Home Argomenti Ambiente e Ecologia MARCO ABLONDI SULL’EX VIGHI

MARCO ABLONDI SULL’EX VIGHI

128
0

L’immobile ex Vighi, già sede della storica Clinica Neurologica  cittadina, assoggettato a vincolo dalla Legge n:490/1999 e confermato sotto tutela dal D.Lgs n. 42/2004, è stato brutalmente manomesso, alterato e devastato  dagli interventi di nuova costruzione nell’area verde scoperta in corso di esecuzione, purtroppo assentito dal nostro Comune. Si tratta di vero e proprio misfatto culturale, ambientale e forse non solo ambientale portato a compimento con il concorso permissivo  di pubblici poteri.

Oggi il quotidiano La Sera pubblica un diffuso e articolato intervento che porta in luce documenti e comportamenti contradditori degli uffici comunali che evidenziano aspetti di mala gestione che se confermati potrebbero risultare contrari ai doveri d’ufficio e forse anche penalmente perseguibili. Dobbiamo qui ricordare che l’intervento edilizio dell’ex Vighi è già stato in passato oggetto  di nostra  interpellanza  relativa  al realizzando parcheggio sotterraneo e al pagamento degli oneri di urbanizzazione a risposta scritta  che ci ha lasciati del tutto insoddisfatti. Ci siamo altresì occupati dell’incomprensibile  ingiustificabile e illegittimo abbattimento  degli alberi storici presenti nel parco che costituivano vero e proprio” polmone verde” dell’oltretorrente. Le  inadeguate risposte dell’Assessora al verde ci hanno costretti a presentare motivato e documentato esposto al Procuratore della Repubblica.

La vicenda dell’ex Vighi così come riproposta  dal quotidiano La Sera evidenzia una volta di più la mala gestione del governo della Città. E’ ormai dimostrato, i fatti sono davanti agli occhi di tutti e non solo a Parma, il totale fallimento delle politiche di governo del Sindaco e della sua Giunta. Non siamo  più in presenza di fatti episodici ma di un sistema che va arrestato in fretta pena ulteriori danni per la Città

.Parma,5 agosto 2011

Marco Ablondi

Previous articleIl Consiglio Comunale di Paese vota l’acquisizione di una montagna di rifiuti inquinanti
Next articleLa Somalia sta morendo