Home Dossier Festival Verdi 2017 Room Escape – Viva Verdi

Room Escape – Viva Verdi

806
0

Viva Verdi

ROOM ESCAPE – VIVA VERDI

Una stanza chiusa da cui uscire, indizi da trovare, retroscena da scoprire,

enigmi da risolvere, per un gioco a tema verdiano all’insegna del divertimento.

Sale del Baliatico, portici dell’Ospedale Vecchio

1, 6, 7, 8, 13, 14, 15, 20, 21, 22 ottobre 2017, ore 16.00, 18.00, 20.00, 22.00

prenotazione obbligatoria 

Una sfida avvincente sotto i portici dell’Ospedale Vecchio, nelle Sale del Baliatico, in Strada Massimo d’Azeglio 45, ogni venerdì, sabato e domenica di ottobre, alle ore 16.00, 18.00, 20.00, 22.00: Room Escape – Viva Verdiè un gioco di squadra per 2-6 persone che, chiuse in una stanza con altri partecipanti, devono risolvere enigmi, trovare indizi, scoprire i retroscena della trama a tema verdiano e, usando tutti gli oggetti a loro disposizione, uscire nel tempo massimo di 60 minuti.

È il 27 marzo 1854. Dopo una lunga giornata di lavoro, siete in una taverna a bere un bicchiere di lambrusco. Le taverne, di questi tempi, ospitano spesso personaggi schivi, che parlano sottovoce agli avventori. Diffondono le ultime dichiarazioni di Mazzini, passano fogli e libretti e dopo qualche bicchiere alzano un po’ troppo la voce inneggiando all’unità d’Italia. Anche voi fate parte di una società segreta chiamata “I Carbonari”. All’improvviso la porta si spalanca ed entra un soldato ferito. Lo riconoscete: è un vostro informatore. Si trascina al vostro tavolo e vi dice che hanno ucciso il Duca Carlo III. Corre voce che sia colpa dei Carbonari e che anche il Maestro Verdi sia coinvolto… Non vi resta che raggiungere il suo studio privato. e portare via tutto il materiale compromettente prima che arrivino i soldati.

Per partecipare al gioco la prenotazione è obbligatoria, il costo del biglietto è di 15-30 euro a persona, in base al numero di giocatori. Per informazioni prenotazioni www.room-escape.it/parma 

Verdi Off è realizzato dal Teatro Regio di Parma, in collaborazione con Comune di Parma-Parma 2200, “Parma, io ci sto!”.