi, Rossini e Welles e a Rigoletto

Ridotto del Teatro Regio di Parma

martedì 6, martedì 27 ottobre 2015, ore 17.00, ingresso libero

Museo di Casa Barezzi, Busseto

giovedì 29 ottobre 2015, ore 17.30, ingresso libero

Con la presentazione della nuova edizione del Carteggio Verdi-Boito prendono il via, martedì 6 ottobre 2015 alle ore 17.00, al Ridotto del Teatro Regio di Parma con ingresso libero, gli incontri dell’Istituto nazionale di studi verdiani nell’ambito del Festival Verdi.

A presentare la raccolta, aggiornata e arricchita, delle lettere che Giuseppe Verdi e Arrigo Boito si scambiarono tra il 1879 e il 1900, a trentacinque anni dalla prima edizione, saranno il curatore Marcello Conati, con lo storico della musica Giuseppe Martini e Rosa Necchi, collaboratrice del Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società dell’Università di Parma. Lo scambio epistolare tocca, oltre agli aspetti personali dell’amicizia tra il Maestro e il poeta compositore, temi legati alla revisione di Simon Boccanegra e alla composizione di Otello eFalstaff.

 

Le tre maggiori interpretazioni moderne dell’Otello di Shakespeare appartengono a due forme d’arte popolare come l’opera e il cinema, sono cioè i capolavori di Rossini, Verdi e Orson Welles. Una conversazione per approfondire i modi con cui la vicenda shakespeariana di amore, odio, gelosia ha sollecitato tre grandi autori fra Otto e Novecento avrà luogo martedì 27 ottobre 2016, sempre alle ore 17.00 al Ridotto del Teatro Regio con ingresso libero, con la partecipazione di Marco Beghelli, Susanna Pasticci, Marco Maria Tosolini 

Perché Rigoletto è definito un capolavoro? Per rispondere è necessario compiere un viaggio nella storia del melodramma, nell’evoluzione del linguaggio vocale, orchestrale e formale di Giuseppe Verdi, ricordando il suo rapporto conflittuale con le consuetudini del diciannovesimo secolo. Sarà Dino Rizzo ad accompagnare il pubblico in questo viaggio presso il Museo di Casa Barezzi a Busseto giovedì 29 ottobre 2015, ore 17.30 con ingresso libero. 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Regio di Parma tel. 0521 203999 [email protected]it www.teatroregioparma.it 

Immagini disponibili su www.pinterest.com/regioparma 

Il Festival Verdi è realizzato grazie al contributo di Comune di Parma, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Main partner Cariparma Crédit Agricole. Major partnerFondazione Cariparma. Media partner Mediaset. In collaborazione con Comune di Busseto, con il sostegno di Reggio Parma Festival, Ascom Confcommercio Parma, Camera di Commercio di Parma, Fondazione Monte di Parma. Partner per gli eventi speciali Iren. Partner Barilla, Chiesi Farmaceutici, Opem, Dallara, Unione Parmense degli Industriali.Sponsor Parmalat, Mutti, Sicim, Buongiorno!, Antica Gelateria del Corso, S. Polo Lamiere, Morris, Carpenè Malvolti, Illa, Rolex e Camparini, Fidenza Village, Poliambulatorio Dalla Rosa Prati. Tour operator partner Parma incoming. Sponsor tecnici Carebo Auto Hub, IGP Decaux, Macrocoop, Milosped, Grafiche Step.

Il Teatro Regio di Parma ringrazia inoltre Luca Barilla e tutti gli imprenditori che hanno voluto personalmente sostenere il Festival Verdi 2015. 

GLI INCONTRI DELL’ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI VERDIANI 

Ridotto del Teatro Regio di Parma, ingresso libero 

martedì 6 ottobre 2015, ore 17.00

LA NUOVA EDIZIONE DEL CARTEGGIO VERDI-BOITO

Intervengono MARCELLO CONATI, GIUSEPPE MARTINI, ROSA NECCHI

 

martedì 27 ottobre 2015, ore 17.00

OTELLO: Gioachino Rossini, Giuseppe Verdi, OrsonWelles

Intervengono MARCO BEGHELLI, SUSANNA PASTICCI, MARCO MARIA TOSOLINI 

Museo di Casa Barezzi, Busseto, ingresso libero 

giovedì 29 ottobre 2015, ore 17.30

UN VIAGGIO IN RIGOLETTO

Conferenza di DINO RIZZO 

In collaborazione con Istituto nazionale di studi verdiani

 

La Toscanini