Home Argomenti Sorgenti (politica) OBAMA: IL SOGNO AMERICANO DIVENTA LA SPERANZA DEL MONDO

OBAMA: IL SOGNO AMERICANO DIVENTA LA SPERANZA DEL MONDO

136
0

Giampiero Gramaglia

(ansa.it) ROMA – C’e’ qualcosa di nuovo oggi nell’aria: non solo negli umori della diplomazia internazionale, ma anche nell’umore della gente comune, a Roma e a Pechino, a Londra e a Mosca, a Parigi e a Berlino, in Africa e in Giappone, ovunque, non solo a Washington e a Chicago, la citta’ del vento e dei grattacieli, che e’ ora la vice capitale degli Stati Uniti.

Il Mondo s’e’ svegliato con l’allegria della fiducia, perche’ la vittoria di Barack Obama nelle presidenziali americane, l’approdo di un nero alla Casa Bianca, la realizzazione di un sogno americano ha acceso la speranza di tutto il Pianeta; c’e’ la sensazione di vivere l’alba d’un giorno diverso. C’e’, nei confronti di Obama, un pregiudizio favorevole inversamente proporzionale alle diffuse riserve nei confronti di George W. Bush, il presidente degli attacchi terroristici dell’11 Settembre 2001, che avevano suscitato commossa simpatia verso gli Stati Uniti, ma anche l’uomo delle scelte unilaterali in politica estera, ispirate dall’ideologia neo-con, specie nel primo mandato segnato dall’avvio della guerra in Afghanistan e dall’invasione dell’Iraq.

L’elezioni di Obama suscita due ordini di speranze e attese: quelle di un Mondo piu’ solidale dove la Super-Potenza consulti gli alleati e i partner, tenga conto dei loro pareri, rispetti sempre la legalita’ internazionale; e quelle, individuali, della possibilita’ di realizzare le proprie aspirazioni, anche quella che ‘in un Paese libero oggi io non sono nessuno e domani sono il presidente della Repubblica’, come cantavano nel 1968 I Giganti, il gruppo di ‘Tema’.

Obama s’insediera’ alla Casa Bianca il 20 gennaio forte di un capitale di credito e di credibilita’ molto alto; e l’accompagna la consapevolezza che non potra’ certo risolvere da solo d’un colpo le crisi che ingombrano la sua agenda, da quella dell’economia -la piu’ grave e la piu’ urgente, per i cittadini statunitensi- a quelle dei fronti di guerra al terrorismo; dal conflitto israelo-palestinese a quelli dell’Africa -il Darfur e il Congo-; allo sfide epocali del dialogo fra civilta’ e della lotta contro la poverta’ e per l’eradicazione dei flagelli che sono i cancri del XXI Secolo. Nessun governo di nessun continente puo’ attendersi miracoli dall’Amministrazione Obama, ma tutti s’aspettano cooperazione e concretezza. E nessuna capitale sbatte la porta al dialogo con il presidente eletto. Nelson Mandela, l’icona della lotta contro l’apartheid, parla di un mondo migliore. Obama ha gia’ dimostrato di sapere tradurre i sogni in realta’.

”Dio lo assista” e’ l’augurio con cui la Santa Sede l’accompagna sulla soglia di una ”immensa ed altissima” responsabilita’: ”un’occasione storica”. L’Unione europea, che di fronte a Bush si divise, parla di ”svolta” e spera in un nuovo ‘new deal’, globale questa volta e non solo americano: Obama, cioe’, non come un John F. Kennedy, il paragone piu’ immediato, ma come un Franklyn D. Roosevelt dei mercati, ma pure del clima, dell’ambiente e dell’energia. Il segretario generale delle Nazioni Unite, il sudcoreano Ban Ki-moon, individua ”un’opportunita’ storica” per un’era di rinnovato multilateralismo.

Israeliani e palestinesi palesano cauto ottimismo, il mondo arabo saluta l’uomo che non ama la guerra. I sorrisi piu’ tirati sono quelli russi: il presidente Dmitri Medvedev auspica ”un nuovo respiro” nei rapporti, non piu’ idilliaci, tra il Cremlino e la Casa Bianca, ma non attenua l’opposizione al progetto americano di scudo anti-missile e mantiene una linea di difesa ‘sovietica’. Dopo il tempo delle attese, che e’ questo, persino messianico, in certe esagerazioni, e quello degli esordi della sua gestione, tra inverno e primavera, per Obama il presidente verra’ il tempo della verifica del reale clima delle relazioni internazionali: una delle prime multilaterali sara’ in Italia, al G8 di luglio, con i leader dei Grandi del Mondo.

PRIMA NOMINA, EMANUEL NUOVO CAPO DI GABINETTO Il deputato di Chicago Rahm Emanuel ha accettato il posto di chief of staff (capo di gabinetto) nella nuova amministrazione Obama. E’ la prima nomina del nuovo presidente eletto. Lo annuncia la rete tv Cnbc.
LE TAPPE DELLA LUNGA NOTTE DELLA VITTORIA Questi i momenti salienti della lunga notte che ha sancito la vittoria Barack Obama nelle elezioni presidenziali americane (le ore indicate sono quelle della costa est degli Stati Uniti e quella italiana).

19:02 – 1:02 – Barack Obama conquista il primo stato ad essere assegnato, il Vermont.

19:20 – 1:09 – La Cbs attribuisce la Virginia, dal ’64 feudo repubblicano, ad Obama, un segnale che sara’ confermato solo alle 4:46.

21:20 – 3:20 – Obama conquista l’Ohio, stato essenziale per la vittoria. Con questo successo Obama acquisisce la certezza di diventare presidente degli Stati Uniti. Ai 200 voti gia’ assegnati fin a quel momento Obama puo’ aggiungere quelli sicuri della California (55), dell’Oregon (7) e dello Stato di Washington (11). Arriva cosi’ a quota 273, superando il quorum di 270.

23:03 – 5:03 – Con l’assegnazione della California Obama diventa matematicamente presidente.

23:06 – 5:06 – Tutte le tv americane annunciano che Obama e’ il nuovo presidente degli Stati Uniti.

23:23 – 5:23 – Il candidato repubblicano John McCain si congratula con Obama.

23:34 – 5:34 – Il presidente George W.Bush chiama Obama per congratularsi.

00:04 – 6:04 – Obama, davanti ai suoi sostenitori riuniti al Green Park di Chicago, proclama: ”oggi prova che nulla in America e’ impossibile”.

Previous articleE’ MORTO LO SCRITTORE MICHAEL CRICHTON
Next articleOBAMA: LA FORZA DELLA SPERANZA