Home Rubriche Centouno IO VOTO IO CONTO

IO VOTO IO CONTO

272
0

Il mese di marzo è dedicato, anche per la CGIL di Parma, alla campagna di informazione sull’inadeguatezza delle risposte del Governo ai problemi innescati dalla crisi economica in atto e alla consultazione straordinaria sull’accordo separato sul modello contrattuale. Una scelta, quest’ultima, volta a garantire il rispetto del diritto dei lavoratori ad esprimersi con il voto nel merito degli accordi che li riguardano.

L’accordo quadro separato "Riforma degli assetti contrattuali" è stato firmato il 22 gennaio 2009 da Governo, CISL, UIL, UGL e dalle Associazioni Imprenditoriali. La costruzione di questa intesa separata contiene un’esplicita volontà di esclusione della CGIL.

Ma a tale accordo separato sulle regole per la contrattazione la Cgil non può che dire NO, innanzi tutto perché programma salari inferiori all’inflazione e non ne prevede mai il recupero e perché indebolisce il valore e il ruolo del contratto nazionale. Inoltre, non allarga la contrattazione di secondo livello e limita il diritto di sciopero.

Governo, Confindustria e Associazioni delle Imprese vogliono utilizzare la crisi per ridurre le tutele sociali, il lavoro, la contrattazione. La divisione sindacale viene utilizzata per provare ad imporre questa strada.

Sia data dunque la parola ai lavoratori e alle lavoratrici. La CGIL ha chiesto inizialmente di promuovere unitariamente un referendum, ma la risposta è stata negativa. Tuttavia, la stessa CGIL ritiene fondamentale chiedere un pronunciamento dei diretti interessati, che si impegna rispettare.

Tutti i lavoratori sono pertanto invitati a partecipare alle assemblee indette dalla CGIL, nelle quali, con il loro voto, saranno liberi di esprimere se condividono i contenuti dell’Accordo separato. Oltre all’attività nei luoghi di lavoro, la CGIL di Parma allestirà, sabato 21 e 28 marzo, gazebo informativi in Piazzale della Pace, per offrire informazioni sulla raccolta delle firme e sulla grande manifestazione in programma per sabato 4 aprile al Circo Massimo a Roma.

Ufficio Stampa
Cgil Parma