Home Parmaonline Pilotta (Parma città) PARMA: RIMPASTO DI GIUNTA

PARMA: RIMPASTO DI GIUNTA

62
0
Link

PARMA – Sprechi, moltiplicazione di ruoli, incompatibilità , "riduzione" della presenza femminile all’interno della Giunta : i consiglieri comunali di opposizione hanno convocato un incontro con i giornalisti per contestare il recente rimpasto operato dall’Amministrazione comunale . Tra assessori che hanno cambiato incarico , nuovi ingressi, eliminazione di deleghe, << questo non è un rimescolamento ma una vera e propria…nuova Giunta con ben sei assessori che cambiano ed un deciso mutamento nel peso delle rappresentanze>> come ha puntualizzato per i colleghi il capogruppo Giorgio Pagliari.

Sarà possibile la coesione? Potrà…reggere politicamente l’inedito governo della città?  Intanto, numerosi sarebbero i casi di incompatibilità degli incarichi con la professione svolta dagli stessi assessori, senza contare -come aggiunge il consigliere Giuseppe Massari- << il fatto che viene a crearsi una struttura pletorica con enormi e non giustificabili costi di gestione>>. << Quattordici assessori e cinque agenti…>>: le cifre si commentano da sole, secondo la consigliera Carla Mantelli.  La consigliera Natalia Borri si sofferma invece sul provincialismo che le scelte dell’Amministrazione dimostrerebbero, soprattutto in ambito culturale: << assistiamo, in particolare per quanto riguarda la cultura, ad una produzione contraddistinta da trionfalismo oltre che generalistica>>.  Quanto alla composizione della Giunta ed al recente rimpasto , << occorre criticare lo spreco la confusione dei ruoli che caratterizzano le decisioni dell’Amministrazione: 14 assessori, 5 agenti ..per una Giunta che si presenta come virtuosa, un notevole spreco di denaro pubblico >. A detta del consigliere Giuseppe Crialesi Esposito, è sorprendente che dopo la garanzia della Giunta stessa sul fatto che si trattasse della migliore squadra possibile  dopo un anno e mezzo già si sostituiscano assessori: si pensi a Trasatti e a Zoni…

 Il centrodestra non avrebbe alcuna intenzione di operare una valutazione realistica della situazione; valutazione che sarebbe tanto più necessaria poiché molti sono i casi di incompatibilità(a detta della stessa opposizione): se Lorenzo Lasagna si è dimesso dalla Proges per potersi occupare di politiche sociali, Ghiretti neo assessore allo sport si trova in una posizione delicata essendo titolare di una società che organizza eventi sportivi spesso in collaborazione con gli Enti locali.

E ancora: esiste da parte dell’Amministrazione comunale un reale interesse nei confronti delle esigenze dei lavoratori che vivono in questo momento situazioni drammatiche (licenziamenti, cassa integrazione)?  Il Comune dovrebbe farsi carico di queste impegnative vertenze e -tra gli ambiti in cui apportare migliorie- operare innanzitutto sul fronte della viabilità. In merito poi all’operato dell’assessore all’Ambiente Cristina Sassi, sempre secondo il consigliere Massari non è buona cosa che abbia conservato il proprio posto: << la trovo del tutto inadeguata , penso per esempio al mancato completamento delle opere relative al Canale Naviglio ed alle insoddisfacenti politiche per i rifiuti . Per non citare il-..non ascolto dei cittadini (anche per quanto concerne, per esempio, la bonifica del Canale Naviglio).Il consigliere comunale Matteo Caselli ha invece rilevato come non si sia poi costituita la tanto attesa Consulta per le Politiche giovanili, così come la carta per i giovani.

Altro problema , altra questione insoluta: dopo la dimissione dell’assessore Lavagetto …da quella delega, come si provvederà al benessere giovanile?

Veronica Pallini

La Toscanini