Home Argomenti Sorgenti (politica) Ballottaggi in Francia, nessuna regione a Le Pen. Ora lo spoglio: 5...

Ballottaggi in Francia, nessuna regione a Le Pen. Ora lo spoglio: 5 a Sarkozy e 5 ai socialisti

180
0

Xavier Bertrand dei Republicains ha vinto le elezioni nella regione Nord Pas de Calais-Picardie con il 57,7% dei voti contro il 42,3% di Front National. E’ il risultato dei primi exit poll. Le Pen: “Contro di noi intimidazioni e manipolazioni”

PARIGI – Una battaglia all’ultimo voto ma alla fine ha vinto la paura dell’ultra destra: i primi exit-poll diffusi in Francia alla chiusura dei seggi confermano che il Front National di Marine Le Pen non ha vinto in nessuna regione. Cinque sono andate ai Republicains di Sarkozy, cinque ai socialisti che non hanno abbassato la guardia. Xavier Bertrand dei Republicains ha vinto le elezioni nella regione Nord Pas de Calais-Picardie con il 57,70% dei voti contro il 42,30% di Marine Le Pen. Testa a testa nelle altre 3 regioni.

Perde il ballottaggio anche la nipote di Marine Le Pen, Marion Maréchal-Le Pen, candidata del Front National nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Secondo gli exit poll a chiusura dei seggi, i conservatori hanno vinto con il 54,5% contro il 45,5 dell’ultradestra. Nella triangolare del ‘Grand Est’, la regione Alsazia-Champagne-Ardenne-Lorena il candidato dei repubblicani Philippe Richert conquista il primo posto. Secondo le prime stime è al 47,6% delle preferenze contro il 36,6% del candidato lepenista Florian Philippot. Meno del 16% per Jean-Pierre Masseret, il ‘terzo incomodo’ dei socialisti che rifiutò l’ordine di scuderia di ritirarsi dalla corsa per favorire la vittoria della destra moderata.

“Questo è il prezzo da pagare per l’emancipazione di un popolo. Grazie a tutti militanti che con il loro impegno, la loro energia hanno permesso il risultato del primo turno, sradicando il partito socialista a livello locale” ha detto la leader del Front National, Marine Le Pen, commentando i risultati. “Voglio esprimere la mia gratitudine ai più di 6 milioni di francesi” che hanno votato Fn e “hanno saputo rifiutare le intimidazioni e le manipolazioni. La svolta elettorale del primo turno è servita a smascherare le menzogna in cui versa il sistema politico francese”.

Bertrand ha subito preso la parola nel suo quartier generale per ringraziare chi lo ha votato, anche “gli elettori di sinistra che hanno fatto sbarramento” contro l’estrema destra. “Non è una mia vittoria, non è una vittoria politica, è la vittoria della gente”, ha detto.

Oggi 44,6 milioni di francesi erano chiamati alle urne per i ballottaggi delle regionali. Al primo turno il Fn aveva conquistato la palma di partito più votato, sfiorando il 28 per cento, con i Républicains di Nicolas Sarkozy al 27 e i socialisti al 23 per cento. “In un momento grave, non abbiamo ceduto niente”, sono state le prime parole del primo ministro socialista, Manuel Valls, dopo l’annuncio dei risultati.

“Questa mobilitazione di elettori non deve essere usata come pretesto per dimenticare l’avvertimento dato dai francesi al primo turno” ha detto l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy. “L’unità nel partito, l’unione con il centro e il rifiuto di ogni compromesso con l’estrema destra ha permesso questo risultato – ha aggiunto – per questo, questi principi devono restare nostri anche in futuro”

SPECIALE ELEZIONI / COME SI VOTA

il Ps aveva chiesto ai propri elettori di votare per la destra di Sarkozy lì dove non aveva alcuna possibilità di vittoria. L’ex presidente Sarkozy non sembrava avere dubbi: “Siamo l’unica alternativa credibile”, aveva detto mentre il premierManuel Valls a sua volta alzava i toni dello scontro, evocando addirittura il rischio della guerra civile in caso di vittoria del Front national
 
Fonte Link:  http://www.repubblica.it/esteri/2015/12/13/news/elezioni_francia_eliseo_risultati-129402510/?ref=HREA-1

Previous articleDomenica 13 dicembre 2015 Santa Lucia
Next articleGiubileo della Misericordia, si apre la Porta Santa in Cattedrale a Parma: Omelia del vescovo Enrico Solmi. La misericordia è farsi prossimo, senza mettere sé stessi al centro, ma l’altro