Home PROGETTI Parmaonline Albino Ivardi Ganapini professore ad honorem dell’Università di Parma

Albino Ivardi Ganapini professore ad honorem dell’Università di Parma

100
0
Link
Albino Ivardi Ganapini
ganapini abbraccia Romano Prodi
Ganapini abbraccia Romano Prodi al’Università di Parma

Sarà Albino Ivardi Ganapini il nuovo professore ad honorem dell’Università di Parma: il titolo sarà conferito il prossimo lunedì 21 giugno.

La Cerimonia sarà trasmessa in diretta streaming, a partire dalle 11, dall’Aula Magna della Sede Centrale. A causa dell’emergenza sanitaria ancora in corso sarà infatti possibile seguire l’appuntamento collegandosi in diretta attraverso il sito web di Ateneo.

Albino Ivardi Ganapini sarà nominato professore ad honorem in “Cibo e Cultura territoriale”, per l’Ambito Agroalimentare, per la rilevanza e lo spessore della sua figura anche al di fuori dei confini territoriali: Dirigente per lungo tempo del Gruppo Barilla,

Albino Ivardi Ganapini

Assessore provinciale ad Agricoltura, Alimentazione e Attività Produttive dal 1999 nella Giunta del Presidente Andrea Borri, dal 2003 al 2012 Presidente del Consiglio di amministrazione di ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, di cui è attualmente Presidente onorario.

La cerimonia sarà aperta dall’intervento del Rettore Paolo Andrei. A seguire Daniele Del Rio, Presidente della Scuola di Studi Superiori in Alimenti e Nutrizione dell’Università di Parma e docente di Nutrizione Umana, leggerà la motivazione del conferimento e Filippo Arfini, Consigliere della Scuola e docente ordinario di Economia dell’Agricoltura, pronuncerà la laudatio per Albino Ivardi Ganapini. Poi la consegna della pergamena e la lectio magistralis del nuovo professore ad honorem.

L’evento gode del patrocinio dell’Associazione Alumni e Amici dell’Università di Parma.

Albino Ivardi Ganapini è il decimo professore ad honorem dell’Università di Parma. Il suo nome segue quelli dell’imprenditore Gian Paolo Dallara, del regista, pittore e scrittore Peter Greenaway, dell’imprenditore Valter Mainetti, del giornalista Luca Abete, dell’epidemiologo inglese Sir Richard Peto, dell’imprenditore Augusto Cattani, del cantautore Paolo Conte, del biochimico Wolfgang Gärtner e dell’esperto di sanità pubblica veterinaria Romano Marabelli.

Note biografiche di Albino Ivardi Ganapini
Laureatosi in Scienze Agrarie presso l’Università Cattolica di Piacenza nel 1961, è assunto dalla Barilla come addetto all’Ufficio Acquisti Materie Prime, ottenendo l’anno seguente la promozione a Dirigente dell’ufficio stesso e in seguito a Direttore Gestione Prodotti, in una delle tre divisioni del Marketing Barilla.

Dopo aver frequentato il corso European Marketing Program presso INSEAD a Fontainbleau, nel 1979 affianca Pietro Barilla nell’organizzazione e gestione dell’Ufficio Presidenza, che oltre all’assistenza al Presidente comprende Relazioni Esterne e Ufficio Stampa. Nel 1990 entra a far parte del Comitato Strategico di Gruppo. Lascia l’azienda per pensionamento nel 1995. Nel 1996 collabora con Romano Prodi alla fondazione del movimento per l’Ulivo, di cui diviene dirigente locale e nazionale.

Negli anni 1997, ’98 e ’99 è chiamato dall’Università di Parma a insegnare Economia Aziendale presso la Facoltà di Ingegneria come docente a contratto. Nel 1999 partecipa alle elezioni per l’Amministrazione Provinciale di Parma e diviene Assessore provinciale ad Agricoltura, Alimentazione e Attività Produttive nella Giunta del Presidente Andrea Borri.

Realizza in tale ruolo l’organizzazione del Distretto del Prosciutto di Parma, i Musei del Cibo e ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana presso la Reggia di Colorno, ricoprendo dal 2003 al 2012 il ruolo di Presidente del Consiglio di amministrazione. Attualmente è Presidente onorario.

Nel gennaio del 2019 ha ricevuto dal Comune di Parma la civica benemerenza della Medaglia d’oro del Premio S. Ilario “per avere contribuito a elevare il prestigio della Città”. (Parma, 07/06/2021)

Fonte Link: parma.repubblica.it

articoli correlati:

Arrivo di Romano Prodi all’Università di Parma per un inconro sull’Europa

 

La Toscanini