Home Dossier CISA SS 62 Pessime condizioni della Strada della Cisa

Pessime condizioni della Strada della Cisa

425
0

Berceto, 11 aprile, 2009

Oggetto: Lavori appaltati sulla Strada della Cisa nel tratto Piantonia Passo Cisa

Denuncia delle pessime condizioni della Strada.

Signor Prefetto di Parma,

chi scrive è Luigi Lucchi Presidente dell’associazione non – profit Strada della Cisa. Nonostante il meritorio impegno del capo di compartimento Anas di Bologna e dei suoi collaboratori; nonostante l’interesse del Presidente della Provincia e dell’Assessore Ugo Danni, i lavori stanziati e assegnati per un importo di 1,4 milioni di euro, per i primi interventi urgenti sulla Strada della Cisa, non iniziano. Nel contempo alcune gravi situazioni come il muro di sostegno in loc. Case Brusini a Berceto, il manto stradale, i muretti e i guard-rail, sono notevolmente peggiorate anche per il cattivo inverno. La Strada, praticamente, per la pericolosità che s’è venuta a creare, andrebbe chiusa al traffico dei non residenti.

Con l’avvento della Primavera si registra, proprio per le condizioni, direi impraticabili della strada, una netta diminuzione di turisti e motociclisti. Questo comporta, nell’attuale crisi finanziaria, un danno economico insostenibile per i pochi esercizi commerciali, i ristoranti e i bar che vivono, prevalentemente, con questo turismo. E’ in programma, inoltre, un cicloraduno della Federazione Italiana Amici della Bicicletta per il 24 maggio e restando le attuali condizioni del manto stradale siamo costretti, come Associazione, anche per un motivo d’immagine, essendo il raduno, solitamente, frequentato da molti stranieri, a chiederne la soppressione. Non possiamo, inoltre, programmare i festeggiamenti dei novanta anni dal debutto d’Enzo Ferrari come corridore nella Parma/Poggio (5 ottobre 1919 – 5 ottobre 2009)

Serve un intervento urgente. Serve iniziare subito i lavori finanziati grazie all’interesse dei responsabili Anas regionali che sono riusciti, direi per miracolo, ad ottenere una parte dei finanziamenti necessari. Si ringrazia per l’attenzione

IL PRESIDENTE
Luigi Lucchi