Home Economia e Finanza Cronaca Nera e Giudiziaria Il sindaco querela “La Sera”. Giunta: “Muro contro muro”

Il sindaco querela “La Sera”. Giunta: “Muro contro muro”

139
0

Il primo cittadino annuncia un'azione legale contro il giornale che ha diffuso la notizia di una sua presunta iscrizione nel registro degli indagati. Intanto, nel corso di una riunione di maggioranza, si è ripetuto lo scontro tra civici e pidiellini sulla data del prossimo consiglio comunale. Malumore per fuga di notizie. Un assessore: "Seduta surreale". Bilancio: si cercano 1milione e 700mila euro per i servizi all'infanzia

MARCO SEVERO

(parma.repubblica.it) Il sindaco querela il quotidiano "La Sera". Ad annunciarlo è lo stesso Pietro Vignali, all'uscita dalla riunione di Giunta svoltasi in mattinata: "Nel pomeriggio farò un comunicato stampa – dice il primo cittadino – è mia intenzione querelare il giornale che ha dato la notizia, assolutamente infondata, di un mio coinvolgimento nelle indagini della magistratura". Si dice allibito il sindaco da questa voce, a suo dire, "inventata" e comunque smentita dal capo della Procura Gerardo Laguardia: "Del resto io non ho mai ricevuto alcun avviso di garanzia" aggiunge il sindaco prima di salire a bordo di una Lancia Musa guidata da una donna.
 
Completo grigio, passo lento, solitario. Pietro Vignali esce dal Comune intorno alle 14, dopo una seduta di Giunta che qualcuno definisce "surreale". Secondo un assessore presente alla riunione, infatti, "oggi sembrava di essere in un'altra città: s'è discusso di tutt'altro, come se niente fosse". Falsa o vera che fosse, infatti, la notizia del giorno era quella della presunta indagine su Vignali. E invece niente, la riunione di maggioranza s'è aperta e chiusa "come se fossimo altrove".

Unica preoccupazione di alcuni assessori, secondo una fonte interna alla Giunta, "è stata la fuga di notizie che in questi giorni si starebbe verificando a danno dell'Amministrazione: come se fosse questa la priorità in questo momento". Roberto Ghiretti in particolare, assessore allo Sport, si sarebbe mostrato piuttosto indispettito dalle informazioni passate alla stampa: proprio quel Ghiretti che, poco più di 24 ore fa, scriveva nel blog Cittadella di Repubblica Parma: "Fra qualche mese io non ci sarò più e arriverà un commissario". Una notizia coi fiocchi.
 
Per il resto solo conferme dalla seduta di Giunta: "Muro contro muro sulle date del prossimo consiglio comunale e, quanto al consolidamento di bilancio, impegno da parte di Broglia (assessore al Bilancio, ndr) a reperire 1milione e 700mila euro, cifra da tempo chiesta dall'assessore Giovanni Paolo Bernini per i servizi all'infanzia". E' lo stesso Bernini a confermare, con una battuta, l'oggetto della discussione: "Vado, devo andare a cercare i soldi" dice salutando i giornalisti a cavallo della sua bici elettrica. La questione dell'ammanco e della necessità di mantenere il livello dei servizi era uscita fuori nel corso della precedente riunione dell'esecutivo LEGGI

Protagonisti del "muro contro muro", sul prossimo Consiglio comunale, sono stati invece – come del resto è noto – i civici da una parte e Vignali-Buzzi dall'altra: i primi vorrebbero infatti anticipare la prossima seduta, mentre ai secondi sta bene il 30 agosto come data, fissata dai capigruppo, per la nuova riunione. Qualcuno sotto i Portici del Grano mugugna e dice: "Poi spiegeranno loro alla città che, quando c'era da prendere decisioni importanti e decisive per evitare di mettere altro fango nelle pale del ventilatore della stampa, loro (i consiglieri e gli assessori del Pdl favorevoli ai tempi lunghi ndr) se ne stavano sul bagnasciuga in ferie con gli infradito ai piedi".

ZONI: PARTITA APERTA –
Non è ancora da escludere una convocazione la prima settimana di agosto. I tempi tecnici per la convocazione sono di cinque giorni prima la data fissata per la riunione e quindi i margini ci sono ancora. Ne è convinto l'assessore Paolo Zoni favorevole così come la componente civica ad approvare la manovra di bilancio nel più breve tempo possibile. "Se la delibera è pronta la si porti in Consiglio comunale, inutile tenerla in un cassetto. L'assessore Broglia, d'altra parte, si era impegnato a metterla in votazione in aula a fine luglio. E' opportuno adottarla subito perché si tratta di una priorità. Sarebbe un gesto di responsabilità verso una città che ha bisogno di sentirsi rassicurata. Se il voto sull'assestamento preoccupa qualcuno perché dopo si potrebbe staccare la spina ? Anche se la Giunta cade, il sindaco può continuare a governare fino a che ha i numeri in Consiglio. Io sono per andare avanti fin dove sarà possibile, facendo i passi adeguati".

CIVICI IN RIUNIONE –
Una scelta più radicale potrebbe arriare da Parma Civica nel caso la seduta di inzio agosto saltasse. E' in corso un summit.

LA NOTA DEL COMUNE – "Quanto scrive il quotidiano "La Sera" circa una mia iscrizione, da più di un anno, nel registro degli indagati in relazione all'inchiesta "Green Money" è molto grave". Così il sindaco di Parma Pietro Vignali annuncia la decisione di sporgere querela nei confronti del quotidiano locale "La Sera".

"Si tratta – prosegue Vignali –  di un'affermazione destituita di fondamento, tra l'altro prontamente smentita dalla Procura stessa, interpellata dalla stampa: in effetti non ho mai ricevuto informazione di garanzia al riguardo".

"Aggiungo – dice il primo cittadino ducale in risposta a un comunicato stampa del gruppo Pd – che la nota affrettata e forcaiola del gruppo consiliare del Pd, mi sembra oltretutto improvvida, soprattutto in questi giorni. Probabilmente la nota dell'opposizione è stata scritta senza alcuna verifica e prima della smentita degli organi inquirenti; ciò è ancor più grave perché rappresenta espressione di un costume di contrapposizione politica che non va per il sottile, non disdegnando bassi tentativi di strumentalizzazione, meglio ancora se arricchiti di notizie infondate".

"Penso – conclude Vignali –  che il diritto di cronaca e anche di critica non possa abbruttirsi nell'avvilimento della reputazione delle persone; per questo motivo ho dato mandato ad un legale di sporgere querela contro la testata stessa".
 

(26 luglio 2011)

Previous articleFiere di Parma, il nuovo cda all’insegna della continuità
Next articleApprovato il piano dei palazzinari della giunta-betoniera di Paese